Archivio: PRIMA PAGINA

8/1/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI ECCELLENZA – 16^ GIORNATA

IL POZZONOVO NON APPROFITTA DELLA SOSTA DELLE DUE GIGANTI: AVANZI AGGUANTA AL FOTOFINISH IL CALDIERO, LA “BELFIO” PUNISCE L’OPPEANO GRIFFATO “PUMA”, TEAM E CEREA RAGGIUNTE DA BARDOLINO E PIOVESE

Una domenica, quella della riapertura del campionato del girone “A” di Eccellenza, un po’ anomala, senza sugo, senza ciuccio: sì, perché all’appello mancavano le due attuali battistrada, la campionessa d’inverno l’Ambrosiana di mister Chiecchi, e la vice, nonché detentrice della Coppa Italia Dilettanrti, la Clodiense di mister De Mozzi.

La quale al neutro di Rosà vicentino, il giorno della Befana infila quel Trofeo che manca a una veronese – è stato il Magico Somma l’unica società a sollevarlo al cielo piovoso del “Silvio Appiani” la notte del 1° luglio 1978 (mattatore “Fuffo” Fulvio Begnini: sparring partner i rodigini del Contarina del portiere para-rigori Gino Bovolenta) – e la vittoria in una partita unica, secca, è arrivata solo su calcio di punizione e per giunta deviato da un omero innocente di Savoia (per saperne di più del match, andare su “ultima ora” in data 7 gennaio).

Ambrosiana 33, Clodiense 32, con le due avversarie che si affronteranno per il retourn match alla 4^ di ritorno in laguna, e dopo che a Sant’Ambrogio si erano imposti i “diavoli della Valpolicella” per 2 a 0. Entrambe giocheranno la 16^ di campionato mercoledì prossimo 11 gennaio, l’Ambrosiana in casa della matricola Cartigliano, mentre i chiozzotti di mister, il marosticense trainer Massimiliano De Mozzi, col Leodari di Vicenza.

Non ne approfitta più di tanto della sosta delle due "giganti", la padovana Pozzonovo, la quale in casa viene bloccata sull’1 a 1 dal Loreo, ancora “fanalino di coda” a quota 5 punti. Per i patavini aveva illuso su rigore Bortolotto, poi, è stato Neodo Samuele a pareggiare il tutto.

Pozzonovesi terzi a 31, a -2 dal vertice ambrosiano, 4^ migliore realtà è la Belfiorese del coach sambonifacese Flavio Carnovelli, incrociato in tribuna al “Nino Zen” di Rosà il 6 gennaio scorso, e vincitore per grazia di Mattia De Cao sul più bisognoso A.C. Oppeano griffato “Puma” (al secolo mister Marco Montagnoli).

Un bel 30 e lode per la matricola del presidente Giuseppe Mosele, poi, a 29 ecco l'EuroMarosticense (belle le creste del suo castello illuminate di notte, spettacolo ammirato nel ritorno da Rosà in direzione di Asiago), “corsara” per 0 a 1 a Teolo, in casa del Thermal di mister Riccardo Caporello. Topparelli è il match winner, ma già dal 5’ del primo round.

Il Villafranca di mister Alberto Facci riesce ad agguantare il pari, 1 a 1, a una manciata di secondi al termine: e lo fa grazie al suo capitano, classe 1991, il sirmionese Samuele Avanzi. Dirimpetto il Caldiero di mister Roberto Piuzzi, in vantaggio illusorio con il classe 1991 Matteo Speri…promitto e iuro, vogliono – in latino – l’infinito futuro…

In via Sant’Elisabetta, rione Santa Lucia, gli “aquilotti” di mister Michele Cherobin spiccano il volo con il beccacivettese bomber Lorenzo Testini, ma, il volo dura solo una decina di minuti, fino a che è “Gatto” Nicola Silvestri del Bardolino di mister Beppe Brentegani a impallinare i bianco e blu del presidente dei rionali, Giuseppe Bettini, pure lui in tribuna a Rosà vicentino il giorno della Befana e della “beffa dell’Ambrosiana”.

A Piove di Sacco, il fortissimo Jussef El Qorichy manda in sollucchero il “Piccolo Toro” ceretano, ma non ha purtroppo fatto i conti con il graffio sferrato al 90’ dal padovano Lombardo. E la contesa termina sull’1 a 1 e col, Cerea che non si stacca a quota 24 punti e al 7° posto dal Caldiero del presidente Filippo Berti.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2008