Archivio: PRIMA PAGINA

18/3/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. B) – 25^ GIORNATA

FORTISSIMAMENTE AUDACE, CADE IL LAVAGNO A SAN MASSIMO, SI RIALZA IL PALAZZOLO DAVANTI AL CADORE, SAN PERETTO SEMI-STOPPATO A NEGRAR DALLA PRIMAVERA, L’OLIMPIA FA PONTE… IN CASA DELL’ARES CALCIO VR, VALEGGIO…FORTUNATO NEL 2-2 IN RIVA AL MINCIO CONTRO IL BORGO.

Giornata piovosa, la 25ma, ma favorevole alla già da lungo tempo e corso capo

    a Audace calcio di mister doppia voce alla "Trap" Matteo Meneghetti e Menefrego…di chi ho alle mie spalle…: ora i rosso-neri portano a + 8 il loro distacco dalla prima che insegue, e cioè quel San Peretto di mister Franco Tommasi, non capace di andare oltre lo 0 a 0 casalingo, quello maturato contro la Primavera dell’omologo, l’avvocato Simone Ghirotto, e da considerarsi, dunque, il classico bicchiere mezzo vuoto di buon Amarone, visto che si è giocato in Valpolicella.
     
    All’ombra del “Tiberghien”, “poker” caraibico dei rossoneri sanmichelati ai danni della Pol. Rosegaferro di mister Simone Mirandola e del diesse, il quadernese Alberto Ruzzenente. Le reti? Doppia di Marco Capobianco, ex crozzino della classe 1986, poi, acuti emessi a squarcia gol con quel “Sìììì” da parte dell’ex Intrepida Tommaso Burato, classe 1996, e da Francesco …”Avanti… Savoia!
     
    Viene sgambettato a San Massimo dal prodigioso Real del paraguagio trainer Gregory Donadel per 3 a 2 la Scaligera Sport Club Lavagno di mister Ivan Benìn, versione ieri…Malìn… Per i nero-verdi rionali, doppia del difensore, l’ex virtussino 1997 Daniele Bresciani, imitato una sola volta ancora una volta da Omar “Sivori” Jmili, ex Pgs Concordia B.M., classe 1996. Per i giallo-oro lavagnesi, invece, su rigore il difensore 1985 Alberto Andreoli e l’ex Caldiero, l’ex Borgo Soave Calcio, il 1983 “Caccamo” Savino Caccavo.
     
    Nello scontro fratricida tra “Cenerentole” del girone “B” di 2^ categoria, chiassoso 4 a 2 dello United Sona PSG, il quale s’abbatte rovinosamente sul malcapitato U.S. Cadore di mister Ruggero Napoleone… Bonaparte. Alla 14ma Waterloo subita dall’inizio della stagione. Eppure in odore di colpaccio i nero-verdi cadorini con il duplice vantaggio esterno realizzato dal 1983 Giovambattista Loschiavo e da Pedro Baracchi, classe 1987, ex Eccellenza con il Lonigo e il Lugagnano. Ma, poi, sotto della valanga bianco-viola-rosso e blu guidata dall’ex Lugagnano, il 1997 Andrea Busatta, dal centrocampista 1993 Enrico Volpato e dagli avanti Gabriele… “D’Annunzio” Mori (1999) e Mattia Binotto (1991).
     
    Rinviata Nuova Cometa-SommaCustoza, mentre a Castel d’Azzano, l’Alpo Club ’98 aziona la freccia del sorpasso e del colpaccio di 1 a 2, con i biancazzurri del castello di mister Riccardo Adami in vantaggio grazie all’ex raldonate, l’ex lupatotino, l’ex pozzano, il classe 1987, Denis Longo e poi al suicidio per via dell’autorete realizzata sfortunatamente dal navigato ex cadidavidese, Dario Maccachero, classe 1983, ex anche del Valpolicella. Ma, il colpo da un miliardo di dollari, l’asso di briscola, il jolly l’ha in mano il difensore 1992 Daniele Dalla Vecchia che regala i 3 punti ai rossoneri di mister Stefano Ferro. 
     
    In riva al Mincio, all’altezza di Valeggio, 2 a 2 tra la Gabetti del mister, il dr Giandonato Di Marzo e il più quotato in classifica Borgoprimomaggio di mister Tiziano “Titti” Salvagno. Denis Torni, classe 1988, e il 1982, “El Galactico” Mirko Galasso (1982) avevano portato due volte in vantaggio i “draghi rossi” borgatari del diggì Enrico Sgreva. Damiano “l'immarcescibile” Meda e “io sono…davvero un ragazzo…Fortunato” ovviamente quando la caccio dentro…la sfera…, alla giovanotti, alla Lorenzo Cherubini, per intenderci, prima maniera. Stiamo parlando del 1997, l’ex poveglianese Alessandro che ha segnato il 2 a 2 al 91° minuto.
     
    Infine, in borgo Santa Croce, 1 a 2 dei “geniali pontieri” catechizzati dall’isolano Giordano Rossi agli aretini di mister Michele Barone. All’illusorio pareggio momentaneo con il 1997 ex A.C. Sambonifacese Roberto Zanforlìn, ahilui!, stritolato, a mo’ di morsa di tenaglia, dalla doppietta realizzata dal broker Pietro “Sheva” Bellè, autore di una doppia significativa, pesante per “i giallo e blu del Ponte” e per lui che diventa il capocannoniere assoluto del girone con 15 reti.

    Di un certo qual interesse il prossimo incontro, quello tra Alpo Club ’98 e San Peretto, ovvero, la 4^ forza del girone del presidente Carlo Parolin opposta alla 2^ meglio classificata, i rossoneri del diggì Nicola Righetti.
     
    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2003