Archivio: BREVINE

9/4/19
IL CHIEVO VERONA "DISABILI" SI STA FACENDO VALERE IN 4^ SERIE

Da sempre lo sport, ed in particolar modo il gioco del calcio, è impegnato nel sociale, come valido strumento per far crescere i nostri giovani, futuri uomini del domani. E’ quanto si è proposto il Chievo Verona del presidente Luca Campadelli attraverso il progetto “Chievo Verona Scuola Calcio For Special” rivolto ai ragazzi con disabilità relazionali-cognitive. Prima società in Italia ad aver messo in campo una squadra di giovani con buone capacità calcistiche, inpegnate nel campionato di Quarta serie a livello nazionale. 22 giocatori: 4 femmine e 18 maschi innamorati ed orgogliosi di indossare la maglietta a tinte gialloblu del Chievo Verona. Il più giovane è nato nel 2003, il più vecchio nel 1973. Gli allenamenti si svolgono nel nuovo centro sportivo "Bottagisio" agli ordini di mister Dario Palmieri con il suo staff formato da tre allenatori di calcio ed una preparatrice atletica e vari tutor delle associazioni disabili. Tutti laureati e non in Scienze Motorie con patentino federale. I giocatori vivono a Verona e zone vicine e gli allenamenti si svolgono due volte la settimana. Un progetto che si sta allargando sempre più con entusiasmo e la giusta intensità. La stessa Federazione Italiana Gioco Calcio ed il Csi sostengono con laboriosità il progetto “pallonaro”. Attualmente il mini campionato di Quarta categoria comprende 8 società divise nei gironi Piemonte-Liguria, Emilia-Romagna, Lazio e Lombardia. Inter, Milan, Frosinone, Torino, Parma, Juventus, Chievo appunto ed Udinese hanno portato alla ribalta giovani interessanti in Quarta serie mentre Lazio, Empoli, Sampdoria, Genoa, Fiorentina, Sassuolo e Spal sono in Quinta serie. Il primo dirigente del Chievo Verona Luca Campadelli ha portato avanti con fermezza il progetto basato sulla crescita individuale dei suoi “terribili ragazzi” tutta grinta e forte generosità in campo. Il Chievo è inserito nel girone emiliano- romagnolo con le titolate e di blasone squadre del Siena e del Parma. Si gioca a 11 ma spesso le gare si giocano sette contro sette. Capitano del “For Special Chievo Verona” è Nicolò Santi, poi Emanuele Lizzeri, Mattia Dossi, Denis Piccinin, Mariangela Dalle Crode, Marco Mori, Beatrice Orlandini, Pamela Parrello, gli danno una mano, con le loro vivaci giocate in campo. (R.P.)