Archivio: PRIMA PAGINA

18/9/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. D) – 2^ GIORNATA

POZZO, CHE RIMONTA!, GIPS, CHE QUATERNA! RALDON, BOVOLONE ED ATLETICO S.VITO SI RICONFERMANO CAPOLISTE, 5 A QUOTA ZERO, PRIMO PUNTO DEL VIGO

Domenica baciata dai caldo-tiepidi raggi di sole di fine estate e dalla goleada che si è registrata in un po’ tutti gli impianti sportivi della Bassa veronese. A conferma, come abbiamo più volte rimarcato in altri registri, che è questo il raggruppamento più qualitativamente succoso ed avvincente dei 4 con squadre veronesi. Infatti, nessuna contendente è rimasta a secco di gol realizzati: ben 34 le reti segnate, per una media di più di 4 reti ammirate su ciascun campo.
 
Partiamo dal "Roberto Bortolotto”, “El Ghiggia”, di Concamarise: qui, i rosso-neri di mister Giuseppe Brunelli avevano una grande voglia di cancellare la sconfitta subita ad Albaredo, con strascichi di squalifiche ed espulsioni. Ci erano in parte riuscirti, a dire la verità, i ragazzi del giovane presidente, classe 1990, Paolo Zago, iscrittosi alla Facoltà di Enologia di San Floriano di San Pietro In Cariano, senza, ahilui!, frequentarla. Lui, il giovane successore del presidente cow-boy, il mitico Renzo Tambalo, è anche tabacchicoltore oltre che prossimo viticoltore.

Solo che a vendemmiare alla fine è stato un Pozzo più ordinato, più composto, più maturo della categoria, più convinto anche di farcela, dopo la caduta in poltrona del Conca, in seguito all’uno-due siglato dal “fenomenale” Matteo Bedoni (ma che ci fai qui, Matte?), e da “Happy Days” Alberto Ziviani, accompagnato dalla sua bella, una sventola bionda e volitiva albanese con gli occhi color viola (ma, c’è il trucco delle lenti a contatto), alla Liz Taylor, tanto per capirci.

Fuori mezzo “Conca”, dal portiere Ermanno Beraldo, peraltro sostituito degnamente da un ottimo “piedone” (porta il 47 di scarpe su 185 centimetri di altezza) Roberto Coghi da Terrazzo di Legnago, studente di Scienze Motorie a Verona, da Matteo Violaro (si è sentita la mancanza di un doberman in mezzo al campo; in compenso, in tribuna ha incitato il bravo, generoso nipote, classe 1999, Christopher Violaro, ala destra e codino al vertice della testa, a mò di alberello di Natale), Francesco Cantiero (il voca

    ceretano, studente di Legge a Ferrara riconoscibile dalla maglietta-pigiama, bianca a pois neri, da “Pineta” di Milano Marittima, soffre di mal di schiena, il suo cesarepavesiano più o meno “mal oscuro”…), Simone Bedoni (il politico sanguinettese) Enrico Bottura (la bandiera concamarisana), Thomas Dessena, generoso finché ha concesso un’infiammazione a un arto inferiore.
     
    In vantaggio di ben due reti, “El Conca” ha subito il ritorno dell’avversario, guidato da un grande ed esperto Stefano Paese, con in attacco un Gigi Onofrio sempre in agguato ed “orfano" del gemello e della “torre” prediletta, Matteo “Birba” D’Antonio. Ma, a danno dei pozzani del presidente Roberto Praga anche l’infortunio occorso al termine dei primi 45 minuti a Matteo Gulmini, il talentuoso giocatore, autore già alla 1^ di stagione di una doppietta, lui, classe 1998. A.C. Pozzo, guidato da Giuliano Andreoli, in rimonta, dicevamo, grazie alla doppietta di bomber Gigi Onofrio ed al rigore realizzato da Giulio Personi (ex Real Vigasio). Anche Ziviani aveva segnato trasformando la massima punizione: entrambi i rigori sono stati concessi per spallate e con troppa generosità dal direttore di gara.
     
    All’”Eraldo Bottacini”, la matricola Coriano supera i Boys Gazzo, i quali affronteranno nel giro di 4 giorni e in Coppa che in campionato proprio “El Conca”. Coriano del cagliaritano mister Manuel Cuccu, che va sotto dopo il gol messo a segno dalla forte punta maccacarese Austin, non nuovo a simili gioiosi episodi, poi, trova la forza reattiva grazie alla doppia dell'ex Isola Rizza Flaviu Curseu.
     
