Archivio: PRIMA PAGINA

18/3/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE – 25^ GIORNATA

CAVALPONICI DI NUOVO BONFIGLI-DIPENDENTI ED ORA AL 2° POSTO. AL VERTICE SEMPRE GARDA-LAND, S.G.LUPATOTO “TENNISTICO” A B.GO ROMA, CINQUINA VIRTUSSINA AL “POVE”, OPPEANO CHE MANDA IN TILT UN CASTELBALDO IMBATTUTTO DA 11 FESTE. REDIVIVO IL “LUGA”, DISPERATA MONTEBALDINA, ALBARONCO STRONCATO A SAREGO.

Sempre più un bel cruciverba, un indecifrabile grattacapo il vertice del girone “A” di Promozione veneto. La leadership appartiene all’A.C. Garda del trainer mantovano Paolo Corghi: 41 i punti, con l’asterico della gara da recuperare, quella contro l’A.C. Oppeano. I “rosso e blu del Benaco” ci provano con il loro capocannoniere – ed anche quello di questo campionato – Jeronimo Soares (17° sigillo stagionale), a passare e ci riescono a Longare; ma, a salvare, al “Comunale” dei Martinelli di Longare il club consorziato col Castegnero dall’onta della sconfitta l’undici di mister Alessandro Sgrigna è il difensore 1996 Pierre Zanandrea.
 
Spunta ora al 2° posto, a quota 40 punti, l’Aurora Cavalponica di mister Flavio Carnovelli, ieri in gran spolvero al “Meneghello” di via Lussemburgo, casa dell’U.S. Croz Zai di mister Doriano “Ghepardo” Pigatto: 0 a 2 per i cavalponici del presidente Stefano Bressan, e si celebra il “Luca Bonfigli Day”, per via del ritorno al gol e alla doppietta dell’ex “puntero” della Belfiorese e dell’Alba Borgo Roma, classe 1991, alla sua 14^ rete in campionato.
 
Il San Giovanni Lupatoto gioca a tennis…, 1 a 7, all’”Esterino Avanzi” in borgo Roma, “tana” più volte ieri violata dai lupi, davvero ieri molto famelici, bianco-rossi sguinzagliati da mister Andrea Sirio Manganotti. Nel pingue carnet realizzativo lupatotino brillano le doppiette di Santhos Corazza e quella di Gheorghe, mentre bomber Nicola Avesani si accontenta del gol solitario (16° sigillo stagionale), alla pari di Manganotti e di Ottocento. Per i giallo-rossi borgo-romani guidati dal vicentino trainer Gianfranco Brendolan realizza il gol-bandiera il 1998 Alessio Baietta.
 
L’abbondante pioggia caduta ieri in un po’ tutta la nostra provincia non ha impedito di vedere una bella partita caratterizzata da tanti gol ad Oppeano, tra i “bianco-rossi del Piganzo” di mister Stefano Ghirardello e i pari colori delle “tigri basso-padovane” del CastelbaldoMasi. Il quale ieri accusa la prima battuta d’arresto – 3 a 1 per gli oppeanesi, orfani del recupero col Garda – dopo 11 gare di imbattibilità. L’ex di turno – uno dei 4 (gli altri sono Luca Migliorini, Pietro Princi e Mattia Facci per gli ospiti, Alex Spirandelli per i padroni di casa del vice-presidente Luca Agnolìn, soddisfatto anche del buon incasso) – Alex Montagnani (1991) subisce la doppia guardia da parte del capitano – originario di Badia Polesine – Alessandro Antonioli e quella dell’ex ceretano Andrea Cortese.
 
Pochi palloni arrivano, al rientrato da una giornata di squalifica, bomber Daniele Petrosino, mentre il terzino sinistro Marco Nizzetto crea respiro sulla propria fascia. Quattro reti, quasi tutte frutto di calci piazzati, il primo calciato con precisione dal valore aggiunto dell’A.C. Oppeano, ovvero dall’ex vigasiano Tommaso Cappelletti (1992). Il quale sorprende nuovamente l’estremo rodigino Alessandro Cattozzo, classe 1997, spedendo direttamente all’incrocio un missile terra-aria da buoni 25 metri. La troppa esultanza costa al doppiettiere il secondo giallo, e quindi trasferta in tribuna quella di domenica prossima a Povegliano. L’A.C. Oppeano intuisce che è la sua giornata favorevole ed affonda il bisturi con Riccardo Cacciatori, classe 1996, ma poi è quasi tutto block notes scarabocchiato dalle “tigri” basso-patavine del “patron”, il menarese Michele Ottoboni e di mister, il ferrarese Giuseppe Conti, alla ricerca affannosa di un impossibile rimonta.
 
Ed ecco allora il gol di testa da parte dello juventino Federico Trovò (1991), sugli sviluppi di un corner pennellato a dovere da quel Mattia Facci (1987), il quale vede poco dopo la sua conclusione stamparsi sul palo, per poi uscire, quindi, il gol – rivisto in tivù, regolare, da parte di Emanuele Friggi – e il solito finale concitato, con giocatori alla fine inzaccherati come polpette da far friggere sulla piastra. O da mettere in lavatrice.
 
Continua la stella filante polivirtussina a brillare nel cielo della bassa classifica: ieri in borgo Venezia ustionante, squillante assordante 5 a 1 dei rosso e blu di mister Alberto Baù rifilato sulla guancia dell’altalenante Povegliano del mister, l’indio Marco Pedron. In rete solo con il forte giocatore ex Quaderni Marco…io vi faccio sempre…Secchi. Per i rionali, esultano, a turno, senza doppiettisti, il 1991 Michele Tebaldi, il 1997 Andrea Leoni, il 1995 Simone Dassiè, il molto tecnico “trottolino” Paolo Forgia, classe ’99 ed ex Hellas Verona, ed infine l’ex sanzenate, classe 1994, Armin Mezildzic.
 
Magic moment dell’A.C. Lugagnano di mister e vice-presidente giallo e blu Massimo Gasparato: 3 a 0 ai danni di quell’A.C. Cadidavid di mister Fabrizio Sona, che in casa propria fa sempre incetta di punti. Per “El Luga”, sempre, d’accordo, “fanalino di coda”, a 21 punti, ma a -4 dalla Montebaldina, vanno in rete il 1997 Andrea Oliboni, il 1994 Davide Zanoni e Vincenzo Fusari, al 93° minuto, costui!
 
Allo stadio “Martiri di Villa Marzana” di Badia Polesine, il Badia di mister Ricci piega alle sue volontà – 2 a 0 – anche la Montebaldina, sempre più franante in questo girone di ritorno drammatico per i caprinesi di mister Gabriele Gambini. Ancora una volta stupisce la doppia badiense firmata dall’albanese Erjon Derwishi, classe 1983 giunto alla sua 14^ rete in campionato.

Picche a Sarego, infine, per l’Albaronco di mister Emanuele Pennacchioni e del suo secondo Luca Moretto, ex bomber per tanti club e tanti campionati di grande levatura. Le “tigri giallo-nere” della Seraticense domate ad arte da mister Luca Cortellazzi graffiano, a pochi spiccioli dal suono del primo round, con l’avanti 1998 Jacopo Castegnero.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1996
- Adv -
- Adv -
- Adv -