Archivio: PRIMA PAGINA

23/4/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE – 29^ GIORNATA

IL SAN MARTINO-SPEME SALTA I PLAY OFF PER I 10 PUNTI SULLA 3^ CLASSIFICATA E FESTEGGIA LA QUASI SICURA PROMOZIONE IN ECCELLENZA. NOGARA CON UN PIEDE IN PRIMA, “DOSSO” E “MONTE” VINCONO E SPERANO, A.C. GARDA 3°, BEN 4 I PAREGGI.
 
Un campionato, il girone “A” di Promozione, che poco ha da dire riguardo l’elezione della sua “regina”, celebrazione già tenuta con qualche settimana di anticipo rispetto alla fine del Torneo e che ha visto nell’U.S. Provese del presidente Gianfranco Chilese la sua strameritata first lady. I rosso e neri de La Prova di San Bonifacio ieri hanno pareggiato in casa propria per 2 a 2 contro un A.C. Lugagnano che raggiunge la sua matematica salvezza nel campionato di Promozione, visti i suoi 34 punti passati a 35 dopo il triplice fischio finale. Duplice il vantaggio della Provese del coach Giovanni “Circo” Orfei, con Matteo Soave e con il vicentino ed ex Caldiero Stefano Fracasso al bersaglio; Maicol Bonetti e il 1995 Amos Scandola provvedevano al pareggio dei conti dei gialloblu di mister Luca Mancini.

U.S. Provese a quota 70, San Martino-Speme a 61: per l’undici guidato splendidamente da mister Pippo Damini – per lui ancora un lusinghiero secondo posto in Promozione dopo quello ottenuto lo scorso anno alla guida del “Luga”- 1 a 1 a Povegliano, dove le “libellule” di mister Marco Pedron erano passate in vantaggio grazie ad Alberto Taioli. Poi, in dirittura finale, ecco l’1 a 1 a firma di un giocatore – Giacomo Boseggia – che quest’anno ha vissuto il suo anno di consacrazione.

Sanmartinesi, i quali esultano per aver scavalcato il primo e secondo turno della lotteria dei play off grazie al fatto di aver creato dietro di loro il vuoto di 10 punti. Infatti, terzo a 51 punti troviamo l’A.C. Garda. La Società del presidente Bruno Pellizzoni potrà quindi essere ammessa al Campionato di Eccellenza della stagione sportiva 2017-18, nel limite dei posti che si renderanno disponibili e nel rispetto delle eventuali norme stabilite dal C.D. del C.R. Veneto per l’ammissione di “Società non aventi diritto”.

Il Garda dello skipper Matteo Fattori, ieri cinico col suo 2 a 0 rifilato all'Union Grezzana di mister “Mancho” Andrea Matteoni rimane quindi escluso dai giochi promozione. In rete, per i rosso e blu gardesani, il giocatore più forte, più decisivo in campo e sotto porta: Cesar Pereira, classe 1985, capocannoniere con 18 reti. Con la sconfitta subita ieri in casa sua, l’A.C. Sona del presidente Paolone Pradella resta al quarto posto a quota 48. Ieri pomeriggio a passare, per 1 a 2, è la più assetata Olimpica Dossobuono di mister Alessandro Montorio. In vantaggio, però, i rosso e blu della famiglia Valbusa grazie alla conclusione di un suo rampollo, Thomas, il quale allena anche una compagine giovanile. Maichol “Roonie” Aliperti e l’ex audacino Grigore Plamadeala (sembra il nome di una spiaggia rinomata dei Tropici) compiono la rimonta dei giallo e rossi del presidente e geometra Rinaldo Campostrini.

Chiassoso 3 a 3 a Valgatara, tra il Barça di mister Armando (e il figlio e secondo Francesco) Corazzoli, con la testa orientata a mercoledì sera 26 aprile quando per la finalissima del Trofeo Veneto di Promozione saranno di scena contro il Vittorio Veneto di Treviso, e l’Alba Borgo Roma, penultima ora a + 3, e, quindi, ai play out. Doppio vantaggio azulgranata, con Victor Braz e il navigato (1984) difensore Devis Giacopuzzi a segno, poi, è lo straordinario Alexander "Sascia" Pesic a riaccendere le speranze dei giallo-rossi borgo-romani di mister “Mou” Mario Colantoni. Il pari del momentaneo 2 a 2 è a firma del 1997 Andrea Vesentini, su rigore, poi, è Carlo Aldrighetti a riportare in vantaggio il “Barça”, ma, non ha fatto i conti con “Lollo” Lorenzo Baraldi. Il quale spacca, disintegra il cronometro, al primo giro di lancetta dei minuti di recupero.
 
La Polisportiva Virtus Borgo Venezia scende le rive del Basso Tartaro per spegnere sull’esile candelina della speranza di salvezza difesa dai “cosacchi bianco-rossi” nogaresi di mister Walter Bampa. Peccato, peccato davvero per la stagione poco favorevole vissuta dall’undici guidato dal più alto scranno dall’imprenditore edile Andrea Martini: l’anno di matricola non ha confermato la stagione in Promozione di un club che nel basso veronese esercita comunque un ruolo nevralgico con il suo florido e numeroso vivaio. Per i poli-virtussini, ora a circa metà classifica, affidati a mister Matteo Biroli hanno esultato Francesco Rossetto e il 1996 Mattia Fracasso.

Terz’ultima, a quota 28 punti, troviamo la Montebaldina, la quale ieri ha superato a Caprino per 3 a 2 la non facile avversaria, l’Aurora Cavalponica di mister Loris Boni. Un ruolo decisamente importante per i montebaldini l’ha giocato il marocchino, ex A.C. Garda, Mohammed Rkaiba, autore ieri di una favolosa doppietta. Prima di lui ha scosso la rete il compagno di squadra Begalli. Per i cavalponici hanno infranto la rete difesa dal caprinese Omar Montalenti…a contatto Marvin “Hagler” Favalli e “Maurizio” Ganz.

Tra le due confinanti A.C. Cadidavid e San Giovanni Lupatoto la gara termina sul 2 a 2. Confinanti le due avversarie anche come posizione occupata in classifica; la quale vede i bianco e blu cadidavidesi guidati da Fabrizio Sona sovrastare i propri “cugini” biancorossi di mister Lucio Manganotti di  4 punti (il rapporto è di 46 a 42 per i bianco e blu del diesse Adelino Biondani). Doppietta, per i lupatotini, firmata da Nicola Avesani (e sono 16), anche su rigore, poi, Federico Taioli e su rigore Alberto Menini per i cadidavidesi, ora quinti a -2 dall’A.C. Sona M.Mazza.
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2012