ULTIMA - 21/2/19 - 1^ EDIZIONE DELLA VIAREGGIO WOMEN'S CUP, ECCO LE 8 SQUADRE

Bologna, Fiorentina, Florentia, Genoa, Inter, Juventus, Sassuolo e Spezia sono le otto formazioni femminili che dal 18 al 26 marzo prossimo daranno vita alla prima edizione della Viareggio Women’s Cup, organizzata dal Cgc Viareggio: la manifestazione, come il torneo maschile, è riservata alle formazioni Primavera. Il torneo femminile sarà articolato in due
...[leggi]

ULTIM'ORA

17/1/19
DANIEL ZAMBONI (PEDEMONTE), LO SPECIALISTA DELLE PUNIZIONI

Vince ancora il Pedemonte di mister Stefano Modena che espugna il difficile campo del Quaderni della presidentessa Sara Olivieri imponendosi per 2 a 0. Gol in apertura del difensore classe 1996 Michele Righi e raddoppio di Daniel Zamboni, direttamente su punizione, a 5 minuti dalla fine. Continua al meglio il nuovo anno dei biancorossi che portano a casa, dopo la vittoria casalinga di domenica scorsa contro il Real Lugagnano, altri tre preziosi punti contro la compagine allenata da mister Nicola Chieppe, seconda forza del girone.

Si dimostra specialista delle punizioni la punta classe 1990 Daniel Zamboni, il quale fa il tris dopo le due magistrali punizioni trasformate in rete domenica scorsa contro il Real. E’ visibilmente contento del suo momento: "Grazie alla mia rete abbiamo messo definitivamente a sedere un Quaderni mai domo che ci ha dato aspra battaglia fino alla fine - dice Zamboni -. Una bella vittoria che ci rilancia ancor di più in classifica. Adesso siamo in piena corsa per i play off con il quinto posto a 25 punti e guardiamo con serenità al futuro. Domenica prossima ci aspetta un’altra partita delicata davanti ai nostri tifosi, il derby contro il Parona. Una gara da tripla perchè a noi servono punti per restare in zona play-off e a loro servono tre punti per uscire dalla zona calda. Ci sarà da divertirsi”.

E’ un ragazzo umile e determinato, Daniel Zamboni. Fa il piastrellista nella ditta familiare del padre. Il calcio per lui è passione e dedizione. E' uno specialista delle punizioni: “Un gesto tecnico che amo molto - spiega l’attaccante biancorosso -, fin da bambino seguivo i grandi campioni di serie A tirare le punizioni in televisione. Non vedevo l’ora di andare sul campetto a provarle per migliorarmi. Poi sono cresciuto ed ho affinato la tecnica”.

Una carriera, quella di Zamboni, iniziata nelle giovanili del Chievo Verona fino a giungere alla Primavera. Ed ancora tre pimpanti anni nelle file del Team S.Lucia, due al CastelnuovoSandrà, uno all’Arbizzano, uno al Concordia ed infine al Pedemonte del presidente Alberto Fedrigo. Sono più di dieci le punizioni segnate durante gli anni giocati tra i nostri dilettanti, ma Daniel non ama troppo crogiolarsi sugli allori ed è già prontissimo a nuove sfide e nuovi gol, magari sempre su punizione. “Voglio continuare a gonfiare la rete per la causa del Pedemonte. Certo le punizioni mi esaltano, non lo nego, ma è bello segnare anche in altri modi. Mi trovo molto bene al Pedemonte, la dirigenza è determinata e corretta. Mister Stefano Modena è un allenatore che sa il fatto suo e noi giocatori siamo un gruppo di amici, in campo e fuori dal campo, che vuole conquistare più punti possibili”.

A fine allenamento Daniel si esercita a tirare una quarantina di punizioni, che spesso vanno a bersaglio: “Ho iniziato a tirare bene le punizioni sotto la guida di mister Fausto Nosè, che ora mi segue dal cielo. Un ottimo allenatore, che ha vestito le divise dell’Hellas Verona e del Chievo, e che ha portato il Tregnago in serie D. Ma non mi sono di certo fermato nel migliorarmi, ovunque andavo a giocare a fine allenamento mi esercitavo con le punizioni. Un colpo balistico dove sei tu solo contro il portiere avversario, sta a te tirare in modo perfetto e fulmineo per aggirare la barriera e mettere la sfera in rete. Quando segno è sempre un emozione bellissima. Mi ripaga di tutti i sacrifici fatti in questi anni per continuare a giocare a calcio”.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(718)