4/12/17 - IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. D) – 13^ GIORNATA

LA VOLTA…BONA DE “LA VILLA”, UN EROICO ROVERCHIARA BATTE L’ATLETICO VIGASIO. ALBAREDO UBER ALLES, GIPS SPIETATO CON BOMBER ODARO, SANGUINETTO DA DICA…33, FINALMENTE “CONCA” CONTRO UNA FULGIDA AURORA MARCHESINO
 
Giocassimo a briscola, trionfa l’asso del SanguinettoVenera – che ha giocato la prima delle due gare a porte chiuse, battendo di misura – 1 a 0 – il mai domo Sustinenza, grazie al gol messo a segno da “Happy Days” Alberto Ziviani -, crolla il tre di cuori dell’Atletico Vigasio di mister Roberto Zorzella, squadra molto compatta, che è orfana ancora della “Torre”, lo stratosferico (in tutto, altezza e bravura) Michele Ugo Martinelli -, iene un gran bene il “re di ori”, il Gips Salizzole. Anche se i rosso e blu di mister Pasquale De Lauri giustiziano con l’ex punta casaleonese ed ex Concamarise Ziviani, il coriaceo Sustinenza del coach nogarese Andrea Bertelli.

Ma, udite, udite!, si riprende da un digiuno quaresimale durato qualcosa come 6 settimane (4 sconfitte, un pari, di nuovo una battuta d’arresto!) l’ASD Concamarise del raldonate trainer Simone Marocchio: 4 a 3 ieri in un rocambolesco cocktail di reti – ben 7! – che non si addice certo ai cardiopatici. L’Aurora Marchesino si è confermata la rivelazione di questo combattutissimo girone “D” di Seconda categoria, addirittura passando sull’1 a 3 al “Roberto Bertolotto”, detto “Ghiggia”. L’undici giallo e blu guidato magistralmente dal fantino sanmartinese Andrea Calzolari fa centro con il difensore 1988 Marco Bisighin, poi, con bomber Carlo Alberto… “di Savoia” Provolo, infine, con Manuel Varano, uno dei prodigiosi “gemelli” dell’Aurora. Ma, davvero, l’undici del presidente Nicola Riolfi ha fatto vedere i sorci non verdi ma giallo e blu a quel Conca, che doveva a tutti i costi rilanciarsi, non fosse per i  nuovi “4 moschettieri” giunti nel mercato dicembrino (I due fratelli Fraccaroli, Mattia “Gufo” “Fedez” ed Alessio, ex Scaligera, gli ex bovolonesi Ardjan Shkrepa e Lorenzo Dall’Aio). E, proprio sui due corner pennellati a meraviglia da “Fedez” Fraccaroli si è materializzata la rimonta e consumato il sorpasso – sul fil di lana! Della serie, le partite non finiscono mai!, interpretata dalla doppia griffata dal 36enne difensore Matteo Violaro. Prima di lui, per gli “tartari rosso-neri” concamarisani aveva gioito due volte il solito “Baby” Alessandro Carollo, altro bovolonese, con tanto di diploma di perito chimico in tasca.

I “granata mulinari”, avvicinati stanotte al Bar Roma di Isola Rizza reclamano più fortuna: sarebbero disposti – da quanto si è capito – ad organizzare un viaggio a Lourdes, per invocare una benedizione scaccia-sfortuna. Ieri, intanto, a Salizzole, 2 a 1 per il Gips del presidente Leonello Migliorini, compagine che è ora 3^ classificata, a -8 dalla primatista SanguinettoVenera, ma che si farà sentire fino all’ultimo nei quartieri nobili della graduatoria. Per i rosso e blu di mister Pasquale De Lauri segnano l’ex asparettano Marco Bissoli (difensore del 1990) e il supercannoniere di questo girone “D”, l’ex Amatori Nogara, il nigeriano Aimuanmwosa Odaro, classe 1992. Di contro, per il Coriano l’ha cacciata dentro il rumeno Flaviu Curseu.

Al quinto posto, a quota 22 freccette, i determinati Boys gazzo di mister Matteo Gobbetti: ieri, a Maccacari si sono trovati di fronte – dopo la vittoria in Coppa da parte dei padroni di casa del diesse Doriano Guandalini – il Bovolone di mister “El Ciopa” Devis Padovani. Ne è scaturito un 2 a 2, caratterizzato dal vantaggio siglato sempre dai “mobilieri”, grazie a Schiavo (doppia per Denis, classe 1995). A “Brun” Giacomo Cordioli e al 1991 Maicol Coelati Rama le reti del pareggio maccacarese.

Il Roverchiara lotta col tempo per assicurarsi tra i pali il dottore (triennale) in Scienze Motorie Roberto Cuoghi, classe ’94. L’ex Conca vola al 95mo a svellere dai pali un insidioso proietto avversario, quello eseguito da un avanti del molto quotato Atletico Vigasio, e salva il risultato di 2 a 1 (bomber Stefano Fanari su rigore, Stefano Tedesco su azione per i “giallo e blu del Basso Adige”, a fronte del gol in rimonta vigasiano segnato da “mons.” Alessandro Carraro, classe ’89, ex Cadidavid). Vittoria che ringalluzzisce più che ossigenare i polmoni roverchiaresi di mister Denis Guerra (cena di Natale il 13 dicembre, Santa Lucia) – freschi degli innesti anche di Luca Dall’Oca e di Filippo Franceschetti, entrambi classe ’97, giunti dall’Albaronco,  ma che non fa ancora assolutamente uscire i roverchiaresi dalle sabbie mobili della bassa classifica (sono ancora ultimi a quota 7; più su, a 8, troviamo Villabartolomea e Bonavigo 1961, a 11 il Coriano).

Vince, infatti, anche il Villabartolomea del presidente Andrea Beozzo e di mister Mauro Danielli: 4 a 1 rifilato alla Bonarubiana di mister Luca Mayate, con centri azzeccati dal centrocampista 1993, l’ex ceretano Giacomo Buosi (sul poligono dei calci di rigore), Beozzo (doppia per il difensore bianco-nero ’93, Giorgio) e dal difensore ’93, ex Cerea pure lui, Lorenzo Pasquin. Per la matricola Bonarubiana issa il pallone del “mah, ci siamo anche noi in campo, eh!” Ayoub Arqiqi, classe 1995. Uno dei giocatori, assieme al ieri assente Eddi De Carli, sicuramente più talentuosi dell’undici del factotum Luciano Beghini.

Dopo aver battuto in riva all’Adige per 2 a 1 il Concamarise, riconferma per l’Albaredo di mister Manuel Cuccu: 0 a 1 a Raldon contro i neroverdi di Silvio Donadello, mattatore Luca Pasin; classe ’94, ex ValtramignaCazzano. Il Cà degli Oppi, che in settimana aveva licenziato mister Daniele Dalla Vecchia (soluzione interna momentanea), pareggia 1 a 1 in casa propria contro la febbricitante Bonavigo 1961 di mister Gian Luca Corso. Tutto si consuma, nel registro delle reti, nella ripresa: batte il difensore 1987 Manuel De Togni, risponde da par suo l’avanti 1991 Daniel Fiorio. Poi, tutti a casa, infelici e scontenti. E, con i soliti problemi di bassa classifica irrisolti.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it