Archivio: PRIMA PAGINA

4/10/15
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE – 5^ GIORNATA

L’ALBA TORNA A RISPLENDERE, MA IL PRIMATO E’ ANCORA VIRTUSSINO. PROVESE ANCORA K.O., CADIDAVID “CORSARO”, NOGARA GAMBIZZATO DAL “DOSSO-CATTIVO”

La crisi la vive, soprattutto, la matricola Nogara: 8 sconfitte tra campionato e Coppa, 15 goL, subiti a fronte di solo 2 fatti (in questo abbrivio di stagione) e mister Andrea Bertelli, uno dei principali artefici della splendida, emozionante cavalcata degli “ussari bianco-rossi del basso Tartaro” – a maggio della passata stagione, letteralmente con le mani sul capo, o, se volete, con le budella in mano.
 
Il Nogara, ahilui, è precipitato anche ieri pomeriggio, 0 a 3, davanti al proprio pubblico e la squadra non ci sembra da ruolo di comparsa (ricordiamoci che ha in Luca Pasquali e in Alessandro Pasotto, due fra le più forti e prolifiche punte delle nostre squadre dilettantistiche). L’altrettanto matricola Olimpica Dossobuono, allenata dal mister-sindaca

    a dell’Uil Beppe Bozzini maramaldeggia con una magica tripla esterna e passa la linea bianca dei locali grazie a “Roonnie” Maychol Aliperti per due volte e prim’ancora con Nicola Pellegrini.
     
    Se il Nogara non sta sorridendo, l’U.S. Provese del diesse Gianfranco Chilese non sta facendo certo salti di gioia: rosso-neri alla 3^ sconfitta in 5 gare ieri in casa propria per mano dell’F.C. Valgatara del mister-corniciaio di borgo Sna Pancrazio, Roberto Pienazza: 1 a 2 per “El Barça della Valpolicella”, con doppia del “Principe” Andrea Mileto (l’ex Ambrosiana Pasini, invece, per l’undici guidato da mister Michele Cherobin).
     
    Squillante colpaccio dell’A.C. Cadidavid del trainer lupatotino Massimiliano Canovo: i bianco-blu si impongono per 1 a 5 sul sintetico di Grezzana, con la splendida doppia di Francesco Girardi, e gli assoli di Nicola Gelio, Matteo Cestaro e Alberto Menini. Per gli “oranges” di mister Andrea Matteoni domenica bestiale, tutta da dimenticare, e rete dell’imperioso “Stromberg” Luca Cinquetti.
     
    All’”Esterino Avanzi” di borgo Roma, l’Alba di mister “Mou” Mario Colantoni consuma l’impresa più eclatante della 5^ giornata: cioè quella si saper battere, per 2 a 1, la lanciata Aurora Cavalponica del team manager Stefano Pavoni. E’ sempre lui, bomber Luca Bonfigli, a cacciarla dentro, imitato dal compagno giallo-rosso Andrea Girardi (altro Girardi in rete alla domenica!), mentre il gol – su rigore – realizzato da Alessandro “Bugatti” Borgatti riapre sì la gara ma non inverte l’esito del verdetto finale per i ragazzi di mister Gianfranco Brendolan.
     
    L’A.C. Garda torna prepotentemente alla vittoria: 2 a 1 in riva al suo Benaco, la vittima è la Pro Sambo di mister “Carletto Mazzone” Peter Taccardi; in rete solo con Nicola Filipovic. L’ex virtussino Luca Pizzini e Geronimo Soares (su rigore) consentono ai rosso e blu gardesani di mister Gigi possente di condividere in chiassoso condominio il vice-primato della graduatoria a 10 punti.
     
    Finisce 0 a 0 a Belfiore d’Adige, dove non riesce a passare l’A.C. Lugagnano di mister Pippo Damini. Il belfiorese Antonioli ha dovuto lasciare il campo per sottoporsi in maniera precauzionale ad accertamenti in seguito a una botta rimediata all’altezza della tempia (un sincerissimo “in bocca al lupo” al giocatore in forza alla squadra del mister sambonifacese Flavio Carnovelli!).
     
    L’A.C. Sona Mazza del dirigente Gianmarco Valbusa, padre di Thomas, si affida allo straordinario goleador Lorenzo “Il Magnifico” Meda (delizioso il suo pallonetto) per rincorrere e neutralizzare il vantaggio dell’A.C. San Zeno Verona di mister Davide Bolognesi realizzato da Davide Bertoletti. Termina 1 a 1, così non si verifica il distacco in classifica delle due contendenti, le quali si portano a quota 7 freccette con i granata del presidente Gianfranco Casale e i rossoblu di mister Lucio Beltrame appaiati al 7° posto con 7 punti alla pari dell'Olimpica Dossobuono del presidente Rinaldo Campostrini.

    Uno straordinario e longevo portiere Michele Chiamenti, una laurea in Sociologia per aver nella vita fatto tutt’altro, fa calare la saracinesca polivirtussina dello 0 a 0 nella “Bombonera” dell’A.C. Zevio guidato da mister, lo juventino ed ostigliese professor Paolo Marchi, con i suoi bianconeri che non riescono a far crollare il muro dei rossoblù di mister Simone Bragantini.

    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1995