Archivio: PRIMA PAGINA

17/1/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. A) – 17^ GIORNATA

“RIGOROSAMENTE” ED EGEMONICAMENTE MONTEBALDINA, RINASCE IL VALEGGIO, PASTRENGO DA TRASFERTA, IDEM LA SCALIGERA E IL PGS CONCORDIA B.M. QUADERNI… DEL GIUBILEO NEL” DERBY DELLA POSTUMIA” VINTO CONTRO I “CUGINI” POVEGLIANESI
 
La Montebaldina sui ghiacciati costoni dell’alta classifica continua a conservare la vetta: ora a 37 punti, ma sempre di ben 5 tacche di vantaggio sull’accorrente Scaligera 2003 del diesse Claudio Patuzzi e del trainer raldonate Simone Marocchio.
 
Ai caprinesi di mister – altrettanto caprinese – Simone Cristofaletti basta la spolverata dal dischetto effettuata con la scopa della Befana – pardon, degli scarpini – dal “bomber del Garda-Baldo”, Emanuele Bagata, per aver ragione di un CastelnuovoSandrà del coach lupatotino Gianni Canovo, che arrivava da ben 3 vittorie consecutive.
 
A 32 insegue la Scaligera, il cui cuoco al seguito, Giorgio Merlo, maestro risottaro, sabato notte, felice del trionfo dell’altro suo amore, il Volley Avesani di Isola della Scala, contro il Gorizia (3 a 0) – trionfo che ha sancito il primato temporaneo degli isolani (perché si è giocato anche ieri pomeriggio in altre palestre).

Ebbene, il simpatico “papà del risotto isolano”, Merlo ha promesso risotto per tutti i suoi giocatori – in alternativa anche la paella – in caso di trionfo dei giallo-rossi del diesse “baffo” Claudio Patuzzi. Scaligera, la quale ieri si è imposta per 0 a 2 a Bussolengo, grazie ai colpi, uno per tempo, sferrati dall’ex ASD Bovolone Andrea Gazzieri (1983) e dal 1989 Riccardo Sgarbossa.
 
Splendido 3° posto è per la rivelazione-Parona, a 29 punti, appaiato sullo stesso filo di lana dal Pastrengo di mister Paolone Brentegani. Parona di mister Flavio Marai, che in riva al suo Adige, tritura con un'indiscutibile 3 a 0 l'ondulante Peschiera di mister Roberto Sorio; e lo fa grazie alla doppia di “Dinamite” Daniele Begnoni e al sigillo del 1995 Nicola Avesani, omonimo dell’Avesani lupatotino.
 
Il Pastrengo, 1 a 3, sale dai suoi forti austroungarici fino a Fumane per artigliare 3 punti da play off sicuri: Alessandro Brentegani (1995), Cristian Carigi e poi l’ex Sona Stefano Bonato, regolano la pratica-Valpolicella, in rete grazie e soltanto a Salvagno i ragazzi guidati ora da mister Luca Ponzini, secondo di Michele Purgato e “primo” alla guida alcuni anni fa dell’U.S. Cadore.

Finisce 1 a 1 a Trevenzuolo, tra l’Atletico Vigasio di mister Adelchi Malaman e del “traghettatore verso la Sardegna” Nicolò Milzoni e il Real Grezzana Lugo: al vigasiano Diego Pasquali replica il lughese Andrea Castagnetti, difensore datato 1992, ed omonimo dell’onorevole del Pd, il reggiano P.Luigi, classe 1945. Buon punto dei neroverdi ospiti di mister Michael De Santis che si mantengono a -2 dalla salvezza diretta.
 
Resuscita – della serie era ora; soprattutto, dopo il gran bell’inizio di stagione! Parliamo della Gabetti Valeggio di mister Lucio Marconi che in riva al Mincio, si impone con un secco 2 a 0 contro i bianco-rosso del Pedemonte del tandem tecnico Stefano Modena-Giorgia Brenzan, con centri dei rossoblù Francesco De Rossi (ex Quaderni) e il classe 1994 Simone Maffesanti.
 
Vittoria ossigenante per l’ancora asfittica classifica della Polisportiva Quaderni, passata nella mani dello skipper arilicense Luca Righetti, Assessore allo Sport presso il Comune di Peschiera: 1 a 0 e la vittima è una delle più prelibate, ossia la “cugina” Povegliano di mister Marco Pedron. Fa la differenza il giovane (18 dicembre 1995) Luca Berlanda, quello che “taca banda” nella “filanda della rinascita” dei nero-verdi della Postumia della presidentessa Sara Olivieri e del suo vice Gianfranco Turrina.
 
A Castel d’Azzano, il Pgs Concordia aziona la freccia del sorpasso: 2 a 3 per i bianco-viola di mister Nicola Chieppe, con il tottiano Mario D’Aleo, che affonda lo scarpino pochi secondi attimi prima di sorseggiare il tè della pausa. Poi, il pari dei “castellani”, grazie ad Alex Gobbi, nuovamente pari (2-2) con “Tarallucci” Tarulli, dopo il gol del 1996 Giuseppe Blasi, indi, il 2 a 3 definitivo a firma di Ronnie Otoo, la “pantera bianco-viola”, sempre pronta a castigarti, anche quando meno te l’aspetti.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1991
- Adv -
- Adv -
- Adv -