Archivio: PRIMA PAGINA

22/4/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) – 29^ GIORNATA

MALCESINE IRREFRENABILE: E’ 4° A -4 DAL REAL “LUGA” E A -7 DALLA VICE-REGINA PASTRENGO! VALDADIGE, IN CODA, A +8 DAL PENULTIMO, IL LESSINIA, E IN COMPAGNIA DEGLI ANCORA SPREMUTI “CEDRINI”. SALTI DI GIOIA DEGLI “SCOIATTOLINI” CORBIOLESI, SALVI  ALLA PARI DELLA POL. CONSOLINI.

Irrefrenabile, incoercibile, insopprimibile (come il suo lungo slancio), eroico, mitico, stoico, storico Malcesine! Ma, perché – si domanderanno i nostri tanti lettori e lettrici- tutta questa elegia per gli alto-gardesani? Fare “fubal” nel Garda e lungo le sue dorate ed adorate sponde è sempre un quiz, un problema: allora, si capisce quanto sia splendida la parabola che questo club – il più a Nord di tutte le nostre veronesi ! – si sta ritagliando, superando avversari ben più titolati, affermati e che magari hanno investito di più di qualche misero becco di quattrino.
 
I bianco-granata della famiglia Marchiori hanno avuto la bella idea di affidare il timone della propria navicella, della propria Pinta, a un capitano giovane ma carico già di tanta esperienza: Marco Martini, ex promessa sicura del Parma dell’allora Gigio Buffon, e che è sceso umilmente dall’alta Riva del Garda, per mettere a disposizione la sua grande passione per il calcio a gente che aveva voglia, fame, di calcio e che voleva disincagliarsi, una volta per tutte, dalle secche e dagli scogli dell’anonimato. Ieri, sul sintetico della frazione malcesinese di Cassone, vittoria al fotofinish, al 90° minuto, degli alto-garedesani a scapito del non assolutamente male Burecorrubbio dello skipper lacisiense Raffaele “Il Mancino” Pachera. Match-winner Nicola Tormine, classe 1989.
 
Il già campione PescantinaSettimo del trainer lupatotino Gianni Canovo non ha indossato i famosi due pezzi (infradito ed occhialini; con costumi, of course!) ed aperto l’ombrellone verso il meridiano dei Tropici: vincendo, pardòn, stravincendo – 3 a 0 – contro il già rilassato – anche troppo – Lazise di mister Alfredo Brunazzo, si mantiene allenato per le finali provinciali e regionali, con in palio la conquista dei vari titoli. Doppia di bomber Stefano Bonato (classe 1992) e rete dell’avanti 1988 Giacomo Zumerle.
 
Pescantina ancora col primato dell’imbattibilità, da difendere strenuamente e statisticamente anche domenica prossima a Poiano, a quota 71, Pastrengo a 60, anche per il successo interno – 1 a 0 – riportato all’ombra dei suoi epici forti austroungarici a spese della Juventina Valpantena di mister Christian Campagnari. Mattatore per i “caramba con gli scarpini” fatti indossare dal pastrenghese mister Paolone Brentegani l’ex caldierese – ancora lui! – il classe ’96, Alberto "Dybala" Ronconi (cognome che trae la sua origine, sicuramente, da una contrada, località, la contrada Ronconi).
 
Terzo a quota 57 punti sempre il Real Lugagnano di mister Fabio Di Nicola e del presidente rosso-nero Sergio Coati: ieri facile 0 a 3 in borgo Milano, esattamente all”Umberto Busani”, vittima i “leoni rosso-verdi della San Marco” di mister Emanuele Battocchio. Con reti a firma di Davide Bertoletti, ex sanzenate, classe ’82, doppia per lui, ed assolo emesso dal 1994 Nicolò Gottardi.
 
All’”Adolfo Consolini” di Costermano, rotondo 4 a 0 della Pol. Consolini a spese del malcapitato Lessinia di mister Alessandro Murarolli, con doppia del 1990 Andrea Pachera – cognome molto diffuso nel territorio, nella zona Garda-Baldo – e spunto vincente da parte dell’ex arbizzanese Andrea Cinquetti (1985) e di “Samuel” Simone Bersani, l’”evergreen” (1980) ex pescantinese.
 
Nulla di fatto sotto il sole di Cavaion, tra i “biancazzurri del distretto Baldo-Garda” e l’F.C. Valdadige (0-0), invece bel 2 a 0 del Corbiolo di mister Paolo Mainente (non è vero: Paolo Qualcosa, quest’anno, non Mainente!) e il Sant’Anna d’Alfaedo del “falconiere” Francesco Corazzoli. Per gli “scoiattolini” bianco-granata, che saltellano dalla gioia per la matematica salvezza, graffiano il ’93 Alberto Longo e il compagno di reparto offensivo, il ’95 Manuel Masenelli.
 
Al "Comunle” di via Pigna, il Gargagnago di mister “Dartagnan” Gianni Pierno coglie la matematica permanenza in categoria, battendo, 2 a 1, il Colà Villa dei Cedri del collega Alessandro “Gardaland” Puttini. I giallo-verdi della frazione di Lazise - terz’ultimi a 28 appaiati con l’F.C. Valdadige - ci avevano provato ad innestare la freccia del sorpasso, quando “Marlon” Prando, il classe ’96 Andrea, ex CastelnuovoSandrà, l’aveva cacciata in buca. Poi, la rimonta dei “tricolori della Valpolicella”, a firma di Davide Cagliari (secondo estratto, classe ’94) e del “ranista” 1987 Mattia Galvani.

In coda retrocessione già matematica del San Marco e da ieri anche del Lessinia, mentre ai play-out si scontreranno direttamente al 2° turno il Colà Villa dei Cedri e l’F.C. Valdadige di mister Marzio Menegotti, c'è solo da stabilire chi sarà terz'ultima e chi quart'ultima.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2003
- Adv -
- Adv -
- Adv -