Alla Roma il 1° Torneo di Nogara

Gli Esordienti 2006-'07 giallo-rossi si aggiudicano il Torneo Nazionale riservato a società Professionistiche

612

In una giornata di splendido sole e con il pubblico delle grandi occasioni – moltissimi i genitori presenti – si è chiuso ieri il 1° Torneo Nazionale Professionistico riservato agli Esordienti 2006-2007 organizzato dall’S.S.D. Nogara. Otto le squadre che si sono sfidate sul verde tappeto del “Remo Soave”, dove la “regina” della Kermesse è stata la Roma, forte dell’1 a 0 (su rigore: palla in area respinta col braccio da un difensore nerazzurro) ottenuto contro l’Inter. Entrambe le finaliste sono state, per tutti i 40 minuti, accompagnate da un caloroso tifo, quello dei genitori dei ragazzi impegnati nella competizione. Tra i giallo-rossi romanisti anche Giacomo Arduini, il nipote (con il 10 sulle spalle) del grande “Picchio” Giancarlo De Sisti.

La finalissima è stata preceduta dalla finalina per il 3° posto, conquistato dalla Fiorentina, più fredda e maggiormente fortunata sui tiri dalla lunetta dopo che i tempi regolamentari contro il Parma erano terminati sull’1 a 1 (4 a 3 lo score finale per i viola). Al 5° posto, l’Hellas Verona, il quale ha battuto per 3 a 1 il L.R. Vicenza Virtus, al 7° infine il Padova, bravo a piegare sul medesimo risultato il braccio di ferro oppostogli dai pari età dell’SSD Nogara Calcio.

Ottima l’organizzazione, che ha messo in moto qualcosa come una 70na di volontari nogaresi in tre importanti Tornei (il 25 aprile il 3° Torneo “Noi Amici” riservato alla categoria Pulcini, il 7° Memorial “Giovanni Molinari”, per la categoria Pulcini 2008, tenutosi il 1° di maggio, la “Festa dello Sport”, vissuta dal 31 maggio al 2 di giugno, ed infine quello celebrato ieri, ovvero la 1^ edizione del Torneo Nazionale Professionistico, riservato alla categoria Esordienti del II° anno 2006-2007). Un’esperienza, a detta pure di tutti i partecipanti, da ripetere sicuramente anche l’anno prossimo.

Le premiazioni hanno visto salire sul podio Brando Dolfi (miglior portiere, scuderia viola), il capocannoniere Mattia Mosconi, dell’Inter, mentre il riconoscimento al miglior Esordiente è andato a Samuele Belmonte, della Roma. Un plauso a chi ha voluto questo progetto, ossia al “sestumvirato” che regge le sorti dei “cosacchi bianco-rossi del Tartaro”, ossia al presidente Andrea Martini, al suo vice Lorenzo Garbellini, al tesoriere Gianni Frignani, al nuovo diesse Walter Bampa, a Bruno Comìn, all’ex bomber Giulio Furlani. Ma, anche alla segreteria guidata da Carmine Di Candia, ai dirigenti responsabili del florido e sempre più in espansione vivaio nogarese, ovvero ad Enrico Greggio e al siciliano Munafò Santi.

Un altro sincero plauso va a tutti i volontari, ne citiamo un paio per tutti, il mitico Ermes, per finire con un altrettanto mitico “Mario”, impegnati nella ristorazione e nella fornitura di bevande nei fornitissimi stand gastronomici attivi nel perimetro del campo di calcio. Ma, anche la “quota rosa” si è data molto da fare: Marta, Francesca, Fiorella, Katia, hanno fatto sì che tutta la macchina organizzativa riuscisse (ci ha colpito il tocco di grazia – di ispirazione, di suggerimento sicuramente femminile – riservato nella cena al sacco, racchiusa in eleganti e colorate sporte, consegnate ai giovani appartenenti ai club più lontani.

Ma, ci ha pure colpito la grande disciplina, cui ci hanno riferito, sono sottoposti i ragazzini di Roma e Fiorentina: la palestra dei futuri attori del domani, non obbligatoriamente calciatori, passa anche dal prato… Tra i dirigenti dell’Hellas Verona, Daniele Cristofoli da Nogarole Rocca, trentenne Responsabile gialloblu alla creazione di affiliazioni del club appena ritornato in serie A con i club della nostra provincia. E, tra questi, ovviamente l’SSD Nogara Calcio.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata