Archivio: PRIMA PAGINA

20/3/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D (GIR. C e D) – 32^ GIORNATA

SEMAFORO ROSSO PER TUTTE LE VERONESI. LA VIRTUS VECOMP CADE AD ESTE. IL VILLAFRANCA A SAN MAURO E IL LEGNAGO CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PARMA

Si è giocata oggi la 13^ giornata di ritorno dei campionati di Serie D. Nel Girone C la Virtus Vecomp di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finali dall'Este che raccoglie tre punti importanti in chiave play-off. Rossoblù che erano andati in vantaggio dopo un quarto d'ora con bomber Cernigoi che realizzazza il rigore concesso dal signor Vincenzo Madonia della sezione di Palermo per un fallo subito dallo stesso Cernigoi. La prima frazione si chiude con l'Este proteso in attacco alla ricerca del pareggio ma senza creare grossi pericoli per il numero uno rossoblù Guagnetti. Nella ripresa, dopo 10 minuti, la Virtus raddoppia con un bel colpo di testa del difensore Maccarone ben imbeccato da un calcio di punizione di Marco Burato. Sembra fatta, ma al 22° Ferrara approfitta di un errore di N'Ze e infila Guagnetti per l'1 a 2 che riapre i giochi. Infatti passa solo un minuto  e Guagnetti in uscita si fa sfuggire il pallone sul quale si avventa fulmineamente Caporali che mette in rete il 2 a 2. Come se non bastasse, a tre minuti dalla fine arriva la beffa per i rossoblù veronesi, l'arbitro assegna ai locali un rigore per un fallo di Peroni su Caporali e Mastroianni mette dentro l'incredibile 3 a 2 dei patavini di mister Pagan.

Nel Girone D il Villafranca di mister Giacomo Lorenzini, dopo aver conquistato tre punti importantissimi contro il Bellaria Igea Marina perde in casa della Sammaurese che sfrutta al meglio un rigore e una punizione molto contestato dai blaugrana. Passano nemmeno dieci minuti e il Villafranca è in svantaggio per un gol del capitano Bonandi che insacca il rigore beffando Cantamessa con un "cucchiaio" alla Totti. Il Villafranca non si demoralizza e si crea buone occasioni da gol e a due minuti dalla chiusura del tempo pareggia su calcio di rigore concesso dal signor Bindella di Pesaro per fallo del numero uno locale Stella su Matei. Sul dischetto va Cecco che mette dentro il meritato 1 a 1. Nella ripresa dopo una decina di minuti arriva il gol decisivo della Sammaurese. L’arbitro assegna una punizione ai locali e Bonandi, guadagna qualche metro di troppo portandosi in posizione più propizia e realizza un eurogol che lascia di stucco Cantamessa. A metà ripresa i blaugrana rimangono in dieci per l’espulsione comminata a Binatti e poco dopo reclamano per l'atterramento in area di Tanaglia ma l’arbitro invece di concedere il rigore ammonisce il giocatore blaugrana per simulazione. Il Villa ci prova fino all'ultimo istante e nel tempo di recupero la rovesciata di Antinori è neutralizzata da un gran intervento di Stella.

Sempre nel Girone D, il Legnago di mister Andrea Orecchia perde in casa contro la capo

    a Parma che vince per la quarta volta consecutiva, ma che nel primo tempo viene ingabbiata da un Legnago spiccatamente difensivo che va vicino al gol con Antonio Broso. Nella ripresa due gol del Parma, ma il Legnago reclama un netto fallo da rigore su Bigolin sullo 0 a 1 e conclude il trittico delle tre partite proibitive con Altovicentino, Forlì e Parma con la terza sconfitta consecutiva. Dopo la Pasqua il Legnago riprende a giocare il 3 aprile a Cesena. Molti spettatori sugli spalti (circa 1.100 con incasso sugli 8.000 euro), ma non si batte il record di presenze (2.200 spettatori e 19.000 euro di incasso) e di incasso del campionato scorso contro il Padova. Mister Orecchia con assenze importanti per eventuali cambi (Zerbato e Munarini infortunati, Zanimacchia impegnato nel torneo di Viareggio con la rappresentativa di serie D eliminata domenica mattina e squalificato) schiera una formazione coperta per frenare il Parma, capo
      a imbattuta. Dopo un primo tempo con pochi sbocchi, nella ripresa il Parma aumenta la pressione e al 6' passa in vantaggio: traversone di Miglietta dalla fascia destra e Longobardi da bravo attaccante anticipa Falchetto e incorna in rete imparabilmente battendo Cybulko. Al 12' in una confusa azione in area del Parma il difensore del Legnago Cristiano Bigolin è cinturato in area e cade: l'arbitro non vede e non vuole vedere, ma malgrado le proteste del giocatore e del pubblico locale. Al 34' arriva il definitivo k.o del Legnago con il secondo gialloblù con Corapi che pesca in profondità Mazzocchi il quale batte con un pallonetto Cybulko.

      La redazione di www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2008