Archivio: PRIMA PAGINA

9/10/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) – 5^ GIORNATA

IMMENSO CAVAION, MA, ANCHE IL CALMASINO NON SI CALMA! IL DERBY DI PESCANTINA TERMINA IN PARITA’, PRIMA VITTORIA DEL BURE, GARGAGNAGO E SAN PERETTO AVANZANO A FORZA 3

A.C. Cavaion, dicci la sincera verità, ma dove vuoi arrivare? Tutto vero!, tutta farina del nostro aureo sacco, replicano da quella sponda del Baldo i ragazzi di mister Moreno Battisti e del presidentissimo Silvio Lonardi. Il team biancazzurro è l’unico a punteggio pieno (5 vittorie su 5!) nel girone “A” di Seconda categoria.

Ieri, dove sotto i riflettori è sostato il derby di Pescantina (terminato sull’1 a 1 come vedremo tra poco), i cavaionesi superano, con l’asciugamani e il sudor della fronte per 3 a 2 la castiga-grandi San Marco Borgo Milano di mister Emanuele Battocchio. In vantaggio, i “leoni rosso e verdi” di borgo Milano grazie a uno spunto di “Pierino” Prati e al secondo gol col solito Alfonso Giardino, bomber con nelle vene sangue calabrese. Ancora un progetto di successo disegnato dall’ing. Juri Brognara, un tratto autostradale della Modena…Brennero, più un bel Coppini sferrato sulla nuca dei borgo-milanesi.
 
Il derby pescantinese, svoltosi al velodromo, si consuma, si concreta in un botta e risposta tra il Team San Lorenzo di mister Marastoni e il PescantinaSettimo del collega Francesco Marafioti. Al ottavo gol stagionale di bomber Stefano Ferrarese replica, al 93° minuto, “James Dean” (per via del ciuffo e dello sguardo magnetico) Andrea Paiola da Domegliara per l’undici del presidente Pietro Zangrandi guidato dal nuovo skipper G.Luca Marastoni, antiquario valpolicellese sulla Verona-Brennero. Cena a base di bistecche fiorentine in aria per i “rosso e blu del velodromo”, con noi della redazione già invitati dalla dirigenza del Team.
 
Non si placa la furia del Calmasino e al “Belvedere” i bianco e verdi di mister Mario “baffo” Marai superano per 2 a 1 il Sant’Anna d’Alfaedo di mister Rino Sestan. Ad Andrea Marzari, freddo quanto chirurgico cecchino dagli 11 metri, replica “il falco della Lessinia” Alessandro Marchesini; anche lui dal dischetto gessato. E’ l’appena entrato Giuseppe Tomelini – al posto di Nicola Sandrini – a fare la differenza in zona Stock, all’84° minuto. Polveri umide ieri per il terribile tridente, quello formato da Alberto “Abba” Zanolli, Davide “Deca” De Carli e da Juan Pablo Ometto. Ma, c’è sempre chi li sa sostuire a dovere i 3 panzer bianco-verdi, o no?
 
A Costermano, botta e risposta, 1 a 1, tra la Polisportiva A.Consolini e il Real Lugagnano, ancora con un secco zero nella casella delle partite vinte. Aveva illuso i rosso-neri del mister ed auto-ferrotramviere Antonio Malizia il “bomber tascabile” Michele Mrachesan, ex Real San Massimo. Andrea Pachera applicava l’insonorizzatore di gioia alle baionette real-lugagnanesi del presidente Sergio Coati.
 
Vince largo e convinto il Gargagnago di mister Gianni Pierno: 3 a 0 ai danni del Malcesine del presidente Simeone Casella, che giace melanconicamente nei fondali dell’ultimo posto in classifica del girone “A” di Seconda categoria. Casella come il famoso mago Jucas, ma nel cilindro del giovane massimo imprenditore malcesinese ed ottimo ristoratore non è ancora spuntato il coniglietto della prima vittoria stagionale. Per “El Garga” del presidente Stefano Sartori trovano la via del gol Alessandro Fiorin (doppietta!) e il solito “ranista” Galvani (Mattia).

Al “Montindon”, finisce 3 a 3 tra la Pol. La Vetta di mister Alessandro Saiani e l’F.C. Valdadige di mister "el latta" Stefano Adami. La sfida tra le due matricole del girone non ha proclamato né vincitori né vinti. Leso, Davide Zanoni e il neo-entrato Matteo Zanini per i domegliaresi del presidente Dario Zampini; Massimo Vicentini (dal dischetto), Ballarini e di nuovo Massimo Vicentini – ancora dagli 11 metri – i mazzieri valdadigini del presidente Michele Cipriani.

Lazise che non ti saresti aspettato or ora a metà classifica, semmai nelle poltronissime del girone: la navicella azulgrana affonda a Negrar, in casa del San Peretto di mister Cristiano Oliboni, per 3 a 1, e salva l’onor di bandiera e di firma col solo “gioielliere” Soprana. Per le “giubbe nere” del factotum Nicola Righetti, l’assicuratore, hanno esultato Enrique Benedetti, ex Negrar classe 1989, doppietta per lui, e l'ex Arbizzano classe 1984 Cristian Ugolini.
 
Prima vittoria della stagione per il BureCorrubbio dell’èra mister Gian Donato Di Marzo, ex Team S.Lorenzo Pescantina: al resort di Castelrotto di Negarine 1 a 0 a spese della matricola Pieve San Floriano di mister Massimo Scarlatti e del presidente Giovanni Flora. Il graffio all’uranio lo sferra – alla fine circa del primo round – Giacopuzzi.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2000