Archivio: PRIMA PAGINA

27/9/15
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D (GIR. C e D) – 5^ GIORNATA

LA VIRTUS BLOCCATA IN CASA DALLA LIVENTINA (2-2). IL LEGNAGO TROVA LA 2^ VITTORIA CON LA SAMMAURESE, IL VILLAFRANCA GETTA AL VENTO 2 PUNTI AL 92°.

Aveva ragione Pierino Salviato, direttore sportivo della Liventina Gorghense quando diceva: "La squadra di Tossani, gioca a viso aperto perchè questo è il suo credo, la sua filosofia nello stare in campo..." e la sua presentazione ha avuto conferma nella gara al Gavagnin-Nocini di ieri dove la Virtus Vecomp, che gioca con lo stesso modo, ovvero a viso aperto, ha avuto si molte occasioni per far sua la partita, ma alla fine bisogna riconoscere che il risultato è giusto e premia il coraggio della Liventina Gorghense. Va in vantaggio la VirtusVecomp al 30' del primo tempo con Mensah e con la collaborazione di Cescon: dalla sinistra il rossoblu spara in porta, irrompe il difensore ed insacca addirittura incrociando il tiro, nulla da fare per Rossi. I rossoblu si rilassano e pagano caro l'atteggiamento troppo permissivo, perchè da un calcio d'angolo al 38', il centrale Gardin avanza dalle retrovie e insacca, solitario, con prepotenza di testa. Secondo tempo quasi uguale al primo: continui ribaltamenti di fronte, va in vantaggio al 22' la VirtusVecomp con Burato sugli sviluppi da un calcio d'angolo ma la Liventina Gorghense non ci sta e acciuffa il pareggio al 30' ancora con Gardin e ancora su calcio d'angolo. I rossoblu negli ultimi minuti danno il meglio, con molte azioni in particolare una con Fabio Alba che lascia partire un diagonale (fuori sul fondo) che per poco non veniva intercettato da Vesentini. Null'altro da segnalare, la Liventina Gorghense sorprende la Virtus Vecomp e gli impone il pari che comunque la mantiene in zona play off.

Il Villafranca di mister Sauro Frutti getta al venti tre punti d'oro contro un Romagna Centro mai domo che torna dalla trasferta veronese con un insperato punto conquistato nei minuti di recupero grazie al rigore realizzato da Tonelli. Biancazzurri ospiti che già al 5' erano passati in vantaggio col gol di Ridolfi che insaccava di testa da pochi passi. Romagnoli di mister Rossi che dopo aver sprecato alcune occasioni per il raddoppio si facevano raggiungere a pochi minuti dal riposo dai blaugrana che si portano sull'1 a 1 con Avanzi. Nella ripresa il Villafranca pigia sull'acceleratore e passa in vantaggio grazie al rigore realizzato da Ghezzi al 56' concesso per un fallo di mano in area di Rizzitelli. Il Romagna Centro rischia di prendere il terzo gol ma riesce invece a raggiungere il pareggio al 94° minuto con Tonelli che dal dischetto realizza il penalty concesso generosamente dall'arbitro Borriello di Torre del Greco per un fallo di Spinale su Ridolfi. Villafranca che deve accontentarsi di un solo punto e che domenica sarà di scena a Castelfranco in casa della Virtus mentre i biancazzurri romagnoli ospiteranno all'Orogel Stadium per la 6^ giornata di campionato il Mezzolara.

Seconda vittoria stagionale per il Legnago Salus di mister Andrea Orecchia allo stadio Morgagni di Forlì grazie ad primo gol in serie D di Massimilano Tresoldi contro la Sammaurese, squadra di San Mauro Pascoli. Il Legnago in gran forma applaudito spesso dai suoi sostenitori pur costretto a giocare in 10 per più di mezz'ora per la fiscale espulsione dell’italo argentino Giarrizzo e con mister Orecchia espulso a sgolarsi in tribuna e ad indicare mosse tattiche, al suo secondo Mario Loro in panchina, è riuscito a conquistare i tre punti anche grazie ad una prodezza del portiere Cybulko. Orecchia ha rispolverato l’italo argentino Giarrizzo al posto del brasiliano Adriano. Legnago che al 37’ trova il gol partita che vale i tre punti: bomba e palo di Martino, ma Tresoldi è in agguato ed è il più lesto di tutti a mettere in rete. Nella ripresa la Sammaurese tenta di pareggiare, ma il portiere del Legnago Cybulko è tempestivo sulle uscite alte e i locali spesso sballati nelle conclusioni. Al 14’ l’arbitro ammonisce per la seconda volta Giarrizzo per un contatto veniale. La gara cambia fisionomia, con un Legnago ben rannicchiato in difesa. L’unica palla-gol dei locali al 37’ ma Cybulko devia da campione il tiro di Benhya imbeccato da Bonaldi.

tratto dagli addetti stampa delle società - www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2006