ULTIMA - 26/5/19 - TUTTI I VERDETTI DEGLI INCONTRI DI OGGI

Nel ritorno dei play-out di serie C, la Virtus Verona di mister Gigi Fresco cade 2 a 0 a Rimini e torna in serie D, dove andrà a fare compagnia all'Ambrosiana e al Villafranca, che si sono salvate ai play-out, e al Vigasio e Caldiero promosse quest'anno dall'Eccellenza. Nel campionato di Promozione, l'Albaronco perde al 3° turno
...[leggi]

ULTIM'ORA

15/12/18
MARTANI TORNA A CASA: "MI SONO MANCATI TUTTI QUI, È UNA FAMIGLIA"

I ritorni sono sempre belli, ma alcuni ancora di più. Alice Martani è tornata e vestirà ancora la maglia gialloblù. Dopo l’esperienza nella massima serie l’ex numero 9 della Fortitudo ha deciso di tornare a casa. La trascinatrice della scorsa stagione, la bomber che con i suoi gol ha aiutato la squadra nell’impresa, è finalmente tornata.

Perché hai deciso di tornare alla Fortitudo Mozzecane? «Ho deciso di tornare perché mi sono sempre trovata benissimo, sia con la società, sia con lo staff, sia con le mie compagne. Per me tornare qui significa tornare a casa. In questo momento abbastanza difficile ho bisogno di acquisire sicurezza nei miei mezzi e credo che la Fortitudo sia la squadra giusta per farlo».

Quali sono i tuoi obbiettivi personali dopo questo ritorno in gialloblù?
«Il mio obbiettivo personale è migliorare giorno dopo giorno, sempre di più, per aiutare la squadra a raggiungere il suo obbiettivo. L’obbiettivo più importante è divertirmi insieme alle mie compagne».

L’esperienza in serie A com’è stata per la tua crescita?
«Questa esperienza mi ha fatta crescere molto, dal punto di vista calcistico e non solo. È stata un’avventura difficile ma che sicuramente ha influito su di me sotto vari aspetti».

Quali sono le maggiori differenze che hai notato giocando nel massimo campionato? «Il livello delle atlete che è molto alto, la velocità di gioco, l’intensità e la forza fisica. Sicuramente è un campionato molto difficile, bisogna sempre avere una condizione atletica di alto livello».

Quest’anno la Fortitudo ha le potenzialità per puntare a qualcosa di grande. Dopo la scorsa stagione, in cui sei stata fondamentale per la promozione nella serie B nazionale, che significato avrebbe per te essere ancora decisiva e trascinatrice della squadra? «Essere la trascinatrice della Fortitudo sarebbe bellissimo, ma ora non voglio pensare a questo. Voglio pensare a fare del mio meglio e ad aiutare la squadra in questo percorso. Sono a totale disposizione del gruppo, e sono sicura che faremo bene insieme».

Sei stupita del bel percorso che le gialloblù hanno fatto fin’ora?
«Non sono assolutamente stupita che la Fortitudo stia andando bene. Ho sempre avuto fiducia nella squadra, nella società e nel mister. Ero sicura che avrebbero fatto un bellissimo campionato».

La squadra ha fatto vari acquisti per affrontare questa stagione. Un bel mix tra nuove arrivate e vecchia guardia. Ti sono mancate le tue compagne in campo? «Mi sono mancate veramente tanto. Abbiamo condiviso momenti bellissimi insieme l’anno scorso. Se devo essere sincera non pensavo di riuscire a legarmi così tanto a loro causa del mio carattere un po’ chiuso. Loro mi hanno fatto sentire a casa, quindi sono molto contenta di essere tornata e di far battere ancora questo cuore matto insieme a loro».

Come conferma Valeriano Bragantini, dirigente della Fortitudo che ha diretto il ritorno dell’attaccante, Martani è mancata: «Alice ha lasciato sicuramente un vuoto importante, per questo siamo molto felici del suo ritorno. Quando ha avuto l’opportunità di giocare in serie A siamo stati dispiaciuti per la sua partenza, ma al tempo stesso siamo stati felici per lei perché si è meritata di poter giocare nel massimo campionato. La serie A è stata un’esperienza per lei, magari per certi aspetti non del tutto positiva, ma comunque un’esperienza importante. Ha lasciato un bellissimo ricordo in noi, quindi siamo felici che sia ancora qua, finalmente è tornata da noi».

Riccardo Cannavaro per www.pianeta-calcio.it
Foto: Graziano Zanetti Photographer












Visualizzato(912)