2/3/16 - IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D (GIR. C e D) – 30^ GIORNATA

VIRTUS VECOMP E VILLAFRANCA BEFFATE NEL FINALE. UN BUON LEGNAGO NON BASTA CONTRO L'ALTOVICENTINO 

Si è giocata oggi l’11^ giornata di ritorno dei campionati di Serie D, ultimo turno infrasettimanale dei gironi formati da 20 squadre. Nel Girone C il Mestre trova il pari a 2 minuti dalla fine contro la Virtus Vecomp di mister Gigi Fresco. Al 7' Mestre in vantaggio con Magrassi che apoggia in rete il perfetto cross dalla sinistra di Tedesco. La prima frazione di gioco si chiude con il Mestre avanti 1 a 0 e con una Virtus Vecomp apparsa in difficoltà a creare gioco su un campo davvero in pessime condizioni. La ripresa si apre come la prima frazione di gioco, cioè col gol del raddoppio al 7' del Mestre siglato da Nobile che, entrato in area, fa partire un preciso diagonale, deviato involontariamente da Peroni, che batte Guagnetti. Sullo 0 a 2 esce il grande cuore dei rossoblù che all’11° accorciano con Marco Burato bravo a realizzare su punizione.

Il gol riporta in partita la Virtus che però al 21' rimane in 10 per un’ingenuità di N'Ze che, già ammonito, si becca il secondo giallo e prende la strada degli spogliatoi. Due minuti dopo i rossoblù pareggiano con Mensah che serve in area bomber Cernigoi che insacca il suo 15° sigillo stagionale. I rossoblu, sulle ali dell’entusiasmo, passano addirittura in vantaggio a 7 minuti dalla fine. Alba è bravo a pescare Mensah che in velocità salta il suo avversario e il portiere in disperata uscita e appoggia in rete il 3 a 2 dei rossoblù di mister Fresco. Sembra fatta, ma all’88° Zanette appoggia per Niero che ben appostato in area di rigore batte Guagnetti. Virtus che nel recupero chiude addirittura in nove per l’espulsione diretta comminata a Massimo Lechthaler per un fallo da dietro su Casarotto. Si chiude sul 3 a 3 la spettacolare gara a Mogliano fra Mestre e Virtus, con i veronesi capaci di ribaltare il 2 a 0 iniziale portandosi sul 2 a 3. A pochi secondi dalla fine il definitivo pari dei veneziani e rossoblù che resistono nonostante due giocatori in meno.

Nel Girone D il Legnago Salus cede con onore al fortissimo Altovicentino, seconda forza del girone dopo la capolista Parma. I biancazzurri di mister Andrea Orecchia sono stati autori di una bella partita nel turno infrasettimanale di ieri al "Sandrini" contro un autentica macchina da gol che finora ha realizzato ben 71 reti. Il Legnago va sotto al 21', Falconieri supera in velocità Bigolin e batte Biggeri. Al 35' il Legnago pareggia: Viviani dialoga con Zanimacchia che gli restituisce la palla, il rasoterra è respinto dal palo e Broso non perdona. Al 38' ancora l'AltoVicentino in vantaggio con Falconieri che sugli sviluppi di una rimessa laterale batte Biggeri. Nella ripresa al 42° Peluso, dopo un bella azione di Lavagnoli in area legnaghese, mette dentro il 3 a 1. Allo scadere l'ex Rubbo atterra in area Falchetto. Rigore che Broso realizza per il 2 a 3 finale e per il suo 17° sigillo stagionale.

Sempre nel Girone D il Villafranca di mister Giacomo Lorenzini getta al vento tre punti, vanificando il vantaggio per 2 a 0 ottenuto a Ravenna, facendosi raggiungere nei minuti finali sul 2 a 2. Primo tempo che scorre noiosamente con Ravenna e Villafranca che cercano prima di tutto adi non prenderle. Il Villafranca prende in mano le redini della partite nella ripresa e si fa sempre più pericoloso con il passare dei minuti. Il gol dei blaugrana arriva alla mezz'ora con War che appoggia a Di Fiore che realizza. Il Villafranca, sulle ali dell'entusiasmo insiste e al 37’ su calcio d’angolo di Cecco arriva la perfetta conclusione al volo Matei che sembra chiudere i conti. Il Ravenna però, negli ultimi 4 minuti prima del triplice fischio, trova la forza prima di accorciare le distanze con Mandorlini con un calbrato colpo di testa, e poi, al 90° minuto, Ambrogetti di testa insacca l'incredibile 2 a 2.

La redazione di www.pianeta-calcio.it