Archivio: PRIMA PAGINA

25/10/15
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE – 8^ GIORNATA

ALBA E AURORA CONTINUANO A RISPLENDERE DELLA STESSA LUMINOSITA’, SONA, “BELFIO”, ZEVIO “CORSARE” E GREZZANA “CORSARE”. “LUGA” AL 3° POSTO, “VALGA” A CENTRO-CLASSIFICA

Alba Borgo Roma ed Aurora Cavalponica non vogliono lasciarsi; ed, allora, continuano a brillare nel ciello dell’alta classifica dello stesso lucore, della stessa fantastica luminosità. Il loro sfavillìo non è quello sprigionato dai risparmiosi led, ma dai loro astri fuoriesce luminosità intorno ai 19 watt… Entrambe vincitrici, l’Alba a Cadidavid (il Responsabile del vivaio bianco e blu cadidavidese, Rinaldo Vincenzi, ieri pomeriggio era a Oppeano) per 1 a 2, l’Aurora Cavalponica in quel di Santo Stefano di Veronella, per 1 a 0, a spese del Nogara di mister Claudio Sganzerla (alla 1^ caduta dopo due vittorie consecutive).
 
Alba Borgo Roma in vantaggio a Cà di David grazie ad Alberto Taioli, ma, poi, raggiunta da un altro Taioli, il fratello Federico. Infine, l’euro-gol siglato da Denis Leonardi, campione degli studi (ha superato il test di ingresso alla Facoltà di Medicina, sogno che cullava fin da bambino, dopo essere uscito dalla Maturità Scientifica con un rotondo 100/100), grande talento calcistico, e fiore all’occhiello del padre Rosario (impresario nel ramo della frutta e verdura) , l’ex Giovanissimo Regionale della Sambo – Denis Leonardi, appunto -, Sambo, allora guidata dall’attuale trainer del Cerea, Giovanni Bongiovanni.

Il bello è che il mister giallorosso, il reggino “Mou” Mario Colantoni, quasi se l’era dimenticato di averlo in panca, la password, il chiavistello Denis Leonardi, quello che gli avrebbe consentito di scardinare la cassaforte cadidavidese. La sfida dei fratelli contro, i Girardi, arride, in questo giro, al giallo-rosso Andrea; Federico resta con l’amaro sulle labbra mezze morsicate dalla rabbia!
 
L’Union Grezzana di mister Andrea Matteoni grazie a “Stromberg” Luca Cinquetti dal fisico integro, eccezionale, grazie a un mortaio esploso verso la mezz’ora della ripresa va a violare il terreno amico della Provese passato nelle mani di mister Piero Stivanello e senza più il suo centrale difensivo, “Fedez” Manuel Vallicella (incomprensioni con la dirigenza rosso e nera).
 
Se esiste un Correzzola, il jr, che lo sbaglia con la maglia dell’A.C. Oppeano contro il Caldiero, ne esiste un altro, Gianluca, classe 1980, che dagli 11 metri non lo fallisce. E’ sua la ciabattata decisiva, quella che costringe alla resa il Nogara di mister Claudio Sganzerla, giunto alla sua 2^ sconfitta in 4 gare da quando è subentrato a mister Andrea Bertelli. Correzzola che trascina i ragazzi di mister Gianfranco Brendolan e già in doppia cifra con i suoi 10 centri in 8 gare.
 
Il mozzecanese Simone Bonetti infilza l’estremo dell’Olimpica Dossobuono Cerasa e consegna il bottino pieno all’undici rossoblù allenato dal “silenzioso” Lucio Beltrame. Con questi tre punti il Sona Mazza aggancia il Garda al 6° posto a quota 13 punti, a -1 dalla zona play-off. I giallorossi di mister Beppe Bozzini vengono agganciati a 8 punti dal Grezzana, al 9° posto, in una classifica che si è spezzata in due tronconi.
 
Chi, se non lui, l’immensa “Gru” Stefano Guandalini da Maccacari, non può decidere, risolvere la gara della sua Belfiorese, ieri, “corsara” in casa della Polisportiva Virtus Borgo Venezia di mister Simone Bragantini e ad interrompere una partita che ha servito camomilla ai coraggiosi spettatori? Il “Guanda” deve giocare più avanti; altrimenti la Belfiorese fatica a trovare lo spiraglio del gol. Forse, l’invocazione di papà Doriano, diesse dei Boys Gazzo, sarà arrivata fino agli orecchi di mister, il sambonifacese Flavio Carnovelli. Per il "Guanda" si tratta del 6° sigillo stagionale.
 
Al “Guglielmi”, altra bella “perla” dell’A.C. Lugagnano dell’indaffaratissimo presidente ed avvocato Gianni Forlìn (il cellulare squilla ripetutamente a vuoto!): 2 a 0 e doppietta di Alberto Galliazzo (anche su rigore), l’”ex Pippo Inzaghi versione Virtus di serie D”, per i giallo e blu del calabrese mister Pippo Damini, e ai danni di un’A.C. Garda, il quale sta smarrendo smalto, slancio e carica delle primissime giornate. Di sicuro con un “sergente maggiore” dei fantamarò qual è il suo skipper, Gigi Possente, nessuno dei rosso e blu gardesani si è illuso di portare a casa la maglia…

L’F.C. Valgatara del mister e corniciaio Roberto Pienazza supera per 3 a 2 la Pro San Bonifacio dell’omologo Peter Taccardi. Al “Principe” dei blaugrana Andrea Mileto, fratello del più giovane Matteo in forza oggi all’A.C. Oppeano, ha risposto Lavarini del Valgatara, ma cacciando la sfera nella porta sbagliata, però! Poi, il gol prosambonifacese di Centomo, l’allungo del “Barça della Valpolicella” a cura di Marco Aldrighetti, infine, la stoccata vincente di Leonardo Aldrighetti.
 
L’A.C. San Zeno di mister “Bolo” Davide Bolognesi cade nella propria “busa” sorvegliata dal mezzo busto bronzeo raffigurante il vociante Arrigo Ligabò, detto “Molena”: 1 a 2 e passa l’A.C. Zevio del presidente e gioielliere Stevanella, con diesse Moreno Bertasini e mister Paolo Marchi da Ostiglia, alla loro prima vittoria stagionale. Al sanzenate Nicola Milani, replicano il futuro dottore in Legge “pitone” Pierpaolo Blandino – cameriere al giovedì sera presso la “Pizzeria l’Altro Carlo rè” di Zevio, e il futuro psicologo (siamo a posto, aiuto!), il serbo rientrato nella patria bianco-nera, Caslav Jovic. Classe 1988, e "compagno di merenda" di Manuel Vallicella (che riporti Fedez Vallicella in bianco e nero? Mah, nel calcio mai dire mai!).
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2005