Archivio: ULTIM’ORA

26/2/19
ANTHONY GAMBIN (AURORA CAVALPONICA): "VOGLIAMO I PLAY OFF!"

Si trova benissimo l’estroso attaccante classe 1987 Anthony Gambin, ariete d’area di rigore che è ritornato all'Aurora Cavalponica dopo che era già stato da queste parti nella stagione 2015-16 in Promozione, segnando 6 reti in 27 gare disputate, e nel biennio 2011-12 e 2012-13 conquistando il salto di categoria dalla Seconda fino alla Prima categoria. Precedentemente, oltre ad una breve parentesi al Sitland Rivereel, Anthony aveva indossato le casacche della Pro San Bonifacio in Prima categoria per due annate, del Cologna Veneta, dove ha vinto il campionato di 2^ categoria, e nella Napoleonica sempre in Seconda segnando 31 gol in tre stagioni. "E’ sempre un piacere ritornare ad indossare la casacca gialloblu della Cavalponica. Qui conservo sempre un gruppo di amici, tra dirigenti e giocatori, che  sono appassionati di questo sport, che è il più bello del mondo".

Gli piacerebbe arrivare in doppia cifra ma anche provare a segnare cinque reti gli riempirebbe il cuore di gioia. In carriera Gambin ha segnato più di 90 reti. Non ricorda il numero esatto. "Per me conta innanzitutto aiutare il gruppo, segnando gol per la causa della Cavalponica, poi il resto conta meno. Non mi piace mettermi in mostra, sono uno spirito libero e un grande combattente, abituato a lottare sia in campo che nella vita. Qui sono tornato a casa mia".

Il girone A di Promozione è livellato, non sono poche le formazioni, tra le quali anche l’Aurora Cavalponica, assieme alla Seraticense, Albaronco, Virtus, Nogara, CastelnuovoSandrà e Cologna, che inseguono il sogno play-off, visto che la capo

    a Castelbaldo Masi è oramai lontanissima. "Il Castelbaldomasi è una corazzata con giocatori, per qualità e quantità, di categoria superiore. Solo lei ha in mano la vittoria finale del campionato, corre in pratica solo contro se stessa. Poi, ci sono altre squadre, tra cui la mia, che vogliono almeno centrare l’obiettivo play off. Può ancora succedere di tutto ma noi ci crediamo, dobbiamo però cercare di finalizzare meglio in attacco le occasioni create".

    Vuole fare un grande ringraziamento ai compagni di squadra Romellini e Pimazzoni, grandissimi amici, ed al presidente Stefano Bressan. Poi parla del tecnico della Cavalponica, Flavio Carnovelli, che è molto preparato: "E' davvero un ottimo allenatore, che dosa le parole, ma sa cosa vuole. Ognuno ha il suo carattere e con lui non servono lmolte parole per intenderci".

    Domenica prossima trasferta molto difficile in casa del Cadidavid di mister Armando Corazzoli che è precipitato in piena zona retrocessione. "Andremo a Cadidavid per uscire dal campo con i tre punti, non lo nego, non possiamo sbagliare. Loro vogliono la stessa cosa per raggiungere la salvezza. Ne verrà fuori una gara infuocata e molto importante per entrambe le formazioni in campo".

    Nel mese di marzo la Cavalponica affronterà il Cadidavid, l’Alba Borgo Roma, la prima della classe Castelbaldo Masi e la Virtus. Gambin è già sul pezzo, servono altre sgargianti vittorie. Chiude ringraziando la moglie Alessandra che lo segue dalla tribuna ogni domenica assieme ai suoi due bambini Pietro, che ha 4 anni, e Diego, che ha soli 9 mesi. Il presidente Stefano Bressan che gli ha dato fiducia assieme al tecnico Flavio Carnovelli. Inoltre ricorda con piacere mister Marco Burato, una grandissimo amico ed un ottimo tecnico che adesso allena il Montorio. Mi ha sempre aiutato nei momenti difficili. Mi ha fatto esordire in prima squadra quando allenava la Napoleonica e mi ha aiutato a mettermi in mostra. Gli devo davvero tanto. L’ho ritrovato a Cologna Veneta e abbiamo vinto il campionato di Seconda, poi siamo stati assieme due anni alla Pro Sambo, con il presidente Claudio Fattori".

    Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:754