Archivio: PRIMA PAGINA

24/2/19
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. D) - 23^ GIORNATA

SCALIGERA ED ALBAREDO SEMPRE DA “AVANTI TUTTA!”, CASTELDAZZANO ANCORA 3° MA IERI COSTRETTO A RAGGIUNGERE IL RALDON AL 93°. AL “DAVI”, PASSA ANCHE IL BONAVIGO, IL VIGO RIMONTA 2 GOL E POI TRAVOLGE IL CADEGLIOPPI, 4° PUNTO STAGIONALE PER “LA BONA” A TREVENZUOLO, UNICO COLPACCIO QUELLO DEL GIPS A BONFERRARO DI SORGA’.

Sempre l’una, la Scaligera, che pedala - ora a 58 punti – e che dà uno sguardo dietro, per vedere se l’accorrente Albaredo di mister Manuel Cuccu molla anche di mezzo giro di ruota. Il “Tour” del girone “D” di Seconda categoria ripropone lo stesso tema, non fa una grinza a nulla: i giallo-rossi isolani di mister Alessandro Ghirigato sempre sul ponte del comando da crociera, ora a 58 nodi, e gli albaretani che inseguono a 53 e che se fosse finito oggi il campionato sarebbero entrambe promosse.

Finisce 5 a 1 a Isola della Scala, vittima di turno la Nuova Cometa di mister Ivan Benin, in rete soltanto con il neo-entrato, al posto del ’94 Enrico Castagnaro, Ndongo. Per gli solani, doppia dell’ex oppeanese Francesco Caldana (1993), ed acuti di Massimiliano Gramegna (1985, ex Pro Sambo), del ’95, l’ex zeviano Davide Marchetto e del 1989 Riccardo Sgarbossa.
 
Anche l’Albaredo vince, 2 a 0, contro i Boys Gazzo di mister Matteo Gobbetti, in casa sua: in rete nel primo tempo Dorjan Molla e nella ripresa raddoppia di testa Pier Luigi Dal Bosco, classe 1987 l’anno scorso in forza al Montebello vicentino dell’ancora mister Fiorenzo Bognin, per lui è il 21 centro stagionale che lo mantiene in piena corsa nella classifica della scarpa d'oro dilettanti 2018-19.
 
Rallenta il Casteldazzano, sempre solingo e terzo a 46 punti. Ieri, a Raldon, per i biancazzurri “castellani” di mister Riccardo Adami, 1 a 1, nulla di più, con botta raldonate – mister dei “ramarri” è il cadidavidese Simone Ronconi - sferrata dal capitano classe 1987 Daniele Bendazzoli, e risposta di pari èco di …Mira…Lanza; il difensore Fabio, classe 1993, va in rete al 93mo (gulp! Povere coronarie!).

Del mezzo passo falso dei “castellani” del vice-presidente Giacomo Tabarrini ne approfitta il Gips Salizzole di mister Andrea Bertelli: ieri per i rosso e blu salizzolesi, colpaccio (0 a 1) – non l’unico registrato in questo girone! – al “G.R. Lombardi” di Bonferraro. Giallo-rossi della frazione di Sorgà ed allenati da Andrea Olivieri sempre penultimi a quota 17 punti, a -5 gradini dalla coppia Boys Gazzo-Cadeglioppi. Mattatore, non bomber Osa Odaro (la “scarpa d’oro 2018”, classe 1991), autore nel recupero di mercoledì a Casteldazzano di una doppietta nel 2 a 2 riportato con i biancorossi, bensì, il suo collega e coetaneo Michele Pimazzoni.
 
Al “Rino Dalle Vedove” di Marchesino, – 0 a 0 – il Bevilacqua di mister Eros Crema incontra il semaforo giallo del solo punticino, da bicchiere mezzo vuoto, contro i gialloblu locali di mister Andrea Calzolari. Anche a Trevenzuolo, in casa del più quotato ed ambizioso Atletico Vigasio di mister Fabrizio Saccomani, scatta il giallo del pari (1 a 1) per il “fanalino di coda” Bonarubiana di mister Gianni Rossi da Bergantino di Rovigo: ma, il bicchiere di brulè, per l’undici della frazione di Bonavicina e del Comune di San Pietro di Morubio assomiglia di più a un bicchiere mezzo pieno. In rete, per “La Bona” del factotum Luciano Beghini (tifosissimo dell’Hellas Verona), il solito Manuel Moretto; per gli atletici vigasiani al pari ci ha pensato Clement Airhienbuwa, classe 1988.
 
Al “Luca Davi” di Sustinenza, un gol all’incontrario del navigato (1982) difensore Andrea De Bianchi offre su un piatto d’argento i 3 punti al Bonavigo 1961 di mister Gianluca Corso…della Vittoria… “Celeste della Bassa” di mister Giancarlo Permunian, che faticano davvero a trovare la quadra e che ora sono quint’ultimi a quota 23 freccette.
 
Anche sopra, di un punto, alla coppia – come prima già ricordato – Boys Gazzo-Cadeglioppi -, con questi ultimi che stanno ancora mangiandosi le mani dalla rabbia per essere stati in grado a Vigo di gestire lo 0 a 2, poi, trasformatosi in un incredibile 3 a 2 per i bianco-granata vighiani di mister Adriano “El Ros” Rossignoli. Per l’undici avvelenato di mister Nicola “Fonzie” Bertozzo, avevano illuso il 1996 Manuel Franzini, ex Atletico Città di Cerea, e il difensore 1987 Matteo Carazzi. El Hasnaoui, il bomber noventano Riccardo Trivellin (1987, ex ValtramignaCazzano) e “Nicola” Leonardo Bari, classe 1995 sono gli artefici della poderosa e clamorosa “remuntada” del GSP Vigo 1944 del presidente Raimondo De Angeli.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2013