ULTIMA - 19/3/19 - VEDIAMO CHI RISCHIA I PLAY-OUT IN 2^ CATEGORIA ..

Girando i campi per assistere a dei recuperi di Seconda categoria ci siamo accorti che molte squadre non erano al corrente del nuovo regolamento di quest'anno per quanto riguarda i play out di questi campionati che dovranno decidere chi retrocederà al Campionato di Terza categoria 2018-2019. Abbiamo quindi interpellato il delegato della FIGC di Verona
...[leggi]

ULTIM'ORA

13/2/19
SALVAGNO (PEDEMONTE): "I PLAY OFF SONO ALLA NOSTRA PORTATA"

Rispetto per tutti ma paura di nessuno, questo è il credo del Pedemonte del portiere classe 1999 Filippo Salvagno, arrivato in biancorosso dall'Ambrosiana. La sua squadra corre ed è ben organizzata. Sul campo esprime un buon potenziale ed è ben sorretta da un centrocampo consistente capace di confezionare palloni pericolosi per le proprie punte. "Sappiamo di essere un buon gruppo - sottolinea Salvagno -. Operiamo buone ripartenze e quando i movimenti sono perfetti sappiamo veramente fare del male, calcisticamente parlando, alle nostre compagini avversarie. Commettiamo però alcuni errori di gioventù e non sempre leggiamo le gare nei momenti cruciali. Dobbiamo essere più cinici e proteggere meglio la palla, comandando noi il gioco".

Il Pedemonte di mister Stefano Modena, nelle ultime settimane, ha perso punti importanti. Occupa attualmente la sesta piazza nel girone A di Prima categoria alla pari del Real Grezzana Lugo con 30 punti raccolti in 21 partite, ad un solo punto dalla zona play off occupata da Lugagnano, ed a soli 3 punti dal secondo posto occupato in coabitazione da Concordia, Quaderni e Olimpica Dossobuono. "Il PescantinaSettimo, che è la capolista incontrastata con 13 punti più delle rivali, va davvero fortissimo - ammette Salvagno -. Ha costruito una squadra forte fisicamente con giocatori di categoria superiore. Spesso opera con velocità il cambio di gioco, e quando manda in gol il trio di attaccanti Bonato, Bonetti e Felisbinho, sono dolori per tutti. Non mi dispiacciano nemmeno Dossobuono e Quaderni, ma devono imparare a tenere il passo. Anche Lugagnano e Concordia sono lì in alto e senza dubbio pure loro si giocheranno un posto ai play-off".

Spende delle ottime parole sul duo tecnico formato da Stefano Modena e Giorgia Brenzan: "Due ottimi tecnici, molto bravi e preparati, un lusso per questa categoria. Giorgia, che da giocatrice è stata un ottimo portiere nel calcio femminile, con oltre cento presenze in Nazionale, mi da ogni settimana preziosi consigli, ed io ne faccio tesoro. Vado molto d’accordo con loro. Sono l’anima di questo Pedemonte assieme alla dirigenza guidata dal presidente Alberto Fedrigo". Fanno parte dello staff tecnico del Pedemonte, anche il fisioterapista Alessio Garzon, lo storico preparatore dei portieri “Mao” Vantini , il team manager Claudio Farina ed il guardalinee Federico Rossi.

Forte di un settore giovanile di ottima levatura, il Pedemonte, che la scorsa stagione è arrivato terzo in campionato, vuole ogni anno migliorarsi.. "Non ci poniamo limiti - continua Salvagno - e vogliamo divertirci alla nostra maniera, cercando di conquistare più vittorie possibili. Il torneo ci mette di fronte ad altre nove importanti sfide da vincere, e noi ci proveremo da qui alla fine senza pause".

Salutandoci il numero uno del Pedemonte ci dice: "Guardiamo adesso con fiducia alla prossima partita casalinga contro il Calmasino. Una gara delicata perchè veniamo da una sconfitta interna col San Zeno e dal pareggio rocambolesco di Arbizzano, dove, contro la squadra gialloblu di mister Massimiliano Canovo, avevamo chiuso il primo tempo in vantaggio di due gol grazie a Rizzi ed Ambra. Poi nel secondo ci siamo fatti raggiungere incassando le reti di Tomba e Smania. Questi cali di tensione non devono più capitare. Contro il Calmasino i tre punti sono d’obbligo".

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(541)