Archivio: BREVINE

19/4/19
SCANDOLA (ZEVIO) SUL "CASO BEGALI" DICE: "DECISIONE INGIUSTA!"

Il direttore generale dello Zevio, Giorgio Scandola, a nome della dirigenza bianconera ci dice: "In risposta all'ultimo comunicato ufficiale del Comitato Regionale Veneto fammi sul “Caso Begali” vi dico che come società A.C. Zevio 1925 dobbiamo accettare l’epilogo del nostro ricorso, anche se non abbiamo ricevuto risposte concrete riguardo la nostra richiesta della documentazione (nello specifico transfer a federazione straniera con firma dell’atleta) dell’avvenuto trasferimento di Filippo Begali. Il quale giocatore dichiara e autocertifica che nessuna firma è stata da lui posta sù alcun tipo di documento. Quando siamo stati ascoltati in commissione, ritendo in nostro un “caso strano”, ci hanno invitato a fare le suddette richieste tramite Pec e raccomandata alla Federazione centrale di Roma e, ad oggi, non abbiamo ottenuto nessuna risposta, questo ci amareggia molto. Naturalmente non siamo soddisfatti di quanto c'è scritto sul comunicato, cosa che ci lascia il dubbio visto che sono passati quasi quattro mesi e, nonostante i nostri solleciti inascoltati e vista l’imminente fine del campionato, dovevano chiudere il caso. Riteniamo questa decisione molto sommaria e non del tutto trasparente visto che tale documentazione, come ribadito pocanzi, non ci é mai pervenuta. Non escludiamo ulteriori azioni per avere la giusta chiarezza dell'accaduto!"