Archivio: BREVINE

28/3/18
IL GIALLO DELLA GARA TREGNAGO - BEVILACQUA CALCIO

E' emerso dal rapporto Arbitrale e dal rapportino rilasciato dall'Arbitro al termine della gara sottoscritto dai dirigenti delle due società, che la società Tregnago 1931 schierava in campo un solo giocatore nato dal 1.1.1997, Jacopo Dal Forno, il quale veniva sostituito al 20° del 2° tempo, rimanendo pertanto fino alla fine della gara senza il giocatore prescritto. Pertanto il G.S. delibera di non omologare il risultato ottenuto sul campo ed di sanzionare la società Tregnago 1931 con la punizione sportiva della perdita della gara con il risultato di Tregnago 1931 - Bevilacqua calcio 0 a 3, nonchè con l'ammenda di euro 50. E' stato inoltre inibito il dirigente accompagnatore Fulvio Cenci fino al 9 aprile 2018. A tal proposito abbiamo sentito l'allenatore gialloblu Andrea Defazio che ci ha detto: "Sono rimasto anch'io sorpreso quando ho letto il Comunicato perchè tutto è stato fatto come da regolamento. E' uscito il 1998 Dal Forno ed è entrato il n. 18 Giovanni Pretto (classe 1997). Il problema è che sul foglio consegnato all'arbitro a fine gara c'era scritto il n. 16 che è invece Alessio Bartolomioli, classe 1990. Abbiamo già fatto ricorso e sono fiducioso dell'esito. Si parla tanto di fair-play e quindi sono sicuro che il Bevilacqua confermerà quanto da me detto anche se capisco che a loro farebbero comodo i tre punti. Sarebbe davvero assurdo perdere a tavolino un gara che abbiamo vinto meritatamente 3 a 0 per un difetto di trascrizione". Alla luce di quanto successo noi aspettiamo l'esito del ricorso prima di dare la sconfitta a tavolino ai gialloblu del presidente Eugenio Mazzocco.