Archivio: PRIMA PAGINA

5/3/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE – 23^ GIORNATA

PROVESE VINCE ANCHE A SONA ED E’ SEMPRE A +8 SUL SAN MARTINO-SPEME. NOGARA DEVASTANTE SULLA “MONTE” TORNA A SPERARE, DOPPIO RUGGITO DI “SKIZZO” ROGNINI E IL GREZZANA VOLA IN BORGO VENEZIA. COLPACCIO “LUGA” SPINGE INDIETRO L’ALBA, FAVALLI (AURORA) METTE A K.O IL DOSSOBUONO

Il cielo dell’alta classifica del girone “A” di Promozione è sempre più tinto di rosso e nero: i colori dell’U.S. Provese del presidente ed artigiano metalmeccanico Franco Chilese, juventino ed ex bomber dell’A.C. Tregnago. Quelli della frazione di San Bonifacio, ammaestrati come leoni dal mister e domatore Giovanni “Circo” Orfei, s’impongono anche a Sona, in casa di una squadra che per un motivo o per l’altro ha vissuto una panchina tormentata. Ora, in panca, visto che Massimo Carli è partito per lavoro per gli States, siede Zoccatelli, ma la musica continua a non essere delle più trionfa

    iche. Un atterramento in area del “Luca Toni della Bassa”, Stefano Guandalini, permette ad Andrea Peroni di trafiggere dal dischetto Scolaro.

    Sempre a +8 il vantaggio della Provese sull’unica squadra che può contare di raggiungerla: anche se la distanza non è del tutto indifferente e le cartucce da sparare ora sono solo 7.  Parliamo del San Martino-Speme di mister Pippo Damini, secondo come lo stesso trainer piazzò l’anno scorso l’A.C. Lugagnano da lui allenato. E, la regina delle inseguitrici, il San Martino appunto, rifila 3 reti a zero al San Giovanni Lupatoto di mister Lucio Manganotti, sfidato nel suo "Giobatta Battistoni”. Le tre sfere terminate alle spalle di Sguazzardo recano le impronte digitali dell’ex raldonate Francesco Tarullo e di Giacomo Boseggia, costui autore di una doppia.

    Si tira su una bella costola l’Union Grezzana di mister “Mancho” Andrea Matteoni: 0 a 3 in borgo Venezia, vittima la Pol. Virtus di mister Giuseppe D'Antonio ed operazione-sorpasso consumata da parte degli “oranges” valpantenati del presidente “Harley Davidson” Dino De Paoli, amante dei centauri. Il doppio ruggito di “Skizzo” Stefano Rognini e terza rete griffata da Andrea Castelli portano gli ospiti fuori dalla zona play-out.

    Dopo il pareggio di domenica scorsa a Santo Gregorio di Veronella, l’Aurora torna a rilucere in tutto il suo splendore andando a vincere in casa dell’Olimpica Dossobuono ora allenata da mister Alessandro Montorio: 0 a 1 e tiro da tre punti di sapore cestistico effettuato da un gancio di Marvin “Hagler” Favalli. La rete che fa la differenza scaturisce dalla più antipatica delle decisioni che un arbitro possa prendere: il rigore.

    Il Nogara è vivo e devasta con un ustionante 4 a 0 riportato in riva al suo Tartaro la Montebaldina dello skipper Simone Cristofaletti. “Monte” ora quart’ultima a 22 e a +6 dagli “ussari bianco-rossi” di mister Walter Bampa, il quale, in caso di salvezza, si prenderebbe una gran bella rivincita con la società, che, però, ha sempre a lui affidato le sue giovani promesse calcistiche. Si scatena il bomber, ex fioraio del cuore di Mantova, Cesare “Cece” Borghi, ex Provese, Oppeano, Altopolesine (gli è riuscito di salvare dal baratro della Prima categoria i rodigini! Perché non provare l’impresa anche col Nogara?), ex Vigasio, classe 1985, giunto come strenna natalizia assieme a Corradini e ad Andreas Sbuciumelea. Ebbene, Borghi firma la sua esaltante tripletta (anche dal dischetto), preceduto dalla conclusione vincente del compagno Christopher Negrini.

    Tra A.C. Cadidavid ed A.C. Garda, vince l’equilibrio e regna lo 0 a 0. Ma, per i bianco e blu del “campanil cogli ovi” cadidavidesi di mister Fabrizio Sona resta il grande rammarico per quel rigore che Pianezzola non riesce a tradurre alle spalle di Zomer. Aiutato, costui, dalle cornici benedette del palo e della linea bianca, in cui ha danzato la sfera di cuoio. A superare l’estremo gardesano ci prova anche il giovane isolarizzano, classe 1999, Alessandro Olivieri, ma Zomer dice ancora no, alla pari del notaio amico di Mike Bongiorno.

    Grande boccata d’ossigeno se la prende l’A.C. Lugagnano dello skipper costermanese Luca Mancini: 1 a 2 all’”Esterino Avanzi” di borgo Roma, casa dell’Alba Borgo Roma di mister “mou” Mario Colantoni. Inutile il gol – scaturito su rigore – da parte del giallo-rosso, classe 1997, Andrea Vesentini; prima di lui hanno scosso le reti, alla pari di provetti pescatori del Delta del Po, il tellurico ex Villafranca Gezim Tellosi e Riccardo Risi & bisi, classe 1995 (anche costui dal dischetto).

    F.C. Valgatara-Povegliano chiudono sul 2 a 2 una gara fatta di botte e risposte. Prima vede la rete il “cosacco” in forza al “Barça della Valpolicella” Goran Georgev Ivanov, poi, l’albanese ex Gabetti Valeggio Dritan Gordi; quindi, sempre per le “libellule” poveglianesi di mister Marco Pedron esulta l'ex Sona Simone Bonetti, ma è pronto subito dopo l’ex rasta Siro Franceschetti – su rigore - a raffreddare gli entusiasmi di vittoria dei valpolicellesi di mister Armando Corazzoli.

    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2001