Archivio: PRIMA PAGINA

14/4/19
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) - 29^ GIORNATA

VITTORIE FACILI E A 3 NODI DI VELOCITA’ PER S.PERETTO E MALCESINE, SEMPRE SEPARATE DA 3 PUNTI. AL PASTRENGO IL BRONZO E LA CORSIA PLAY OFF, ALTRO K.O. DELLA JUVENTINA DA PARTE DEL GARGAGNAGO. IL VALDADIGE ESPUGNA LE MALGHE E INGUAIA I “FALCHI”, IL CONSOLINI VINCE ANCHE A LAZISE, IL BUSSOLENGO BRACCA IL CORBIOLO, IL BURECORRUBBIO LIVELLA LA VETTA.
 
A 90 e più minuti dalla conclusione di un anno intero di calcio, nel girone “A” di Seconda categoria, a questo punto, solamente il San Peretto di mister Franco Tommasi può gettare alle ortiche lo scudetto e l'accesso alla Prima categoria. Le “giubbe rosso-nere”, infatti, conducono sempre a +3 rispetto al Malcesine del rocciatore di Riva del Garda, Marco Martini, ed entrambe completeranno, domenica 28 aprile la 30ma tappa, davanti al pubblico amico (i valpolicellesi contro i “cugini” burecorrubbiesi, gli alto-gardesani sul sintetico di Cassone, contro il Bussolengo, 4° a 51, a braccetto del Lazise).
 
Tornando a quello accaduto ieri pomeriggio, 0 a 3 ruvido dei sanperettiani del diggì Nicola Righetti al velodromo di San Lorenzo di Pescantina guidato da mister Giandonato Di Marzo: in rete, per due volte, l’ex pescantinese, nonché, il classe 1988, Giacomo Zumerle, imitato una sola volta (e basta, o no?, per non infierire sui già demoralizzati “fanalini di coda”?) da Elia Mignolli.

Identico colpaccio per i malcesinesi del presidente Simeone “Giucas” Casella e “gioiello”, il club, della famiglia Marchiotto (Bortolino e il mitico Gigi, originario di Ronco all’Adige), a Colà, in Villa dei Cedri: 0 a 3, con rete del pugliese Andrea Luciano, classe 1991, ed autoreti a firma dei due Sias, i difensori Luca (1994) ed Alessandro (1998) in forza ai gialloverdi di mister Raffaele Pachera.
 
Quindi, ricapitolando: al primo posto a 64 carati brilla il San Peretto, inseguito a -3, e cioè a 61 dal Malcesine. Terzo posto, a 57 punti per l’ormai tagliato fuori dalla lotta-scudetto Pastrengo di mister Paolo Brentegani, il quale ha vinto, pure lui, 1 a 2, in quel di Cavaion (per gli sconfitti biancazzurri del club del Baldo-Garda allenato da Simone Chieregato, ha siglato il gol della magra consolazione l’avanti 1994 Elia Turrina (autorete della punta 1998 Andrea Zanandreis, più la rete ortodossa messa a segno dal “carabiniere con gli scarpini”, il pastrenghese nonché 1996 Alberto Ronconi.
 
Al 4°posto, appaiati sul trespolo n.51 come due colombi, il Bussolengo del mister e corniciaio Roberto Pienazza e il Lazise di mister Gabriele Gelmetti. I rosso-verdi alle porte del lago braccano, 1 a 0 (mattatore il 1996 Andrea Dolci) il Corbiolo di mister Paolo Mainente, ora penultimo appaiato a 22 punti con il Sant’Anna d’Alfaedo del “falconiere” Francesco Corazzoli, con i bianco-granata che colpiscono due traverse (alla pari dell’A.C. Cadidavid del padre Armando, sconfitto per 3 a 2 ad Oppeano), ma che soccombono a quell’F.C. Valdadige di mister Marzio Menegotti (match winner, la punta 1993 Guido Ballarini), che, vincendo, aziona la freccia del sorpasso nei confronti della preda in quanto si porta a quota 23 freccette.
 
A Lazise, passa la Pol. Adolfo Consolini di mister Andrea Artizzu: 0 a 1, decide l’avanti 1996 Gaston Mauricio Paoletti. Altra coppia di colombi in volo, appaiati ora a quota 45 punti, è quella rappresentata dalla Pol. La Vetta e dall’A.C. Cavaion: dei gardesani-montebaldini abbiamo già detto, dei domegliaresi di mister Nicola Martini dobbiamo invece registrare la sconfitta di 1 a 0 rimediata dal BureCorrubbio, al resort di Castelrotto di Negarine di San Pietro In Cariano (ad una manciata di minuti al triplice fischio finale, ecco la zampata felina del “bracco” biancazzurro Bret Adobah).
 
Ancora una pesantissima e consecutiva scivolata della Juventina Valpantena di mister Massimo Burato al “Lorenzo Bellamoli” di Poiano: 2 a 4 e a passare è questa volta il Gargagnago di mister Gianni Pierno, grazie ai centri effettuati dall’avanti 1985 Adrian “Mutu” Georgescu, dal difensore 1995 Federico Bronzati, dal “ranista” 1987 Mattia Galvani e da Cagliari, 4° estratto “tricolore”, Davide, classe 1994. Per i bianco-neri, invece, il dr Leonardo Tommasini (1988) e il 1991 Marco Tortella, ex Olimpia Ponte Crencano.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2111