8/1/18 - IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) – 16^ GIORNATA

IL PASTRENGO NON INGABBIA (0-0) NEI SUOI FORTI LA FUGGITIVA PESCANTINASETTIMO, MA VIENE SCAVALCATO AL 2° POSTO DAL REAL LUGAGNANO. IL MALCESINE SPREME I “CEDRINI” DEL COLA’, IL CAVAION E’ 4° TALLONATO DAL CONSOLINI. VITTORIE TOCCASANA PER VALDADIGE E GARGAGNAGO, UN DOPPIO BICE-GOL NON BASTA AL LESSINIA PER DOMARE I LEONI DELLA SAN MARCO!
 
PescantinaSettimo, guidato dal lupatotino trainer Gianni Canovo, che sfugge subito, alla prima giornata dell’appena nato 2018, alla trappola tesagli da quel Pastrengo che l’avrebbe ben volentieri rinchiuso ingabbiato non nella gabbia di Orrico, ma rinchiuso nelle prigioni all’interno dei suoi forti austroungarici. Invece, il big match del girone “A” di Seconda categoria finisce per partorire dall’alto della sua montagna e delle sue prime cime, le più scintillanti fino ad ora, il classico topolino di un pari che assume le sembianze, anche senza aver assistito alla singolar tenzone, del bicchiere mezzo pieno per i bianco-rosso e blu del presidente Lucio Alfuso. Che continuano, indisturbati, a veleggiare al primissimo posto a quota 36 punti.

Inseguiti ora con 31 punti dal Real Lugagnano, capace, con la vittoria di ieri e in conformità con il mezzo passo falso dei “carabinieri con gli scarpini” pastrenghesi di mister Paolo Brentegani, di scavalcare di un punto proprio “quelli gialloverdi dei leggiardi quanto famosi forti”. Real Luga del coach Fabio Di Nicola, il quale passa, 0 a 2, a Castelrotto di Negarine, resort del BureCorrubbio di mister Raffaele Pachera, grazie ai colpi esplosi sotto rete dal “bomber tascabile” Michele Marchesan, classe 1989, e dal 1994 Elia Varotti, ex A.C. Somma di Eccellenza.

Al 4° posto, a 27 punti, si conferma l’A.C. Cavaion dello skipper Nicola Sabaini, forte della vittoria di 1 a 0 sul campo di via Pozzo dell’amore a scapito di uno scombussolato (cioè che sembra non ritrovare più la bussola) Lazise del bissaro Alfredo Brunazzo. Mattatore è l’ingegner Edoardo Brognara, ex MontebaldinaConsolini, classe 1992.

Non perde un punto e continua a lievitare la classifica della Pol. Adolfo Consolini di mister Daniele Paganotti: ieri, nell’impianto eretto a Costermano del Garda, 2 a 1 della Polisportiva del presidente e imprenditore vitivinicolo Ivano Giramonti a spese della sempre più maltrattata e calante Juventina Valpantena del giovane mister Riccardo Olivieri (bianco-neri poianesi in illusorio vantaggio esterno con il 1996 Elia Morandini). Poi, la rimonta costermanese ad opera del difensore 1986 Jonathan Pavoni…in volo e in solluchero, e del compagno di reparto, l’ex gardesano Marcello Sartori, classe 1997.

Vittoria n. 5 per il Gargagnago di mister Gianni Pierno: 2 a 1 ieri in casa dei “tricolori della Valpolicella” condotti dal più alto scranno dal presidente, il burbero benefico Stefano Sartori, vittima prelibata e prestigiosa il Sant’Anna d’Alfaedo di chi – parliamo di Damiano Tommasi – si è candidato in questi giorni alla presidenza della FIGC. Ieri, l’ex azzurro ed ex romanista oltre che ex helladino ha giocato, chiamato da mister Francesco Corazzoli a rilevare il posto di Ledri. Per il “club delle 4 G” hanno segnato il “ranista” Mattia Galvani (1987) e il centrocampista 1995, l’ex F.C. Valgatara, Alessandro Bellorti…di Spagna… Tra le due morse realizzative - che sembrano ricordare una tenaglia -, ecco il gol del “falco bianco-granata”, Simone Benedetti, classe 1985.

Sant’Anna d’Alfaedo a circa centro-classifica, a quota 23 punti, ex aequo col Lazise. Vola il Malcesine del mister Marco Martini, di Riva del Garda: 3 a 0 a Cassone ai danni della matricola Colà Villa dei Cedri di mister Alessandro “Gardaland” Puttini e del diesse Damiano Tinelli. Attenzione! Mai i bianco-granata malcesinesi, ora belli sesti a 24, hanno volato così in alto nella loro esperienza di Seconda categoria: forse, scherzerà qualcuno, ci si esercita bene in parapendio, lanciandosi dal Baldo, raggiunto con la splendida funivia. I gol: doppia – e su rigore – del pugliese Andrea Luciano, classe 1991, più “perla” del giovane avanti, il classe 1999, Davide Brighenti.

Boccata di ossigeno preziosa per l’F.C. Valdadige della famiglia Cipriani: 0 a 1 a Corbiolo, interrompendo il  momento aureo degli “scoiattolini” bianco-granata di mister Paolo Mainente. Il giustiziere del club di Brentino Belluno è “Speedy Gonzales” (perché ha segnato nei primissimi istanti della gara) Riccardo Miglioranzi, classe 1984, il quale regala tre punti preziosi alla compagine di mister Marzio Menegotti.

San Marco e Lessinia, nello scontro tra “Cenerentole”, alla fine della fiera, risultano non aversi fatto male: dividono il pane azzimo (non quello dei primi posti, quello bianco della festa e dei ricchi di punti in classifica) dei poveri ed ultimi in graduatoria. Il verdetto scaturito a borgo Milano è di 2 a 2, con avanti sempre il Lessinia per via della doppietta realizzata da Paolo Bice-gol. L’ex lugagnanese, il classe ’96, Pietro Padovani, e “Case” Mazzi (Riccardo, classe ’94) sono i due graffi inferti dai leoni dei rosso-verdi della San Marco di mister “Ferguson” Emanuele Battocchio e “gioiello” della famiglia Romani (il padre Bruno, presidente, e il figlio diesse Federico). 
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it