Archivio: PRIMA PAGINA

22/1/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI ECCELLENZA – 18^ GIORNATA

IL “VILLA” INACIDISCE IL BARDOLINO, BELFIORESE ED OPPEANO SUBISCONO LA MANNAIA A 3 LAME. IN TESTA “AMBRO” SEMPRE A -1 DALLA CLODIENSE, PUNTO DELLA SPERANZA PER IL TEAM, IL LEODARI ACCECA IL PICCOLO TORO

La Clodiense viene raggiunta a pochi secondi dal termine dalla matricola Cartigliano sull’1 a 1 e la fuga sfuma. Già, il Cartigliano di mister Alessandro Ferronato: una squadra, l’abbiamo vista in casa sua, sorretta in difesa da capitan Alessandro Miotti, classe '84 e giocatore con le maniche corte nonostante l’inconsueto gelo artico di questo inizio d’anno. Una compagine combattiva, quella alto-vicentina, sorretta in attacco dalle sfuriate e dalle invenzioni del nipote di Roby Baggio, Nicola Baggio, classe '85.

Ebbene, il Cartigliano era riuscito nel posticipo della 16ma, prima di ritorno, l’11 gennaio, a fermare a metà (2 a 2) l’Ambrosiana di mister Tommaso Chiecchi, 5 giorni dopo che la Coppa Italia Dilettanti fosse sollevata nel cielo di Rosà vicentino dalla Clodiense. Ieri stessa sorte riservata ai veneziani che erano passati in vantaggio all'84° con Raffaele Cacurio ma raggiunti sull'1 a 1 al 92° da Edoardo Di Gennaro.

Per contro, i “diavoli rosso e neri” del presidente Gianluigi Pietropoli a sant’Ambrogio non riescono ad aver ragione (1 a 1) del Caldiero del presidente Filippo Berti e di mister Roberto Piuzzi. Alessandro “Camoranesi” Vecchione trasforma il rigore ma non il verdetto finale, visto che Giovanni Guccione spedisce la sfera a un quarto d’ora circa dalla fine alle spalle dell’estremo “rossonero” Federico Cecchini.

La vetta del girone “A” di Eccellenza vede sempre così al comando i chiozzotti del marosticense trainer Massimiliano De Mozzi e del presidente Ivano Boscolo Bielo, 55enne imprenditore nel trasporto acqueo (a Venezia) di materiali edili, a quota 36, tallonati a un punto dall’Ambrosiana. Al terzo posto con 34 punti ecco il Pozzonovo, ieri travolgente nei confronti della Belfiorese del trainer Flavio Carnovelli, scivolato al 5° posto a 30 punti. Per i patavini di coach Sabbadin, doppia di Bortolotto, inframezzata dall’acuto emesso da Zuìn.

Il Leodari Vicenza acceca con due lampi – uno di Casolìn, l’altro di bomber Alessandro Sgrigna – il Piccolo Toro di mister Mario Vittadello. Il quale, oltre tutto, era passato in vantaggio grazie alla zampata sferrata dall’ex Dak Ostiglia, classe 1991, Ikponmwosa Omeregie. Granata del presidente Doriano Fazion in coda al trenino che insegue l'ultimo posto play-off a 24 punti con il Leodari. Il Teolo mette sotto, 3 a 0, l’A.C. Oppeano guidato da “Puma” Marco Montagnoli. La vittoria dei padovani si materializza tutta nella ripresa, esattamente dopo le reti realizzate da Francescato, Allegro e Celi.

Buon punticino in prospettiva-salvezza per gli “aquilotti” bianco e blu del Team Santa Lucia Golosine del trainer borgo-veneziano Michele Cherobin: 1 a 1 sul campo di via Sant’Elisabetta contro i polesani del Loreo di mister Santi.
Ricordiamoci, però, anche che i rodigini sono l’ultimo anello debole della classifica e quindi il tutto potrebbe essere letto anche secondo un’altra lente. Aveva illuso per il Team il 1995 Marco Raimo, mentre solo su rigore il nuovo portiere il dottor in Legge Enrico Rossi Chauvenet viene superato da Volpato.

Vittoria davvero molto rinfrancante per il Villafranca di mister Alberto Facci: 3 a 0 a spese del Bardolino dell’omologo, il trainer pastrenghese Beppe Brentegani. Si scatena il bomber ex Vigasio Pietro Filippini: doppia per lui (anche dal dischetto), poi, è il sirmionese Samuele Avanzi a mettere il fiocco sul pacco indirizzato ai “giallo e blu del lago”. A Piove di Sacco, nel Padovano, passa la Marosticense per 1 a 2. Dopo il vantaggio dei locali con Degan, i vicentini pareggiano con Parise e mettono la freccia con Minato. Lo scacco matto degli alto-vicentini frutta il 4° posto in classifica a quota 32 freccette.
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2001