7/1/19 - IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. D) - 16^ GIORNATA

SCALIGERA ED ALBAREDO, SEMPRE DISTANZIATI DI 2 PUNTI PER LO SCUDETTO, MA CASTELDAZZANO E GIPS NON MOLLANO! BOYS ACCECATI DALLA NUOVA COMETA, BEVILACQUA HA RAGIONE AL 91° DEL CADEGLIOPPI, L’AURORA MARCHESINO LA SPUNTA SUL BONFERRARO, L’ATLETICO VIGASIO RIMONTA IN CASA SUA L’A.C. RALDON.
 
Sotto il sole gelido e dantesco del neonato 2019, nulla di nuovo: Scaligera ed Albaredo si controllano a 2 tacche di distanza (il rapporto è di 37 a 35), entrambe vittoriose in trasferta, rispettivamente al “Luca David” di Sustinenza per 0 a 2 i giallo-rossi isolani di mister Alessandro Ghirigato, 1 a 2 a Vigo, invece, i “biancoblu del Basso Adige” di mister Manuel Cuccu.
 
Sempre più all’affannata corsa e rincorsa della “scarpa d’oro 2019” (ce l’ha lui stesso whattsappato!) il “puntero” bovolonese in forza agli isolani Alessandro Pasotto, ieri ex di turno in rete, dal dischetto del calcio di rigore, e preceduto dall’acuto del compagno di scuderia, il “talebano” (per via della barba folta), il difensore 1990 Giulio “Cesare” Bertaboni.
 
L’operaio metalmeccanico, l’ex U.S. Provese, il classe 1996 Matteo Bastianello, e il capocannoniere del girone “D” di 2^ categoria Pier Luigi Dal Bosco – anche lui in corsissima per calzare la prestigiosa “scarpa d’oro”, assegnata dalla nostra redazione a fine dicembre 2018 a Aimuan Odaro del Gips Salizzole, ieri non prolifico – consentono all’Albaredo di consumare il colpaccio in casa dei bianco-granata vighesi di mister Adriano Rossignoli e del “patron”, il salottiere originario della padovana Saletto, Raimondo De Angeli. G.S.P. Vigo 1944 al pari illusorio, quanto momentaneo, con il suo omonimo Rossignoli, appunto.
 
Ma, attenzione! Non rallentano il passo – 4 gradini più in basso – Casteldazzano e Gips Salizzole. I biancazzurri castellani di mister Riccardo Adami, con la morte nel cuore (e un altro motivo in più per vincere per dedicare l’ipotetico salto di categoria) perché il 2018 si è ingoiato il caro e validissimo diesse, il 64enne Mauro Zardini, vanno a imporsi all’”Orvile Venturato” di Bonavigo per 1 a 3. Lasciando al gruppo di mister Gianluca Corso la magra soddisfazione del gol-bandiera realizzato dall’ex corianese Nicola Isolan (1989), in quanto alluvionati dall’uno, due e tre suonato dalle fanfare di Davide Ferasìn, difensore 1988, di “Pierino” Manuel Prati (ex San Marco B.M., classe 1995) e dall’ex Alba Borgo Roma, Salvatore Bartolomeo, classe 1995.
 
A Bonavicina, dove nella Pol. Bonarubiana si è consumato l’avvicendamento Alessandro Cortese (ma, sembra in arrivo il “re magio da Bergantino di Rovigo”, l’ex trainer Gianni Rossi) Paolo Mosca, il Gips Salizzole di mister Andrea Bertelli – che all’andata aveva ceduto uno dei 2 punti fino ad ora racimolati dalla “Bona” – spunta la vittoria stagionale numero 10: 0 a 2, con marcatori il neo dottore in Legge col massimo dei voti, il bovolonese ed interista mai pentito Matteo Tondello, e l’avanti 1991 Michele Pimazzoni.
 
La Nuova Cometa del coach Ivan Benin, alla pari dell’astro che guidò la notte prima dell’Epifania i tre re magi provenienti dall’estremo Oriente (Gaspare, Melchiorre e Baldassarre) a Betlemme (letteralmente, casa del pane), acceca il volto dei Boys Gazzo: in quel di Maccacari, dove nella scuderia guidata da mister Matteo Gobbetti ha fatto il suo rientro in campo bomber Giacomo “Brun” Cordioli, i “doriani raldonati” si impongono per 1 a 2 (marcatori Tommaso Aloisi e Battaglini) e rimontano l’illusorio vantaggio maccacarese griffato dal giocatore dalle origini nobili, il 1991 Maicol Coelati Rama.

Il lanciato e favoritissimo alla pole play off Atletico Vigasio di mister Fabrizio Saccomani, a Trevenzuolo, è costretto a dover rimontare, con Michele Adami, i 2 gol realizzati dai “ramarri nero-verdi” dell’A.C. Raldon di mister, il cadidavidese Simone Ronconi (in fase di sorpasso, rispetto al gol realizzato prima di tutti dal 1994 ex neroverde Filippo Totola, con il difensore classe 1992 Emil Bottacini e l'attaccante classe ’94 Simone Garofolo).
 
Al “Rino Dalle Vedove”, l’Aurora Marchesino di mister Andrea Calzolari supera, 2 a 1, il famelico di punti, nonché matricola Pol. Bonferarro del presidente milanista Alfredo Gheli e guidata dal nogarese mister Andrea Olivieri (in rete soltanto col “cowboy” e Superbomber Pietro Menegollo, il simpatico e barbuto fisioterapista di Castel d’Ario di Mantova, ma quando oramai i due “puledri di razza” Manuel Varano e Carlo Alberto “di Savoia” Provolo avevano abbandonato la scuderia).
 
A Bevilacqua, vittoria sul filo di lana, perché maturata al 91° grazie alla zampata del ’95 Giovanni Scarmato (autore della doppia nel 3 a 2 riportato dalla “Cremonese della Bassa”: l’altro marcatore grigio-rosso è il “girondino” Nicolò Gironda, difensore datato 1994), a spese del volonterosissimo Cadeglioppi dell’isolano trainer Nicola “Fonzie” Bertozzo (in rete, i suoi ragazzi, con Remo Chiavegato e con Sebastiano Barini da Pellegrina di Isola della Scala, classe 1988).

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it