Archivio: PRIMA PAGINA

11/3/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) – 24^ GIORNATA

POKER” DI GARE TRA SOSPESE E RINVIATE. NON GIOCANO LE “BIG”, ROMBANO IL MALCESINE (3-1 AL VALDADIGE), IL S.ANNA (4-0 AL LAZISE). IL DAVIDE COLA’ FRENA (1-1) IL GOLIA PASTRENGO, IL CORBIOLO SFUGGE AI “LEONI DELLA S.MARCO” (2-3).

Anche qui, Giove Pluvio la fa da padrone, non dico in maniera assoluta, ma quasi: ben 4 gli incontri sospesi (al “Gugliemi”, il big match, quello tra Real Lugagnano e PescantinaSettimo è stato stoppato sul risultato di 0 a 0), mentre Lessinia-Juventina Valpantena, Gargagnago-Pol. Adolfo Consolini e BureCorrubbio-Cavaion non si sono nemmeno iniziate!
 
Se ne deduce facilmente che al comando del girone “A” di Seconda a 52 nodi veleggia sempre la pinta pescantinese del coach lupatotino Gianni Canovo e guidata dal più alto scranno dal tenente di vascello, Lucio Alfuso; la quale non ha mai imbarcato, fino ad ora, un secchio d’acqua marina, piena di fastidiose alghe, ed acida nella sua plancia.
 
Seconda, incollata alla boa numero 46 resta il Real Lugagnano, anche lui fermato nel suo “Guglielmi” dal maltempo nel big match che li avrebbe dovuti vedere al gran confronto proprio con la capo

    a bianco-rosso-blu. Terzo riconfermato, ora a 44 freccette, è il Pastrengo di mister Paolo Brentegani, ieri non più in la dell’1 a 1 in quel di Colà. I “cedrini” giallo-verdi dello skipper Alessandro “Magno” Puttini hanno raggiunto al 93mo il “fuggiasco” ospite, in cerca di vittoria grazie a bomber Andrea Pignato. E, il laccio da cowboy l’ha saputo far roteare bene il neo-entrato, al posto del difensore 1994 Michele Gatto, Costa “crociere”.

    Sul sintetico di Cassone, si allunga la striscia positiva del vascello Malcesine, condotto da “mastro” non Don Gesualdo, ma Marco Martini da Riva del Garda: 3 a 1 degli alto-gardesani della famiglia Marchiotto a spese dell’F.C. Valdadige della Dinasty Cipriani. Si salva… e scusateci il gioco di parole!, il solo Salvetti (difensore della classe 1983), ovviamente in fatto di reti gettate nell’acqua dolce dell’alto lago di Garda, per i valdadigesi: infatti, la sua rete è come un pesce che si soffoca perché impigliato dalle reti gettate dagli avanti prodi mozzi malcesinesi, in testa, il 1989 Nicola Lutterotti, imitato dal 1991 Federico Battistoni e dal pugliese Andrea Luciano, classe anche lui 1991.
     
    Anche il Sant’Anna d’Alfaedo, eh, non si risparmia in fatto di reti: i “falchi della Lessinia” calano il “poker” secco a un Lazise di mister Alfredo Brunazzi, il quale, senza bomber Lorenzo Pinamonte – parlando di acqua dolce – sembra proprio un pesce fuor d’acqua, un pesce fuori dal barile (terminologia cara ai nostri vecchi politici). Per i baschi bianco-granata di mister Francesco Corazzoli vanno al bersaglio il 1994 Umberto Segala (due volte), l’ex Valpolicella, il 1997 Nicolò “Guglielmo” Marconi e l’ex arbizzanese nonché 1994 Gianmaria Brunelli.
     
    All’”Umberto Busani”, in borgo Milano, i “leoni rosso-verdi” della San Marco di mister Emanuele Battocchio prima passano in doppio vantaggio, per poi farsi mordere i fianchi dai spavaldi e coraggiosi “scoiattolini” bianco-granata del Corbiolo di mister Paolo Mainente. Il 1994 Riccardo “Case” Mazzi viene imitato dal leoncino ex sanzenate Matteo Feroni, classe 1996. Poi, è solo, in fatto di reti, Corbiolo, con gli acuti pavarottiani emessi dal 1992 Luca Zanini e due volte dal 1993 Carlo “Magno” Longo.

    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2019