Archivio: PRIMA PAGINA

23/4/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI ECCELLENZA – 29^ GIORNATA

DAI, “AMBRO”, CUCISCITI LO SCUDETTO! CLODIENSE SEMPRE A -2 A 90’ AL TERMINE, CEREA SCONFITTO MA SALVO, OPPEANO APPESO AD UN FILO, CALDIERO 4° CON VISTA 3° POSTO. IL BARDOLINO VINCE A POZZONOVO ED E’ A -3 DALLA BELFIORESE. AL TEAM S.LUCIA MANCA UN PUNTO PER EVITARE I PLAY OUT.

Mancano 90 e più minuti al termine del campionato e l’Ambrosiana domenica prossima nella sua  Sant’Ambrogio potrebbe – tutti rigorosamente in barriera gli ambrogini! – festeggiare lo storico ingresso in serie D. Arriverà la squadra che, a detta di tutti, sta sviluppando il miglior calcio del girone, ossia quella Piovese, la quale ha molto investito in uomini e mezzi. Ai “diavoli della Valpolicella” l’obbligo di sudarsi fino all’ultima stilla di sudore, conquistando la vittoria numero 21 contro il 30mo ostacolo che il girone “A” di Eccellenza veneto pone sul suo camino.

Ieri, intanto, 2 a 5 dei rosso e neri di mister Tommaso Chiecchi in casa di un Villafranca di mister Alberto Facci che poco aveva da chiedere alla stagione se non quello di onorare fino all’ultimo l’impegno che lo vedeva davanti al pubblico amico per l’ultima volta quest’anno. All’azulgrana nonché ex virtussino Nicolò Marangi, classe 1995, replicava su rigore “Camoranesi” Alessandro Vecchione, poi, di nuovo il vantaggio villafranchese a firma dell’ex vigasiano Umberto Ambrosi, quindi, la “remuntada”  valpolicellese a cura di Riccardinho Testi – sempre più vicino alla conquista del “pallone d’oro” – , imitato da  Luca “Pinturicchio” Avesani. Consolidata dal rigore trasformato dall'ex Edoardo Cecco e arrotondata da Matteo “tartaruga” Rambaldo.

Ambrosiana ancora prima in classifica a quota 66 punti, frutto di ben 20 vittorie, 6 ics e 3 sconfitte. Dietro, sempre a -2, e cioè a 64 punti sputa fuoco e fiamme la Clodiense del trainer marosticense Massimiliano De Mozzi, ieri vittorioso di misura (0 a 1) in casa di quella Piovese, la quale si erge a crocevia dello scudetto 2016-17. Mattatore per i chiozzotti il 1988 Raffaele Cacurio, nel cuore della ripresa la sua stilettata vincente che vale i preziosi tre punti che danno ancora speranza ai veneziani.  

Ad una distanza siderale, a quota 53 punti, troviamo il Pozzonovo, terzo in classifica, e ieri sconfitto anche lui in casa per 0 a 1 dal Bardolino del coach pastrenghese “Cecco” Beppe Brentegani. La zampata felina viene sferrata dal gialloblu Ronnie Otoo arriva quando ormai non te l’aspettavi più, con tutti i contendenti che pensavano ai fumi ristoratori e bollenti delle docce.

Ora, ad insidiare il terzo gradino di bronzo è il Caldiero di mister Roberto Piuzzi, ieri largo vincitore nel rione di Santa Lucia, 0 a 3, in casa degli “aquilotti” del Team Santa Lucia Golosine di mister Michele Cherobin. Rionali biancoblù ai quali ora basta un punto per evitare matematicamente di disputare i play out e ieri impallinati per due volte dalla doppietta scaricata dal polesano Giovanni Guccione e finiti dal colpo esploso dal minerbese ex Legnago e Oppeano Mattia Pauletto.

I “termali” del presidente Filippo Berti sono a -1 dal Pozzonovo, atteso domenica prossima al “Pelaloca”, in casa di un Cerea già salvo, mentre i giallo-verdi all’ombra di Giunone ospiteranno quel Thermal Teolo (ultimo a 16 punti con il Loreo) che ieri non ha avuto pietà del “Piccolo Toro”, matandolo per 2 a 1, con i cecchini Piva e Celi e lasciando a Franco Ballarini l’onore delle armi e del rigore trasformato.

Una Belfiorese sprecona non va oltre lo 0 a 0 casalingo dirimpetto all’Euromarosticense ed anzi perde per rosso diretto il giocatore Francesco Caldana; il quale salterà il derby a Belfiore d’Adige, quello contro il Bardolino. Ma, per la matricola biancazzurra, che aveva anche capeggiato la classifica per alcune, illusorie domeniche, quella che sta per andare ai polverosi archivi è davvero da considerarsi positiva, anche per il fatto che la Belfiorese guidata da mister Flavio Carnovelli è una matricola.

In riva al Piganzo, al “Comunale” in località Fratte, l’A.C. Oppeano di mister Paolo Franzoni (allenatore degli Juniores subentrato a “Puma” Marco Montagnoli) e del vice-presidente, l’immobiliarista Luca Agnolin viene sgambettato dal Loreo, sembre ultimo alla pari del Teolo, ed entrambe già retrocesse. Il brutto è che il colpaccio i polesani l’hanno messo a segno al 93° minuto, in seguito alla conclusione di S.Neodo. Bianco-rossi oppeanesi, che non possono più contare sulla giovane “bandiera” di Castelbaldo di Rovigo, Emanuele Bazzani, infortunatosi. Domenica a Marostica solo una vittoria potrebbe dare la possibilità di disputare i play-out ai biancorossi.

Al “San Pio X”, la matricola vicentina Cartigliano supera per 2 a 1 il Leodari, grazie alla rete del solito Edoardo Di Gennaro, classe 1993, e al raddoppio di Leonardo Mattioli, classe 1993. Per i vicentini di mister Filippo Lelj ha issato il gol della consolazione Zanin. cartigliano già sicuro del settimo posto a quota 45 punti, a +5 dalla Belfiorese.
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1996