Archivio: PRIMA PAGINA

30/4/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. D) – 30^ GIORNATA

IL SAN VITO CEREA CON UN BALZO VERAMENTE…ATLETICO SALTA PER LA PRIMA VOLTA NELLA SUA STORIA IN 1^ CATEGORIA. AI PLAY OFF DEL 2° TURNO IL POZZO, DOPO CHE ASPARETTO CEREASUD E ACD BOVOLONE SI SARANNO CONFRONTATE. AI PLAY OUT RICORRONO VILLABARTOLOMEA-CASTELDAZZANO E RALDON-REAL VIGASIO. AMARA RETROCESSIONE PER IL GSP VIGO 1944.

Il girone “D” di Seconda categoria passerà alla storia ed agli annali del nostro calcio per il campionato più all’insegna del ciapa-no che mai si sia registrato. Nessuno, ripetiamo nessuno, voleva indossare la maglia rosa del girone della Bassa. Allora, me la infilo io, avrà pensato l’Atletico San Vito Cerea di un mister, Gianluca Corso, al suo 7° campionato consecutivo sulla panca dei rionali ceretani, il quale aveva denunciato sempre un’infermeria – la sua – affollata di punte e aveva dichiarato in “tempi non sospetti” che il girone si era abbassato a livello di qualità (e come non dargli ragione?).

I bianco-granata di uno dei 4 quartieri ceretani, quello di San Vito, insomma, vede il lido della Prima: per il presidente Doriano Franzoni, del diesse Luca Muraro, del Consigliere Gelmino Cazzola, del vice-presidente Paolo Tavella bisognerà subito pensare a risolvere il problema di avere una compagine giovanile alle spalle, pena una pepata sanzione da parte della Figc. Ma, certe cose passano, ovviamente, in secondo piano: lasciateci, intanto, godere la festa, mugugnano i dirigenti bianco-granata, quelli che alcune estati fa erano pronti a rilevare da Doriano Fazion il pacchetto intero del “Piccolo Toro”.

Gli “taletici” ceretani del massaggiatore, il giovane quanto già esperto Andrea Gaiardoni, vincono per 1 a 3 a Maccacari, in casa di una delle “rivelazioni” di quest’annata 2016-17 (l’altra è stata sicuramente il Sustinenza). Esultano, per la sfera terminata in fondo al sacco, alle spalle del pur bravo Enrico Masini, l’inossidabile Andrea Marconcini, classe 1988, il classe 1990 Enrico Perazzoli e il neo entrato (al posto di Andrea Lonardi), l’ex sustinentese Francesco Cucchetto. Per i maccacaresi, invece, ha firmato il gol-consolazione il buon Isacco Capellaro, gioia quest’anno dei Boys Gazzo di mister Matteo Gobbetti.

Atletico San Vito Cerea, dunque, in Prima categoria per la prima volta nella sua breve ma intensa storia, con 59 punti, 2° classificato ed avviato a giocarsi il 2° turno dei play off l’A.C. Pozzo del presidente, mister il geometra Roberto Praga, arrivato a quota 57. E, ieri i pozzani vincitori per 0 a 1 (mattatore è “El Birba”, al secolo Matteo D’Antonio, il “compagno di merenda” e di reparto  di Gigi Onofrio da una vita) in casa del bisognoso di punti Casteldazzano, finito penultimo a 29 e prossimo a disputare i play out, quelli che andranno in scena a a Villabartolomea.

Al 3° posto entrambi appaiati a 52 l’ACD Bovolone, che aveva fatto lungamente sognare in Coppa Veneto (eliminato soltanto dai più attrezzati sia fisicamente che tecnicamente avversari del Bibione; eliminati a loro volta nella finalissima vinta ai calci di rigore dal Montebello di mister Fiorenzo Bognin), e che cercherà di salvare la stagione andando a giocarsi il 1° turno dei play off ad Asparetto di Cerea. I “mobilieri” del presidente e “re della sedia” Claudio Bissoli vincono ad Oppeano per 3 a 1 contro la bella matricola dell’A.S.D. Coriano di mister Manuel Cuccu. Il quale conclude il ciclo fantastico dei tre anni alla guida dei “Granata mulinari”, ieri subito in rete grazie a Mustafa Khouziba. Per i rosso e blu bovolonesi hanno segnato il portiere Johnny “Taibi” Greguoldo, l’albanese Rozan Halilaga e Denis Zanini.

