11/4/16 - IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. B) – 28^ GIORNATA

UN SANTO IN PARADISO: IL LUPATOTO. IL VALDALPONE, ORA 2°, SCAVALCA L’ALBARONCO, BYPASSATO A SUA VOLTA DAL TERRIFICANTE CASALEONE. COLOGNA VENETA A -1 DALLA SALVEZZA, AUDACE IN RIPRESA, ENNESIMA SGOMMATA DELLA CROZ ZAI
 
Insomma, ha vinto la squadra che più ha meritato di alzare le braccia al cielo a -180 minuti al termine del rodeo del girone "B" di Prima categoria. Stiamo parlando del San Giovanni Lupatoto, al quale in senso comprensibilmente sportivo e calcistico ieri l’Albaronco aveva fatto di tutto per non sentirsi alla fine negli orecchi le urla di gioia e di festa dei bianco-rossi di mister Marco Burato e del presidente Claudio Caroli.
 
I lupatotini tornano a ululare in quella Promozione dalla quale mancavano da alcuni anni e lo fanno al “Giobatta Battistoni” segnando per primi con Nicola Avesani, futuro papà a luglio, e con il rigorista nonché difensore classe 1985 ex A.C. Isola Rizza, Federico Bressan, dai nervi acciaiati, visto che il matematico trionfo dei suoi passava dal suo scarpino allo scoccare del 90mo minuto. Per l'Albaronco di mister Nicola Corrent aveva pareggiato il fratello Andrea.
 
San Giovanni Lupatoto a quota 58 punti e S.S.D. Valdalpone secondo a 50, dopo aver vinto a Montecchia di Crosara per 2 a 0 contro i vicentini del Real San Zeno Vicenza di mister Crivellaro. Per i ragazzi di mister Mirco Dalle Ave e del sovietico diggì Gionatan Pancera segnano il soavese “sempre sorridente”, alla pari delle jene ridentes, Federico Braggio. Poi, è “Varenne” “Grattacielo” Giovanni Lorenzi a tradurre in rete l’assist di Cristian Turozzi.
 
Terzo a 49 punti il bravo Casaleone, cresciuto sotto la modestia di un presidente – Marco Faella – sempre cauto nei proclami della vigilia. E miglior regalo i suoi “casa leoncini” non potevano fargli ieri pomeriggio per festeggiare, intorno alle 18 e 30, 18.40, la nascita di Leonardo, 3 chili e 700 grammi, nato dalla compagna Eva. In vantaggio grazie all’isolarizzano bomber Massimiliano Gramegna, i sangui-venerabili di mister Giuliano Spadini crollavano davanti ai colpi di ariete inferti dal minerbese “Sky” Alessandro Guerra, dalla doppietta fatta crepitare da Luca Pasquali, e dall’urlo del nato il 3 (e non il 4, come il famoso titolo di quel film statunitense) luglio 1996 Luca Lorenzetti.
 
I “leoni della Bassa” sbranano, 4 a 1, il SanguinettoVenera, terz’ultimo a quota 29 punti, a -3 dal Real San Zeno Vicenza, a -6 dall’A.C. Tregnago di mister Antonio Bogoni, fermato a metà ieri all’”Antonio Perlato” dall’A.C. Isola Rizza di mister Christian Campagnari e del presidente Giorgio Mantovani. La partita si è chiusa infatti con uno 0 a 0 che smuove la classifica di entrambe.

Isolani raggiunti a 43 punti dal sorprendente Croz Zai, svogliatissimo alla vigilia nel voler intraprendere un girone fatto di lunghe trasferte, ma confermatosi castiga grandi e bella truppa, composta non da ballerini del Bolscioj, ma da scolpiti fantamarò. A Raldon, 0 a 2 dei crozzini, con ancora in rete “Nero” Nicola Giardini e Isacco “Dibala” Grigoli da La Rizza di Castel d’Azzano, dove ha appezzamenti di frutteti.
 
All’A.C. Cologna Veneta di mister Luigi Zuccon manca ancora un punto per raggiungere la matematica salvezza: ieri 0 a 1 in casa della vecchia A.C. Sambonifacese del presidente ed architetto Maurizo Mazzon, mattatore “Gianfranco” Marco Bedin, classe 1983.
 
Al “Tiberghien”, l’Audace del presidente Giorgio Zambaldo supera per 2 a 0 un già salvo Bevilacqua della famiglia Coraini; le reti dei rossoneri di mister Matteo Biroli recano i sigilli dello scatenato Luca Rossi, classe 1989, autore della doppietta decisiva.
 
Derby tutto vicentino, quello giocato tra il Sossano e il Lonigo di mister Salvatore Di Paola. 1 a 2 per i leoniceni, con reti tutte in rimonta, dopo il gol realizzato in apertura dal difensore 1990 Diego Palin, a firma del classe 1992 Giulio Cervellin e del 1993 Francesco Fabris.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it