Archivio: BREVINE

7/5/19
UN BUON CALDIERO SI FERMA AD UN PASSO DAL SOGNO..

Si è giocata oggi, allo stadio "Bozzi" di Firenze, l'attesa finalissima della Coppa Italia Dilettanti Nazionale 2018-19 di Eccellenza che vedeva i veronesi del Caldiero Terme affrontare i leccesi del Casarano. Partita che ha visto subito avanti il Caldiero che al 5' sulla sinistra va via con Vanzetta che crossa tutto dall'altra parte per Viviani che di testa mette alto. All'11' risponde il Casarano con Caputo dal vertice di sinistra dell'area ma la sua conclusione è debole e facile parata di Fortunato. Al 15' Guccione salta un uomo, poi un altro ma la sua conclusione è parata a terra da Grasso. Incessante il tam tam dei tifosi casaranesi giunti a Firenze in massa (più di 500 contro un centinaio giunti da Caldiero). Al 18' cross verticale in piena area di rigore caldierese e Palma di testa in tuffo manca clamorosamente la deviazione a rete. Al 21' scintille tra Zerbato e il n. 3 pugliese Morleo. Poco dopo prova il tiro dalla distanza Filiciotto ma la palla si spegne sopra la traversa leccese. Al 28' passaggio alto e maldestro di capitan Vicendomini che Cianci riesce ad evitare che finisca in corner scodellandolo al centro area per la conclusione non precisa di Di Rito. Al 29' il Casarano passa in vantaggio: da Cianci per Mincica e da questi traversone da sinistra a destra che trova Teschio puntuale alla deviazione con lo scarpino in rete. Poco dopo cartellino giallo a Peotta per fallo su Caputo. Al 38' punuzione-cross di Viviani che Guccione di testa gira sul fondo con la palla che esce a fil di palo. Al 42' Rescio si decentra e spara alla destra di Fortunato, ma il cuoio finisce sul fondo. Poco dopo il signor Gianluca Renzi manda le squadre nello spogliatoio. Presente alla sfida in tribuna anche l'onorevole forzista Massimo Ferro, ex arbitro di serie C. Nella ripresa i veronesi di mister Cristian Soave partono all'attacco in cerca del pareggio. Al 52' occasionissima per il Caldiero, traversone da destra a sinistra di Viviani e colpo di testa in tuffo di Peotta ma Grasso smanaccia l'insidioso proietto sul palo, con traiettoria che si spegne sul fondo. Al 54' doppio cambio in casa giallo-verde: fuori Vanzetta, bravo quanto nervoso, dentro Baldani; fuori Pisani, dentro Gecchele. Un minuto dopo il doppio cambio diagonale alto di Zerbato, sempre pericoloso. Al 60' ancora Caldiero: punizione da buona posizione di Falchetto che esce alta. Al 65° mister Soave rafforza l'attacco, esce Filiciotto ed entra Nicolò Zanetti. La partita si innervosisce, giallo a Baschirotto per fallo su Caputo e un minuto dopo ammonizione anche per il centravanti pugliese Di Rito. Al 75' esce nel Casarano bomber Di Rito ed entra Agodirin. Poco dopo Bonasia entra per Palma, sempre per i rossazzurri leccesi. Al 76' subito giallo sventolato in faccia al neo entrato Agodirin per un duro contrasto su Tonolli. Poco dopo alla conclusione il termale Peotta, ma il suo tiro è altissimo. All'80' occasionissima per il Caldiero, con Zerbato e Guccione che vanno via in coppia, il polesano centravanti si presenta da solo a tu per tu e spara addosso la palla all'estremo difensore leccese Grasso che devìa in angolo. All'81' mister Soave va all in, fuori il nogarese Baschiritto entra la quarta punta Brunazzi. E' un assedio dei termali, all'83' corner di Zanetti, testa di Peotta e la difesa pugliese si salva con molto affanno sulla linea di porta. Raddoppio Casarano: va via palla al piede Caputo, taglio per Agodirin e da questi traversone rasoterra per Mincica, il quale da posizione piuttosto difficile e molto angolata riesce a insaccare il 2 a 0 per i leccesi. Dopo il gol esce Caputo ed entra Esposito. All'89' accorcia le distanze il Caldiero, lancio lunghissimo di Viviani per Brunazzi che serve Guccione che devia di testa in rete il 2 a 1 che da ancora speranza ai termali. Finisce 2 a 1 con i gialloverdi termali del presidente Filippo Berti e mister Cristian Soave che si fermano perdendo immeritatamente ad un passo dal sogno mentre i rosso e azzurri di mister Pasquale De Candia, dopo aver trionfato in campionato e nella Coppa Italia Regionale, completano il loro "Triplete" ripetendo l’annata 2008-09.