Sconfitto, ma comunque ammesso al 1° turno dei play off l’Asparetto Cerea, la squadra che più ha investito in cavalli di razza la scorsa estate: a Sustinenza, i bianco-granata del presidente, il carrozziere Pininfarina Gianni Vicentini, juventino doc, e di mister, il bancario Pippo Crivellente, scivolano per 3 a 1, realizzando il punto della magra soddisfazione con il neo-entrato al posto di Matteo Rosa, il coetaneo (classe 1990) Marco Bissoli. Per i “celeste della Bassa” di mister Andrea Bertelli, da tanti club corteggiato da tempo, ma circondato da amorevoli attenzioni e succulenti promesse di rafforzamento della “rosa” dal diesse nonché barman del “Jolly Bar”, il balcone della intrigante bar woman la “Gradisca” Paola, Paolo Leardini e dallo stesso presidente Marco Zuliani, hanno esultato Andrea Tarocco “Tarocheto”, Nicola Lanza e l’ex nogarese Steven Mirandola, classe 1994.

Quinto posto a 47 punti – col miglioramento di ben 6 tacche rispetto allo scorso campionato vissuto da matricola – per il Sustinenza degli ottimi mastri risottari di molti giovedì sera infrasettimanali. Sesto a 44 punti e degno di un buon campionato l’Albaredo affidato nell’ultimo spicchio del Torneo a Simone Scavazza (subentrato a Gianmatteo Malagnini): 2 a 2 tra i bianco e blu del Basso Adige e il disperato GSP Vigo 1944 di un lo stesso grande mister Luciano Malaman, in rete con Thomas “Geco” Pasti e con “Ibra” Andrea Salvadori. Per gli albaretani hanno fatto gol due tra i migliori giocatori di quella “sponda”: il classe 1996 ed ex Provese Matteo Bastianello e prima di lui Nicolò Lapolla, classe 1991. Retrocessione in Terza categoria per i vighesi del presidente e salottiere originario di Saletto di Padova Raimondo De Angeli. Tutt’altro destino di quello sognato, cullato durante la cena di presentazione della squadra lo scorso 22 luglio in un ristorante del Ceretano.

Il Gips Salizzole, sotto la cura di quel vecchio volpone di mister Giuliano Spadini riesce ad afferrare per la punta dei capelli la salvezza. E, ci riesce superando per 3 a 2 in casa sua un già salvo Concamarise di mister Giordano Rossi. Per i “tartari rosso e neri” del presidente, il 27enne di Aselogna di Cerea Paolo Zago segano Michele Bonfante e “Happy Days” Alberto Ziviani, arrivato al suo 15° bersaglio personale in campionato. Per i salizzolesi, invece, doppia del nigeriano Odaro, e rete di Edoardo Rossignoli, classe 1991.

Perde in casa sua anche il Real Vigasio e per lui si profilano i play out, da giocarsi a Raldon, dopo aver ceduto col pingue vantaggio di 3 gol a zero contro chi poi li ha rimontati ed alla fine battuti (quelli della “Villa”). 3 a 4 e passa il Villabartolomea, anche lui atteso al 1° turno dei play out, dove ospiterà il Casteldazzano di mister Riccardo Adami. Enrico Carrillo, Pietro Zuccotto da Erbé (classe 1994), e il neo-entrato (al posto di Carrillo) il classe 1993 Alberto Mazzacani siglano per i biancazzurri; per i bianco-neri della famiglia Zerbato ed allenati dall’ex punta del L.R. Vicenza, Giovanni Ziviani, hanno invece esultato per la gioia del gol il classe 1992 Edoardo Maghin, il 1993 Giorgio Beozzo, il suo coetaneo Giacomo Buosi e il 1991 Mattia Romani.

Il Cà degli Oppi si congeda con una vittoria squillante, anche fin troppo, cioè di 5 a 0, contro l’A.C. Raldon di mister Silvio Donadello, condannato a disputare, come “extrema ratio”, il primo turno dei play out dirimpetto al Real Vigasio. Per i ragazzi di mister Daniele Dalla Vecchia, del presidente Maurizio Marchiotto e del Segretario e cassiere Marzio Olivieri, artigiano del mobile di Isola Rizza, doppietta di Marco Meneghello, ex Bonavigo, assoli di Simone Campolongo (1990), del 1987 Matteo Carazzi e del 1981 Omar Andreoli.
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2009
- Adv -
- Adv -
- Adv -