Archivio: BREVINE

20/2/19
SI E’ SPENTO “GEPPE”NARDO, PORTIERE LEGNAGHESE DI INIZIO ANNI ’60

Martedì 19 febbraio, nel santuario della Madonna della Salute di Porto di Legnago, il parroco Moreno Roncoletta ha celebrato il funerale di Giuseppe Nardo, 81enne ex portiere del Salus e dell’Isothermo Legnago d’inizio anni ’60 molto conosciuto ed apprezzato. Nel campionato di Prima categoria del 1961 giocava nel Salus con allenatore Walter Magosso e nel 1962-63 con l’Isothermo Legnago dei vari Cappelletti, Caregaro, Rizzi, Morosato, Zamperlin, Correzzola, Bonotto, Cavattoni, Candio e Andreasi. Il centravanti legnaghese Paolo Cavattoni, che ha vestito la maglia azzurra nell’incontro dilettantistico Italia-Austria a Pordenone nel maggio 1964, lo ricorda così: “Geppe - questo era il suo appellativo - era un bravo portiere. Mi ricordo una partita Montagnana - Legnago nella quale Geppe fece parate strepitose ma alla fine vinse il Legnago grazie a due mie reti imparabili all’incrocio dei pali. In quel Montagnana giocavano Guerrato, France Salvatore e Pavan e Nardo che si erano trasferiti nella società padovana proprio dal Legnago.” France Salvatore lo ricorda così: “Geppe era una palla di gomma. Seppur penalizzato dalla sua altezza, era molto bravo. Io lo paragono a Sentimenti IV, grande portiere della Juve.” Nardo ha militato per quasi cinque anni a Giacciano con Baruchella, in provincia di Rovigo, con altri giocatori legnaghesi, Germano Peloso, Claudio Limoni e Dario Mainardi. Il centrocampista Claudio Limoni dichiara: “Geppe era un po’ matto, la sua specialità erano le parate plastiche. Era elastico e scattante, un gran bravo portiere.” (A.N.)