Archivio: PRIMA PAGINA

2/4/17
L PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. C) – 27^ GIORNATA

MONTEBELLO E GAMBELLARA NON SI FERISCONO (0-0) E RESTANO STACCATE DI 6 LUNGHEZZE. IL PARI DEL MONTORIO CONSENTE DI PORTARSI A +3 AI COLLIGIANI, VINCITORI A SPESE DEL SOAVE. SCONFITTA PER IL REAL MONTEFORTE, VINCONO LOCARA ED ILLASI, SCONFITTA N.23 PER L’EDERA VERONETTA.
 
La grande montagna del big match del girone “C” di Seconda categoria, quello andato in onda ieri al Comunale “Marchetto” di Montebello ha partorito il classico topolino dell’insipido (a livello spettacolo) 0 a 0. Un punto, un bicchiere mezzo pieno lo stesso per la capo

    a bianco-rossa allenata dal coach sambonifacese Fiorenzo Bognin, eh: ora, a -270 minuti e più al termine della regular season, sono sempre 6 i punti di distacco (il rapporto è di 70 a 64) che separano i montebellesi del presidente Silvano Ponato dall’immediata inseguitrice, l’Elettrosonor Gambellara di mister Simone Lazzari e del massimo dirigente Luciano Marchetto.

    Terzo in classifica a quota 50 punti c'è l’A.C. Colognola ai Colli di mister Loris Fedrigo: ieri 3 a 0 secco sui colli nerazzurri, a spese del Borgo Scaligero Soave di mister Mirko Bonifacio, per i ragazzi del presidente Tiziano Tregnaghi, con a bersaglio il turn over di “cecchini”, formato da Luca “Valde-Rama, dal 1991 Mattia Tosadori e dal 1986 Luca Tregnaghi.

    Il Montorio, bloccato sull’1 a 1, in casa dell’A.C. Sambonifacese guidata dal navigato Donato Tanello, resta al 4° posto a 47 punti, e cioè a -3 dai colligiani. Per i “castellani” montoliesi, vittime sorridenti del “pesce d’aprile” comparso il 1° di aprile sul nostro sito, segna Alessandro Caputi, imitato, suo malgrado, più tardi dal 1990 Enrico Peruzzi.

    Perde, e non ci voleva!, il Real Monteforte di trainer Beppe Castagna: succede ad Olmo di Creazzo, con i bianco e blu vicentini di mister Ciro Vicari al duplice vantaggio grazie all’uno-due griffato dal 1991 Samuele Sottoriva e dal 1997 Riccardo Scala. Poi, è l’interessante (1998) punta Davide Brutti a tentare, inutilmente, la rimonta per i realmontefortani del presidente Claudio Nardoni.

    E’ il “nobile” Antonio Marchese, dal sangue bianco ed azzurro, omonimo  del terzino Francesco, ex La Contea classe 1989 ieri non in campo, a decidere che il piattino della bilancia penda a favore dei locaresi nell’1 a 0 spuntato dai ragazzi di mister Fabio Faccìn contro il La Contea del presidente Massimo Dalla Chiara che precisa: "Come detto da voi, il piattino della bilancia a favore dei Locaresi è stato fatto pendere dal direttore di gara che ha convalidato un gol inesistente, nemmeno i giocatori del Locara si sono resi conto del gol convalidato, in quanto il direttore di gara si trovava a 30 metri dalla palla. Palla che dopo aver sbattuto sulla traversa e schizzata fuori dalla riga bianca di almeno 20 centimetri. A noi de La Contea è stata invece annullata una rete regolare quando il nostro attaccante scaltramente ha messo la palla in rete su retro passaggio di un difensore del Locara al suo portiere. Il direttore di gara ha annullato il gol dicendo che il nostro attaccante era in fuorigioco, credo che questo arbitro si debba ripassare un po' le regole del calcio".

    L’Arcugnano di mister Maurizio “papa” Montini surclassa per 3 a 0 in casa sua la già calpestata Edera Veronetta di mister Sergio Piccoli. E, lo fa andando in rete con il 1992 Nicola Dalla Benetta (ex Santo Stefano di Zimella), con il 1990 Giacomo Vicari (nel suo duplice ruolo di difensore-goleador e di portiere) e con Soffia.

    L’A.C. Illasi di mister Simone “vocione” Pasetto frantuma il già frantumato “fanalino di coda” Grancona per 2 a 1. A Verzì replica il nero-verde basso-vicentino, il classe 1989 Emilio  Frigo, poi, il tiro dei 3 punti è roba ancora dello strepitoso Gabriele Verzì, attaccante nato il 18 maggio 1996.

    Infine, 4 a 1 sul campo Comunale di Tavernelle dell’Altavilla ai danni del Brendola (in rete solo con il 1988 Edoardo Zen). Per i bianco e blu di trainer Moreno Dalla Pozza e del presidente Elvio Righetto urlano “gol!” il 1992 Filippo Sturaro, il maturo (1979) Elis Padoan, l’altrettanto navigato (1979) Alessandro Zanusso e Piana.
     
    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2036