    Non basta un superlativo “Cr8” Luca Cecilli a dare la sveglia ai suoi vighiani, lui, “El Ceci”, autore di una doppietta più l’assist del 3° gol segnato da Thomas “Geco” Pasti: esiste in campo, eccome, anche il Cà degli Oppi del presidente Maurizio Marchiotto e del nuovo condukator Dalla Vecchia, ed allora, ecco la doppia di Sebastiano Barini e il gol del 3 a 3 finale, definitivo di Marvulli.
     
    Ancora picche per lo sdentato Villabartolomea del mister, anche lui cagliaritano, Luigi Mura: bomber Romani è ancora in infermeria, ma i bianco-neri dell’Estrema Bassa veronese sembrano non applicare nemmeno la dentiera, la protesi da gol…. E, allora, sotto ancora di 4 reti, dopo le altrettante 4 subite domenica scorsa al “Nicola Pasetto” di Pozzo!

    Dilaga il Gips Salizzole, squadra di altri e di alti ranghi, e segnano per l’undici di mister Adriano Rossignoli e del presidente e laccatore Leonello Migliorini l’ex Nogara Odaro, una doppietta di Nicola Modulon, un’autorete del villabartolomiese Lovato. Mentre, ai bianco-neri dello sconcertato comprensibilmente presidente Gabriele Zanardo segna ancora – come domenica scorsa – Riccardo Palma, classe 1991. Abbiamo ammirato “El Villa” in un’amichevole a Bonavicina, contro la Bonarubiana, il gioco c’è, mancano i “punteros” di razza!
     
    Un’unghiata felina sferrata da bomber Alessandro Pasotto porge su un piatto silver la vittoria all’Asparetto della famiglia Vicentini. La vittima è il neo-retrocesso Casteldazzano di mister Dall’Oglio, passato illusoriamente in vantaggio grazie a Bartolomeo, ma, raggiunto da Lanza e poi inginocchiato dal colpo di pistola esploso da killer Pasotto che regala i tre punti ai biancoverdi di mister Pippo Crivellente.
     
    L’A.C. Raldon è al co-primato a punteggio pieno ed è anche grazie al 3 a 1 di ieri presentato al neo-ammesso Real Vigasio di mister Luca Bortoletto (seconda sconfitta ed ultimo posto in frigorifero assieme a Boys Gazzo, Concamarise, Casteldazzano e a Villabartolomea). Per i nero-verdi raldonati segnano Alessandro Milzoni (doppietta) e Garofolo; M. Partipilo, invece, per i real-vigasiani.
     
    Bis anche dell’Atletico San Vito del riconfermato trainer Gianluca Corso: 3 a 2 contro il Sustinenza, frutto della tripletta di Enrico Perazzoli. Il solo Marco Calian scuote la rete per i “celeste” di mister Andrea Bertelli e del tuttofare Paolo “codino” Leardini e di sua sorella Paola, ottimi barman del noto ed affollato ritrovo nel cuore del paese, Bar Jolly.

    Dopo la vittoria di domenica scorsa, il Bovolone di mister Devis Padovani si ripete battendo l'Albaredo di mister Gianmatteo Malagnini per 2 a 1. La formazione rossoblù del presidente Claudio Bissoli capitanata da Rozan Halilaga passa in vantaggio con Shkrepa con un tiro al volo su imbeccata di Zanini. Poco prima della chiusura del tempo il classe '95 Giacomo Rossignoli calcia in porta, Businaro para ma lo stesso Rossignoli tocca in rete. Nello spogliatoio mister Malagnini striglia i ragazzi dell'Albaredo che nel secondo tempo cambiano marcia e si rendono più pericolosi dalle parti di Greguoldo. I biancazzurri ci provano più volte e al 22' Andrea Polato realizza un eurogol: sugli sviluppi di un calcio di punizione guadagnato dal fratello gemello Marco, si accentra e dai 35 metri lascia partire un gran tiro che s'insacca all'incrocio dei pali. Nei minuti finali, l'Albaredo tenta il tutto per tutto, ma il Bovolone pur soffrendo vince la partita (commento dettagliato della gara e foto in ultim'ora).

    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2000