Archivio: PRIMA PAGINA

30/9/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. B) – 4^ GIORNATA

CERCASI CAPOLISTE: NESSUNA A PUNTEGGIO PIENO! CADONO I BORGATARI IN CASA, SI RIALZA IL CADORE, PRIMO SUCCESSO DELLA LEPANTO, CIN CIN ILLASIANO, ALPO CLUB ’98 , REAL S.MASSIMO E LAVAGNO “CORSARI”.

Il più alto scranno del girone “B” di Seconda categoria è vacante: per arrivare ad annunciare le prime della classe, bisogna fare scendere il ditino dai 12 punti mai artigliati da qualcuno ai 9 di un quartetto che ha incassato, fino ad ora, la prima sconfitta stagionale (no, invece, l’A.C. Illasi; il quale segue a ruota, a 8 freccette! Altra anomalia, altra curiosità di questo raggruppamento molto e molto equilibrato, in cui le vere candidate preferiscono giocare a nascondino).
 
E, così, a 9 punti troviamo Real San Massimo, Scaligera Lavagno, Borgoprimomaggio e U.S. Cadore (vera sorpresa, quest’ultima!). I cadorini di mister Adamo Urbano…vigila bene il traffico a Nord della classifica: intanto, ieri pomeriggio, all’”Avesani”, in Ponte Crencano, supera per 3 a 2 la Pol. Rosegaferro di mister Simone Mirandola e del diesse Alberto Ruzzenente (in rete tutte e due le volte con Fabio Sersa, anche su rigore). I nero-verdi del presidente, l’ing. foggiano Giacomo Caserta, trovano la breccia giusta grazie alle conclusioni del 1994 Riccardo Ciserani, del 1995 Nicolò Busola e di Alberto Urbano, figlio dello stesso mister neroverde.
 
Il Real san Massimo del tandem tecnico Gregory Donadel-Roberto Sorio si impone all’”Alberto Tosoni” di Caselle per 1 a 3. Eppure in vantaggio i giallo e blu casellini di mister Giuseppe Bozzini, grazie a Scandolara, ma poi ripresi ed annientati dai tre squilli di assordante tromba emessi in sequenza temporale da Davide “Rambo” Rampo, ex virtussino classe 1997 come pure Riccardo Fanigliulo e dall’ex PGS Concordia B.M., il 1996 Omar “Sivori” Jmili.
 
In riva al Mincio, 1 a 0 della Gabetti Valeggio di mister Luca Carletti (mattatore, alla mezz’ora del primo tempo, Andrea Magagnotto) a spese dell’Olimpia Ponte Crencano di mister Giordano Rossi, scuderia che deve ancora decollare. I rossoblu del presidente Gianni Pasotto salgono a 6 punti mentre i gialloblu ospiti sono a 2 punti ed ancora senza vittorie.
 
Cin cin gaudioso dell’A.C. Illasi del tregnaghese trainer Beppe Castagna: la vittima si chiama Intrepida, matricola di questa categoria, ancora a quota zero in classifica, consolata… solo dalla Pol. Rosegaferro. Per i biancazzurri illasiani, doppia di Matteo “Mediolalum” Caobelli (1987), ed assolo dell'ex Audace e Tregnago Luiz Henrique Herber. Corsi, fortissimamente…Corsi, invece, per i rosso-neri della Pol. Intrepida di mister Andrea Ferrari ancora a zero punti.
 
Nei “quattro moschettieri” che condividono l’affollato condominio del primato, c’è anche la Scaligera Lavagno del professor Dionisio Zamperini: ieri, gran bel colpo – 0 a 3 – al “Monterotondo”, “tana” dei “draghi rossi” del Borgoprimomaggio di mister Tiziano “Titti” Salvagno. Nel pallottoliere lavagnese luccicano le bilie di Alberto Vailati, di Juliano Ortega e di Davide Stevani.
 
Vince bene, 3 a 1, l’Alpo Lepanto del presidente Andrea Pozzerle in casa sua contro lo United Sona PSG di mister, il maresciallo della base missi

    ica di Villafranca, Michele Barone (al bersaglio con Montresor con l'aiuto dello sfortunato tocco dell’alpese Lerco). Tutte ortodosse, regolari le marcature dei giallo-verdi, …reduci dalla famosa battaglia vinta dai cristiani a Lepanto il 7 ottobre 1571: reti di Filippo “Mon” Perinon (1980), Luca Baroni ed Andrea Adami, centrocampista del 1995. Veronesi ha sbagliato un rigore per gli ospiti del presidente Renato Lago.
     
    L’artigliata, velenosissima, di “Ronnie” Maichol Aliperti, ex Olimpica Dossobuono, è un tiro da 3 punti di sapore cestistico, che frutta la vittoria in trasferta dell’Alpo Club ’98 del soddisfatto mister Stefano “Tiziano” Ferro. Il tutto è maturato all’”Ugo Fano” di Colognola ai Colli, dove si è consumata l’operazione-sorpasso dei rosso-neri dell’esclusivo Club di Alpo ai danni dei nerazzurri colligiani del presidente Tiziano Tregnaghi.
     
    SommaCustoza e la matricola Avesa HSM chiudono su un rocambolesco quanto chiassoso 3 a 3. Nicolò Bolla, poi, autogol di Massocco dei “tamburini sardi” di mister Massimiliano Signoretto; ancora il Somma a scuotere la rete con Clavijo Cristian Hernandez, classe 1994 ed ex Crazy F.C., quindi, un’altra gioiosa rullata del “tamburino” Mattia Cioffi, vera “bandiera” del Somma, classe 1989, quindi, per gli avesani l’ex borgataro, il classe 1987 Filippo Visioli, preceduto da…dai che… festeggiamo la mezza impresa con “vini” Allegrini.

    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2020