Archivio: PRIMA PAGINA

7/10/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. B) – 5^ GIORNATA

FRACCA-GOL NON BASTA AL BOVOLONE A CEREA (3-3). “PINTURICCHIO” ANDRIANI GELA IL POZZO, CASALEONISSIMI, DEVASTANTE MONTORIO, “TERRIBILI BOYS”, LO ZEVIO STOPPA L’AUDACE, IL SANGUINETTO INVECE IL TREGNAGO.

Nell’autunno venatorio, fuggono dal mirino delle doppiette dei più esperti e precisi cacciatori i “casa leoncini”: ancora una vittoria, a La Prova di San Bonifacio, in casa dell’ultima in graduatoria ancora a secco di punti, l’U.S. Provese di mister Andrea Turozzi, ancora primato (13 punti su 15 totali) , ancora 3 vittime sbranate dai “giallo e blu della Bassa” di mister Pippo Crivellente (in rete, non l’ex mancata “promessa” viola, bomber Luca Pasquali, questa volta), bensì il 1994 “Grattacielo” Alessandro Guerra, il pari età Andrea Isolani e prima di lui, il 1987 Marco Bonfante, ex sangui-venerabile.
 
Seconda, a 11 punti, la matricola Bovolone del presidente, il 28enne Paolo Zago: ieri pomeriggio, derby al “Pelaloca” di Cerea, e fuochi di artificio, caratterizzati da totali 6 raudi da stadio. Non basta lo strepitoso tris di “Fedez” Mattia Fraccaroli, classe ‘95 – figurati se si potesse allenare tutta la settimana quanti gol farebbe! Ci ha confidato sulla sua potenza realizzativa il diesse dei “mobilieri”, il milanista di Isola della Scala, “baffo” Claudio Patuzzi -; ebbene, non basta un fantastico “Fracca-gol” per domare un Atletico Città di Cerea di mister Luis Gustavo Passera. In rete, i ceretani per due volte con Marvin “Hagler” Favalli, una invece con Visentini. Casaleone e Bovolone devono ancora provare l’onta del primo dispiacere della stagione.
 
Al 3° gradino del podio, a quota 10, l’Audace calcio di trainer Luca Ponzini (in rete con l’”ever-green”, il “fenomenale” Francesco Gasparato, classe 1980), ieri spennata per 3 a 1 alla "Bonbonera” di Zevio dai bianco-neri di mister Christian Piasere. In rete, i padroni di casa zeviani con Antonio Corbo, con …io…ti… Fracasso…la saracinesca, e con il terzino all’Antonio Cabrini, il classe 1990 nonché juventino, Oscar Cherobin, ex anche del Montecchio Maggiore, tutto sinistro e grinta, alla pari del padre, il mitico editore Luciano, classe 15-12-1952.
 
Il Montorio continua a non stupirci, per il fatto che l’abbiamo visto quadrato, ben organizzato in campo a Isola Rizza, al debutto in 1^ categoria in campionato, rimontando il doppio svantaggio. Ebbene, i “castellani” di mister Marco Burato si impongono in maniera abbastanza sostanziosa, 1 a 4, all’”Emilio Steccanella” di Cazzano di Tramigna, e per mister Adriano Laperni, ultima chance dovrebbe essere la trasferta al “Renzo Tizian” di domenica prossima in casa della favorita alla vittoria finale, la Pro Sambo.

Indiscutibile la bravura e l’esperienza del coach soavese Laperni, ma la classifica scotta – un punto solo in queste prime 5 gare (peggio dei bianco-rossi cazzanesi ha fatto solo l’U.S. Provese!), e l’esplicito sovietico diktat del presidente Lucio “IV” Castagna, quello delle due domeniche concesse allo stesso trainer, avviso ai naviganti espresso ancora la settimana scorsa -. Ma, bomber Christian Turozzi, perché segna col contagocce? Ieri, è vero, “El Turo” l’ha cacciata in fondo al sacco, ma nel quadro di un 1 a 4 è come dare non forcate di biada, ma, il classico zuccherino a un puledro. Per i montoriesi vanno in rete con tanto di ancora fumante doppietta in braccio il dottore (in Scienze della Comunicazione) Alessandro Caputi…mi hai?, classe 1984, e Manuel Marcolini, classe 1993.
 
Montorio, 4° a 9 freccette, ed ancora imbattuto, alla apri dei già citati Casaleone e Bovolone. In riva al Piganzo, finalmente una vittoria – a dire il vero, la prima stagionale! – dell’A.C. Isola Rizza, squadra che, quanto a potenziale, non ha da temere alcun complesso di inferiorità con le altre papabili alla vittoria finale. Arriviamo giusto nella ripresa, per ammirare la colombella scodellata all’altezza circa della lunetta della porta difesa dall’immarcescibile Francesco Gobbetti, gol da antologia voluto dal mancato Empoli, il classe 1990, l’oppeanese Luca Andriani.
 
Gli isolarizzani del presidente Franco Brunelli, del dirigente nonché odontotecnico Roberto Visentini, padre di Michel Platini, e ieri al settimo cielo per il gol-partita del cognato, il genoano Rigoni inflitto al Parma, insomma, i biancazzurri di mister Stefano Sacchetto - impegnati in Coppa mercoledì 10 ottobre a Minerbe, contro il forte Montorio - ritrovano le belle geometrie, la fame di vittoria e i due assi magrebini a centrocampo: l’ex ceretano Othmane “Otty” El Qorichi, classe 1998, e suo cugino, il fuoriclasse El Alami Afyf (classe 1996), il quale però questa volta fallisce la più ghiotta delle occasioni, il rigore, sventatogli da “Buffon” Gobbetti. Bene, ciononostante, il Pozzo di mister Stefano Paese, ma a noi è apparso meno convinto di poter far sua la gara rispetto ai meritevoli vincitori (ammissione rilasciata a fine gara dal presidente, il geometra lupatotino Roberto Praga).
 
Seconda vittoria stagionale per i ripresosi bene Boys Buttapedra di mister Cristian Cordioli: 2 a 1 all’”Eliseo Zendrini”, vittima il San Giovanni Ilarione di mister Sereno Ferrari, cui ci sembra piace andare su e giù, a corrente alternata. E, in rete, i “leoni della Lessinia orientale” solamente con con l’ex Longare, Marco Chiarello, classe 1985: della serie, troppo poco! Per i buttapietresi, doppia dell’avanti 1997 Luca Zaffani.
 
In riva alla Samoa, il Sanguinetto Venera di mister Branchini…abbranca, 3 a 2, mortalmente l’A.C. Tregnago, e spunta i 3 punti che lo catapultano qualcosina sopra la metà della classifica. Ancora in rete per i sangui-venerabili i due Girardi, Francesco (doppia per costui!) ed Andrea, mentre per i giallo e blu alto-valligiani segnano il 1998 Jacopo Dal Forno e Torneri.
 
Infine, a Montecchia di Crosara, 1 a 1, nel big match, quello tra il ValdalponeRoncà di mister Beppe Allocca e la Pro Sambo dell’ex – uno dei tanti, ieri! – mister Totò Mantovani. In vantaggio grazie all’ex tregnaghese Andres Luis Gonzalez Bejar (1993), i pro-sambonifacesi si vedono sfumare il gran colpaccio allo scadere, più precisamente al 92mo, a firma di Debì Mbaye, ben servito da Vilnis Coku. Ma, i gol dell’ex zeviano Gianmarco Ravelli, dove sono? Ah, certo, in scocca per le prossime puntate!

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2000
- Adv -
- Adv -
- Adv -