ULTIMA - 19/3/19 - VEDIAMO CHI RISCHIA I PLAY-OUT IN 2^ CATEGORIA ..

Girando i campi per assistere a dei recuperi di Seconda categoria ci siamo accorti che molte squadre non erano al corrente del nuovo regolamento di quest'anno per quanto riguarda i play out di questi campionati che dovranno decidere chi retrocederà al Campionato di Terza categoria 2018-2019. Abbiamo quindi interpellato il delegato della FIGC di Verona
...[leggi]

ULTIM'ORA

25/2/19
IL LEGNAGO CEDE IN CASA CONTRO IL PONTISOLA (1-2)

UNA SCONFITTA CHE ALLARMA. E DOMENICA TRASFERTA PROIBITIVA AL "MARTELLI" DI MANTOVA

Il Legnago perde incredibilmente in casa con il Pontisola e parte del pubblico a fine gara contesta l’allenatore Andrea Pagan. Il Legnago rispetto alla formazione schierata la domenica precedente inizialmente con il Como ha cinque diversi giocatori:  Dabo, Bruni, Sandrini, Mantovani e Vita. Peinato è infortunato in tribuna. In panchina con il portiere Colella ci sono Porcaro, Di Dionisio, Kouame, Taylor, Gulinatti, Darraji, Pennacchio e Cocuzza. L’allenatore del Pontisola Giacomo Curioni, reduce da due sconfitte casalinghe consecutive, con Scanzorosciate (0-3) e Olginatese (2-3), non può schierare gli squalificati Recino (bomber della squadra con 12 gol) e il centrocampista Meduri, inoltre in panchina ha tutti Juniores: tre classe 2000 e sei  classe 2001. Nell’andata il Pontisola vinse 6 a 2 con gran protagonista Ferreira Pinto, 39 anni, un brasiliano ex Atalanta autore finora di 8 gol, compreso il rigore realizzato ieri in riva al Bussè.

Il Legnago si schiera con un 4-3-2-1 con prima punta Ibe o Vita. Subito uno scatto in profondità del nigeriano Ibe con conclusione sballata. Poi uno scambio Mantovani-Vita che frutta un corner. Al 20’ azione Bruni-Sandrini con il n. 8 Valois che atterra in area il numero 8 del Legnago Mattia Sandrini. L’arbitro concede il penalty e sul dischetto va Vita, il portiere bergamasco Pennesi classe 1989 ribatte corto e il giovane Alessandro Bruni, classe 2000, realizza l'1 a 0 e il suo secondo gol in biancazzurro. Il Legnago sembra destinato alla vittoria e al 27’ si assiste ad uno scambio Mantovani-Bruni-Vita con un fiacco rasoterra parato. Prima del riposo una rovesciata di Capelli parata da Cuoco.

Nella ripresa il Pontisola sembra aver preso vigore e l’allenatore biancazzurro Pagan inserisce Gulinatti al posto di Ibe e Cocuzza al posto di Mantovani. Dopo una traversa ospite al 20’ arriva il pareggio del Pontisola con Capelli sugli sviluppi di una punizione con una difesa biancazzurra indecisa. Al 23’ ancora Pontisola pericoloso con una rovesciata di Vitali fuori bersaglio. Entra anche Di Dionisio al posto di Dabo che chiede il cambio. Al 34’ il rigore che decide la partita. Marin contrasta in area Zambelli e l’arbitro concede il penalty che il brasiliano Ferreira Pinto realizza. Il Legnago cerca il pareggio ma i tentativi di Cocuzza e compagni non portano grattacapi a Pennesi bravo nelle prese alte e a comandare la difesa. Sei minuti di recupero non cambiano il risultato. La vittoria avrebbe portato il Legnago in zona salvezza, invece è in zona play out raggiunto a quota 24 punti dal Villafranca e dallo Scanzorosciate. E domenica trasferta proibitiva a Mantova.

A fine gara l’allenatore Andrea Pagan giustifica i tifosi biancazzurri: “E’ giusto - dichiara - che i tifosi siano arrabbiati. Nel primo tempo, dopo il gol, abbiamo sfiorato il raddoppio. Nella ripresa abbiamo subito il pareggio con una strana disattenzione e poi il rigore. I cambi fatti non hanno inciso. Una sconfitta con tutti responsabili, io compreso. Domenica una partita complicata a Mantova dopo una sconfitta che non ci voleva proprio.” Cosi’ il direttore generale Mario Pretto: “Abbiamo disputato un buon primo tempo, senza concedere niente, nel secondo tempo però ci siamo sciolti come neve al sole. Il rigore non doveva essere commesso da un giocatore esperto come Marin. Nel Legnago di ieri è mancato il reparto offensivo troppo individualista.” Soddisfazione in casa del Pontisola. L’allenatore Curioni dichiara.” Partita dai due volti: nel primo tempo noi poco ordinati; nella ripresa siamo passati al 4-4-2 e direi che il successo è meritato per quando creato, con una traversa colpita e per le occasioni di Vitali.”

Legnago Salus (4-3-3): Cuoco, Dabo (20’st Di Dionisio), De Gregorio, Marin, Orchi, Parrino, Bruni (35’st Pennacchio), Sandrini (26’st Kouame), Ibe (14’st Gulinatti), Mantovani (14’st Cocuzza), Vita. All. Pagan.
Pontisola (4-3-3): Pennesi, Mosca, Frana, Ghidini, Ientile, Rondelli (7’st Cerini), Ruggeri, Valois (46’ Zambelli),Vitali (82’ Rota), Ferreira Pinto, Capelli. All. Curioni.
Arbitro: Arcidiacono di Acireale
Reti: 20’ pt Bruni, 20’st Capelli, 34’st Ferriera Pinto (rigore)
Note: Spettatori 250 circa. Ammoniti Sandrini e Mosca. Angoli 5-2 Recuperi 2’ e 6’

Aldo Navarro per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(229)