Archivio: PRIMA PAGINA

24/2/19
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE - 23^ GIORNATA

SEMPRE A +12 IL VANTAGGIO DEL CASTELBALDOMASI SULLA SERATICENSE. RALLENTA L’ALBARONCO, COSTRETTO ALLA RIMONTA PODEROSA IN CASA CONTRO IL COLOGNA. ANCORA OPPEANO NEL SEGNO DI DIAGNE CONTRO IL BADIA POLESINE, DOPPIA DI BOMBER DI CRISTO NEL 3-3 TRA ALBA B.R.OMA E POL.VIRTUS. I CAVALPONICI LASCIANO ALL’ULTIMO POSTO IL CHIAMPO, MENTRE NESSUN GOL A NOGARA E AD ALBETTONE.

Quando ci sono ancora 21 punti a disposizione da qui alla fine del Torneo, nel girone “A” di Promozione resta invariato il vantaggio di +12 del CastelbaldoMasi sulla prima delle concorrenti, i vicentini della Seraticense di mister Luca Cortellazzi. Ieri, al “Donato-Sanio”, le “tigri bianco-rosse” basso-padovane di “patron” Michele Ottoboni, di Menà di Castagnaro, sguinzagliate dalla “leggenda spallina”, il mister ed opinionista televisivo ferrarese Luca Albieri, vanno sotto contro l’A.C. Cadidavid di mister Armando Corazzoli – rete del difensore 1990 Nicolò Dolci – poi, tornano a sbranare grazie alle zampate sferrate da Poli, Enrico Bortolotto, Alex Montagnani (costui su rigore) e di Djorkevic. Ad addolcire l’amara piccola della pesante resa a Castelbaldo di Padova, ci pensa il bianco e blu cadidavidese Mirom, al 93mo.
 
Non riesce a vincere l’Albaronco di mister Emanuele Pennacchioni, nell’anticipo di sabato giocato all’”Erasmo Zamperlini” messo alla frusta da un più sbarazzino Cologna Veneta di mister Salvatore Di Paola. Sempre duplice il vantaggio dei “giallo e blu del mandorlato”, grazie ai centri e del 1990 Michele Gasparetto e dell’ex Este, il classe 1998 Francesco Pellizzari e di quella micidiale “volpe darea” che è bomber Fabio Sinigaglia, classe 1986, fisico ancora bello ed integro, quasi si potenziasse nella palestra gestita dal suo compagno, il portiere Alessandro Pastorello di Roveredo di Guà. Il quale nulla ha potuto su due dei tre gol albaronchesani, in quanto dal dischetto fai parlare di te solo quando riesci a ipnotizzare il cecchino di turno. Ma, trattandosi di un navigato, qual è “Pinturicchio” Luca Avesani, sempre col sorriso sulle labbra, indipendentemente dal verdetto finale, ebbene, l’impresa è sempre molto complicata. Terza rete bianco-verde-granata griffata da Jussef El Qoriqi, classe 1997, trascorsi nel Legnago Salus di serie D e nell’U.S. Provese di Eccellenza, oltre che aver spiccato il volo dalla piattaforma ceretana. In porta, “Ibra” Afyf, con i galloni di capitano, ha dato il suo buon contributo al raggiungimento dell’insperato pareggio sia con i suoi lunghi e precisi rinvii di sinistro sia partecipando, alla maniera del vecchio calcio totale olandese, al forcing finale premiato col rigore assegnato e trasformato al 95mo (gulp!!!).
 
Terzo posto, dunque, per l’Albaronco, ora distanziato di ben (troppi, davvero!) 14 punti (il rapporto è di 53 a 41 per i “castellani”), byepassati oggi in classifica dalla Seraticense. Ieri, a Sarego, le “tigri giallo-nere” – seconde assolute a quota 41 freccette - hanno avuto ragione, 2 a 0, di un Mozzecane di mister Nicola Santelli che ama tracciare sul grafico le spericolate curve – non quelle dell’intrigante Belen – ma, quelle tanto care al famoso matematico tedesco Carl Friedrich Gauss, ovverosia il su e giù altalenante poco piacevole piuttosto che trastullante. Per i vicentini un gol per tempo: il 1994 Matteo Manganotti e il coetaneo, oltre che collega di reparto, Leonard Anghel.
 
Senza reti, al “Romeo Soave” di Nogara, ma, ancora una perla che va ad aggiungersi alla collana di risultati utili consecutivi indossata dai “cosacchi del basso Tartaro” nogaresi di mister Andrea Greggio da Gazzo veronese. L’avversario era il castigamatti, il guastafeste del Casatelnuovo Sandrà del lippiano trainer Fabrizio Gilioli, salvato dalla santa traversa, scheggiata direttamente dal dischetto da Cailotto, imitato qualche scampolo temporale da Diego Grigoli, anche lui futuro falegname per aver piallato il legno.
 
Ad Albettone, il Sitland Rivereel del dr e mister Peter Taccardi non riesce a mettere sotto un Povegliano di mister Lucio Beltrame costretto dalla penuria di risultati accusato nelle ultime settimane a uscire vivo dalle colline vicentine. Vittoria delle difese, sconfitta dello spettacolo, poi, nella ripresa, la più ghiotta delle occasioni per i vicentini la spreca dal dischetto Alban, mandando la sfera di cuoio a spolverare la trasversa.

Ancora un guizzo inscenato dall’ex Piacenza Dame Diagne, classe 1993, consegna i 3 punti all’A.C. Oppeano di mister Stefano Ghirardello, impegnato nel secondo turno casalingo di fila contro il Badia Polesine di mister Ruggero Ricci e del diesse Terenzio Rauli. Gol, nel primo quarto d’ora, annullato per fuorigioco ai biancazzurri polesani, ora raggiunti a 27 punti dagli stessi vincitori.
 
Con la netta vittoria di 3 a 0 ottenuta a San Gregorio di Veronella, l’Aurora Cavalponica di mister Flavio Carnovelli raggiunge a quota …dica…33 la Pol. Virtus borgo Venezia del collega Alberto Baù, frenata sul 3 a 3 in casa dall’Alba borgo Roma di mister Andrea Danese. Per i “cavalponici” del presidente e tifosissimo dell'Hellas Verona Stefano Bressan segnano Fortunato, l’ex Caldiero e classe 2000 Jacopo Girardi e la “gazzella ghanese”, Ronnie Otoo.
 
Doppietta polivirtussina per Mario Di Cristo, arrivato ora a quota 10 bersagli, imitato da “trottolino” Paolo Forgia (1999) ex Hellas Verona al suo 9 centro in rossoblu; per i giallo-rossi alba-romani del diesse Mauro Annechini, invece, bomber Andrea Vesentini (1997), Enrico Eller (1992) e il Super panzer Luca Bonfigli, ex Vigasio ed ex, l'anno scorso, Aurora Cavalponica.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2015