Archivio: PRIMA PAGINA

6/1/19
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. B) - 16^ GIORNATA

CEREA DA 10 VITTORIE CONSECUTIVE E LA LODE, MONTORIO AGGANCIATO AL 2° POSTO DALLA PRO SAMBO. TERRIBILI I BOYS A S.MICHELE (0-1), IL BOVOLONE PIEGA IL SANGUINETTO, LO ZEVIO IL VALTRAMIGNA. CASALEONE E POZZO DA “2” IN SCHEDINA. ISOLA 1966 RIMONTATA A MONTORIO.
 
E, con quella tratta dalla calza della Befana fan dieci!
Parliamo dell’incredibile filotto di vittorie consecutive inanellate dall’Atletico Città di Cerea. Ma, bisognava solo cambiare pilota al Suv (ossia Simone Marocchio al posto di Luis Gustavo Passera), per assistere a un simile exploit ceretano?
 
Pare di sì. Nel calcio, come, del resto, in molti – per fortuna, non tutti! – i campi della vita, i rami dello scibile, contano, eccome!, i numeri. E, i bianco-granata non solo arricchiscono il proprio medagliere di tintinnanti medaglie, ma, proteggono, blindano il loro primato; ora a +2 sulla coppia Montorio-Pro Sambo. Al “Pelaloca”, 1 a 0 dei capo

    i contro una delle più sorprendenti realtà del girone “B” di Prima categoria: per il mister raldonate Simone Marocchio, “boss degli infissi”, fa la differenza Mattia Visentini, ex Casaleone, classe 1992.
     
    34 i punti ceretani a fronte dei 32 orgogliosamente vantati da Montorio e Pro Sambo; quest’ultima neo damigella d’onore per aver battuto 2 a 0 la non pitagoricamente condannata U.S. Provese, grazie ai piattelli polverizzati al “Renzo Tizian” dall’ex tregnaghese Luis Gonzales Bejar e dall’ex zeviano Gianmarco Ravelli (1990).
     
    Il Montorio, all’ombra del suo castello, è costretto col laccio del cow boy a rincorrere lo svantaggio isolarizzano provocato da una punizione a “foglia morta”, stile Mariolino Corso, pennellata alle spalle dell’ultra navigato “guardiano dei pali”, l’ex a lungo zeviano Umberto Boninsegna, dall’oppeanese “Van Basten” (per le movenze) Luca Andriani, classe 1990. E, il pareggio scocca grazie al siluro esploso dal sommergibile guidato dal centrocampista bianco-nero-verde Luca Menini, classe 1993.
     
    Due squadre a pari merito e al 29mo parallelo inseguono a quota 29: sono il Casaleone e la già ricordata SSD ValdalponeRoncà di mister Beppe Allocca. Per i “casaleoncini giallo e blu”, sguinzagliati dal mister e bancario Pippo Crivellente graffiano i palloni in rete dell’1 a 2 riportato al sintetico “San Giovanni Bosco” di San Giovanni Ilarione “Sky” Alessandro Guerra (1994) e bomber Luca Pasquali (1986). Di contro, i sangiovannei di mister Sereno Ferrari hanno risposto in rete con l’algido, il chirurgico rigorista Riccardo Costa, classe 1992, ruolo, il difensore.
     
    Con la Befana, l’anno liturgico propone anche l’inizio del Carnevale: e a indossare il costume del “pirata della Malesia” è il bisognoso di punti A.C. Pozzo di mister Stefano Paese: pozzani, che violano l’”Antonio Perlato” battendo i gialloblu di mister Antonio Sorgente per 0 a 1, mattatore Papa Kwesi Kassum, classe 1992 ex Olimpica Dossobuono.
     
    Il ValtramignaCazzano ha cambiato spartito tecnico, ma si sente, per ora, nell’aria la stessa aria poco allegra e trionfale: infatti, i bianco-rossi affidati all’ex coach di S.Giovanni Ilarione e Lonigo, Omar Lovato, cadono per 2 a 1 alla “Bonbonera” di Zevio. Vittime dei centri azzeccati dai bianco-neri di mister Christian Piasere sono l'ex Illasi Andrea Antonelli e Mattia Fracasso (1996).
     
    Boys, terribili Boys quelli buttapietresi sguinzagliati da mister Cristian Cordioli al “Tiberghien” di San Michele, tempio votivo audacino: 0 a 1 e il giustiziere della “Domenica Sportiva” si chiama Valerio Manzini, classe 1990. Audace della famiglia Purgato ed allenata da Luca Ponzini, la quale ora scivola al 6° posto, restando a quota 28 punti.
     
    Al “Cavallaro”, terza gara giocata dal nuovo acquisto, l’isolarizzano Alessandro Olivieri (classe 1999) e patito romanista e terza vittoria per i “mobilieri” di mister Devis Padovani: 2 a 0 e la vittima è tra le più eccellenti, ossia quel SanguinettoVenera, il quale solo qualche mese fa, non di più, guidato dal polesano Antonio Marini (quest’anno calcistico sostituito dal bravo coach mantovano Matteo Branchini), all’insaputa degli allibratori ha vinto un memorabile Torneo di 2^ categoria girone “D”, soffiando la corona al Concamarise dell’allora presidente Paolo Zago; risalito in Prima a Bovolone, portandosi dietro, alla maniera di un Mago d’Oriente in cerca del Salvatore nella Santa mangiatoia di Betlemme, il titolo di Prima rivalutato dalla classifica di meriti estiva e forte del 2° posto guadagnato con molti punti. Per i rosso e blu bovolonesi fanno la differenza l’ex “Ministro Giancarlo” Padoan (Ettore, il nostro atleta più arrivabile e meno politicizzato, classe 1995) e un gol nella porta sbagliata realizzato dal difensore 1992 Davide Rigoni…Stern…

    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2008