ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

ULTIM'ORA

5/1/19
DOMANI GIALLOBLU' IN CAMPO CONTRO LA JUVENTUS

TARENZI E MASCANZONI SONO FIDUCIOSE. "CONTRO LE BIANCONERE NON PARTIAMO GIA' BATTUTE"

Senza paura, contro la regina del girone. Nel posticipo della prima giornata di Serie A un ChievoVerona Valpo riposato e animato da un grande desiderio di riscatto ospita domani alle 12.30 all’Olivieri di via Sogare la Juventus campione d’inverno. Il 2019 della formazione clivense parte subito con l’impegno sulla carta più complicato del torneo: le bianconere del tecnico Rita Guarino governano la massima serie, forti di 28 punti, frutto di nove vittorie, un pareggio ed una sola sconfitta. All’andata la Vecchia Signora si impose con un inappellabile 6 a 0, un esito che domenica capitan Boni e compagne faranno di tutto per scongiurare.

Il Valpo infatti intende vendere cara la pelle. «Penso che siano loro quelle che hanno più da perdere – spiega Stefania Tarenzi, capocannoniere gialloblù con sette centri – ci stiamo preparando bene all’incontro, provando diverse situazioni tattiche in allenamento anche in base al loro probabile schieramento di gioco. Nel secondo tempo contro il Milan abbiamo reagito al momento negativo, dimostrando di avere le qualità per mettere in difficoltà chiunque: sono convinta che anche in questa “prima” di ritorno possiamo fare bene. Giocano in undici anche loro, hanno due gambe e due braccia. Non partiamo già battute».

Il gruppo come mezzo per uscire dal vortice negativo. Tarenzi indica lo spogliatoio come arma in più del Chievo nelle prossime undici giornate. «Solo insieme possiamo metterci alle spalle un’andata così travagliata – conclude il numero nove scaligero – dobbiamo stare unite e dare tutte un qualcosa in più rispetto a quanto dato finora. Credo nel valore di questa squadra».

Anno nuovo vita nuova. Archiviata la sosta natalizia, il ChievoVerona Valpo si appresta a tornare sul rettangolo di gioco con il desiderio di mettersi alle spalle le difficoltà di un girone di andata estremamente complicato. Nel posticipo domenicale contro la Juventus, la compagine clivense fa affidamento sulla determinazione e sul carattere sciorinati nella ripresa dell’ultima gara all’Olivieri, una frazione che, anche secondo Debora Mascanzoni, deve rappresentare per la squadra un nuovo inizio. «Per noi questo deve essere l’anno del cambiamento – commenta la centrocampista gialloblù – già contro il Milan si sono visti dei miglioramenti, in quanto il finale è stato beffardo: se quel rigore fosse entrato, la partita e il suo risultato sarebbero stati indubbiamente visti in un altro modo. Sono molto fiduciosa in ottica di questo 2019 e sono sicura che lavoreremo bene. Nel secondo tempo contro la formazione rossonera abbiamo combattuto molto ed è quello che ci aspetterà anche nella prossima partita: per noi quella contro la Juve rappresenta una bella prova, nella quale non vogliamo abbassare la testa. Non si molla niente».

Ufficio Stampa e Comunicazione ChievoVerona Valpo SSD
per
www.pianeta-calcio.it









Visualizzato(206)