Archivio: PRIMA PAGINA

16/10/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE – 6^ GIORNATA

IL S.MARTINO AGGANCIA LA PROVESE, ALTRA VITTORIA DEL GREZZANA, PRIMO PUNTO DEL NOGARA, CADE “EL POVE” PER MANO DEL SONA. L'AURORA DEVE ANCORA SPUNTARE, SGAMBETTATA DAL “LUGA”, IL GARDA HA LA MEGLIO SULLA VIRTUS, I LUPI ULULANO A CAPRINO

La coppia da battere, da raggiungere in vetta alla classifica del girone “A” di Promozione è quella formata da U.S. Provese e dal San Martino-Speme. Le due fuggiasche si sono portate a quota 16 punti, ma sono i rosso-neri de La Prova di San Bonifacio che ieri hanno perduto terreno, facendosi mettere, quasi, il bastone tra le loro ruote (1 a 1) in casa propria dalla capace di tutto A.C. Cadidavid di mister Fabrizio Sona. 45 minuti passano dal gol messo a segno dal vigasiano, l’immenso Davide Falavigna, e il rosso e nero Valerio Dal Lago, ma per la squadra di mister Giovanni Orfei si interrompe la splendida collana di 5 vittorie di seguito.

Cadidavidesi del diesse Adelino Biondani ora a quota 11 e in compagnia del San Giovanni Lupatoto di mister Lucio Manganotti, “corsaro” per 1 a 2 a Caprino, in casa della matricola gialloblù di mister Simone Cristofaletti, ancora a digiuno di vittorie in questa stagione. Ancora l’ex “samurai” gardesano “Pogba” Yao Doria, poi, pari illusorio di Emanuele Bagata, quindi, è il solito Nicola Avesani far andare in solluchero la mamma dirigente e prima tifosa lupatotina.
 
Ma, la notizia che colpisce in questa 6^ giornata è la prima volta in negativo del Povegliano, squadra che non aveva mai chiesto, a dir la sincera verità, di inseguire la luna nel pozzo. Le “libellule” biancazzurre di mister, l’indio Marco Pedron, cadono sul proprio campo, 0 a 1, dirimpetto al quotato Sona, il quale, dopo essere stato costretto a dire addio a mister Carlo Breve, dovuto rientrare nella sua Catania in seguito a decreto del Provveditorato agli Studi, ha intanto chiamato mister Giuseppe Mazzali, classe 1961, ex trainer di club di serie B in Transilvania e stretto collaboratore di Apolloni. Due i rossi comminati dal padovano Fiorentin, uno al poveglianese Redolfi, l’altro a Cipriani. Mattatore dei rossoblù l'ex Garda Mohammed Rkaiba.
 
Non riesce ancora a spuntare in tutto il suo splendore l’Aurora Cavalponica del mister-corniciaio Roberto Pienazza: ieri sconfitta 2 a 4 a San Gregorio di Veronella per mano del Lugagnano di mister Luca Mancini da Albarè di Costermano. Eppure in duplice vantaggio i cavalponici grazie a Spoladore e ad Alessandro “Bugatti” Borgatti, poi, in fatto di reti è poi black out per la squadra del presidente Stefano Bressan. Infatti, scoppia il “Riccardo Risi Day”, come ci racconta il diesse gialloblù Roberto Spada: "L'autore delle quattro reti nostre è stato uno dei nostri tanti interessanti giovani, Riccardo Risi (classe 1995) che, entrato in campo al minuto 46' sul risultato di due a zero per la Cavalponica, ci ha trascinati alla vittoria segnando ben quattro reti in 45 minuti, una su rigore che lui stesso si era procurato. Penso che non capiti spesso che un giovane segni quattro reti in 45', quindi mi complimento con il nostro Riccardo Risi, ripeto, uno dei nostri tanti giovani interessanti che fanno parte della nostra Prima squadra".
 
Primo punto, della serie era ora!, per il Nogara del trainer raldonate Simone Marocchio, subentrato 15 giorni or sono a mister Claudio Sganzerla: finisce infatti 2 a 2 a Valgatara, con vantaggi alterni. Segna su rigore il “cosacco” degli azulgranata valpolicellesi Goran Ivanov, pareggia l’”ussaro” bianco-rosso Alexander Pesic, è ancora Pesic, su rigore pure lui, a illudere della prima vittoria stagionale i nogaresi, ma Giacopuzzi, a uno scampolo di minuti al termine decide che la gara non deve avere né vincitori né vinti e regala il pari ai blaugrana di mister Armando Corazzoli. Rosso per l’ex “Luga”, oggi in forza al “Barça della Valpolicella”, Nicolò Dalla Pellegrina, in attesa dell’arrivo di un bel bebé. L’attesa, forse, lo sta già privando del sonno?
 
Altra importante affermazione dell'Union Grezzana di mister “Mancho” Andrea Matteoni: sul suo nuovo sintetico sgambetta, 1 a 0, anche l’Alba Borgo Roma di mister “Mou” Mario Colantoni, ora solitario penultimo in classifica a quota 2 punti (dietro c’è solo il Nogara, a 1 punto). E’ un guizzo di Abedi Jeffrey a decidere la contesa e a far catapultare gli “oranges” del presidente Dino De Paoli a circa metà classifica, a quota 7 freccette.
 
Il San Martino-Speme di mister Pippo Damini perfeziona l’operazione aggancio in vetta con la Provese, vincendo in riva al suo Fibbio per 2 a 1 contro l’Olimpica Dossobuono del mister-sindaca

    a della Uil, Beppe Bozzini. Eppure, proprio i giallo-rossi erano andati in vantaggio grazie a “Rooney” Maichol Aliperti, ma poi è Giacomo Boseggia a far capire che quella in corso è davvero il suo anno d’oro: doppietta, con precisione e freddezza chirurgica dagli 11 metri.
     
    Viaggia sempre col vento in poppa l’A.C. Garda di mister Matteo Fattori. Ieri, sul lago, 3 a 2 a spese della Pol. Virtus B.V., e vantaggio di 3 reti a zero, per via dei centri effettuati da Cesar Pereira (doppia per il nuovo capocannoniere del girone con 9 reti in 6 gare) ed acuto di Baban-you-Tube. Enrico “Caino” Callino e “l’Affare del gol è…” Francesco Rossetto, invece, per i polivirtussini del coach Giuseppe D’Antonio che si svegliano troppo tardi e sfiorano il clamoroso 3 a 3.

    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2009