Archivio: PRIMA PAGINA

9/12/18
IL PUNTO SUL GIRONE A DI 3^ CATEGORIA – 12^ GIORNATA

IL VERONA INTERNATIONAL RIPRENDE LA MARCIA, FRENANO PIEVE SAN FLORIANO E BORGO TRENTO, NON IL SAVAL MADDALENA ORA A -5 DALLA VETTA.

Si è giocata ieri la 12^ e penultima giornata di andata del girone A del campionato di Terza categoria che ha visto la capo

    a Verona International del presidente Alban Saraci tornare alla vittoria in campionato dopo la debacle di domenica scorsa in casa del Borgo Trento del diggì Alberto Tommasoni.

    Rossoneri in vetta con 26 punti dopo la vittoria sofferta in casa del San Marco per 3 a 2 in zona "Cesarini". I rossoneri ospiti di mister Gentjan Cani passano al 92° con un gol del mediano classe '95 Costantin Caprita. I rossoverdi di mister Emanuele Battocchio avevano trovato il vantaggio con Gobbi, poi la capo

      a nella ripresa ha messo la freccia con il figliol prodigo Gianluca Bortolato e Jatta. Il difensore Mattia Squarzoni riportava i locali sul 2 a 2 ma nel recupero Caprita beffa i locali.

      Con il Rivoli 1964 di mister Massimiliano Nigro a 22 punti e impegnato stasera in casa dal Cadore B (gara non valida ai fini della classifica), nessuna delle sue rivali ne approfitta a pieno. La Pieve San Floriano di mister Valentino Dall'Ora (seconda a 23 punti) pareggia 1 a 1 in casa dell'Ausonia di mister Mario Marai al pari con il giocatore-diesse Davide Bianchedi dopo l'illusorio vantaggio di Riccardo Gasparato, classe 1997 ex Sona al suo 11° sigillo stagionale.

      Pareggio deludente anche per il Borgo Trento di mister Andrea Lunardi incapace di domare l'Ares calcio di mister Marin Marrone. Dopo il vantaggio con Hervin Halili i gialloblu calano e i nero-fucsia pareggiano con il '92 Roberto Bulighin e si portano sul 2 a 1 con la punta classe 2000 Nicola Del Papa. Ad una decina di minuti dalla fine il solito Mouane su rigore riporta in parità i gialloblu per il 2 a 2 finale.

      Borgo Trento presidente Paolo Padovani ora quinto a 20 punti perchè superato di un punto dal sorprendenti giallorossi del Saval Maddalena del presidente Flavio Massaro ieri corsari 1 a 3 in casa del Lessinia. Per i giallorossi di mister Edgar Genovesi esplode una doppietta Modibo Traorè e chiude i conti Matteo Miuccio. I gialloblu della Lessinia di mister Antonio Donatiello vanno in gol solo con l'attaccante classe 1989, ex Ares calcio, Giovanni Todeschini.

      Lessinia del presidente Matteo Guglielmini a 16 punti raggiunto dal Quinto Valpantena di mister Alberto Ferrari che ha vinto 3 a 0 in casa contro il fanalino di coda Preonda Bardolino di mister Robert Banovic. Per i rossoblu del presidente Stefano Grazioli vanno in gol Francesco Delai, il difensore Filippo Ambrosi e il pari ruolo Francesco Bezzornia.

      All'8° posto a 14 punti sale l'Academy Pescantina di mister Luca Bortoletto che va a vincere 4 a 2 in casa del Crazy di mister Vittorio Arragoni grazie alle reti di Daniel Caputo, del '98 Steve Famoroti, dell'attaccante classe '99 Giacomo Sansotta e del difensore Enrico Veneri ('98). Per i "giullari" del presidente Giovanni Gambini mettono la firma due volte il solito Aiman Letaief con l'ex Mouane e poi dilagano con Mazzacani e Missaglia.

      Crazy fermo a 13 e raggiunto dall'Ausonia. A 9 punti ci sono il San Marco Borgo Milano del presidente Bruno Romani e l'Ares calcio del presidente Adriano Verzini, sempre fanalino di coda il Preonda Bardolino del presidente Enrico Bianchini con un solo punto in 12 partite già giocate perchè domenica sarà impegnato col Cadore fuori classifica.

      Bella partita al comunale di via Santini che ha visto nel posticipo sfidarsi il Cadore “B” ed il Rivoli. Partita giocata ad alta intensità che ha visto un gran primo tempo di entrambe le squadre. Equilibrio assoluto, da segnalare solo un tiro da parte del Rivoli con Rinaldi che salva con un grande intervento.

      Secondo tempo invece che vede uscire fuori la qualità del Rivoli, soprattutto in avanti con gli inserimenti del numero 13 e del numero 15, che con la loro qualità mettono in costante difficoltà la difesa di casa senza mai trovare il tiro pericoloso. Infatti è il Cadore che potrebbe andare avanti al 70esimo, errore grave del portiere ospite che su rinvio passa la palla a Volpini che a pochi metri dalla porta spara a lato.

      Cadore che dopo questa occasione crolla fisicamente e viene punita in 5 minuti, 80esimo e 85esimo, dai due attaccanti ospiti entrati nel secondo tempo, che con due grandi giocate portano la vittoria al Rivoli grazie alla doppietta di Zaky Akantor. Da sottolineare il buon arbitraggio del signor e la grande correttezza di entrambe le squadre. Cadore che all’ultima partita in casa del girone d’andata perde l’imbattibilità casalinga, anche se bisogna fare i complimenti al Rivoli, squadra forte che ha confermato le ambizioni di promozione.

      la redazione di www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2032