Archivio: ULTIM’ORA

7/3/19
PARONA: AAA CERCASI SALVEZZA E VOLONTARI

Consueto nostro blitz a Parona all'Adige nel tradizionale mercoledì delle Sacre Ceneri, e che ha celebrato la "festa de la renga". Qui, in un tempo in cui la navigazione allora era solamente fluviale, i commercianti sostavano, attraccando con i loro burchi, e consumando durante la sosta fettine di polenta accompagnate dall'arringa affumicata ed innaffiate dal buon rosso Valpolicella di queste parti. Ma, è anche l'occasione per fare il punto, col presidente Riccardo Portoghese, sull'A.S.D. Parona; che quest'anno sta portando a termine una stagione più impegnativa del previsto. "Stiamo soffrendo" analizza il massimo dirigente, concedendosi un attimo di tregua al banco dell'A.S.D. Parona 1958, dove rivediamo il Segretario Luigi Alberto Caccia e i due addetti alla logistica, ai campi, alla gestione del magazzino e dello spogliatoio bianco-verde, ossia Valentino e Paolo Peretti "perché ogni anno, a livello di "rosa" della Prima squadra, si resetta tutto, per noi si inaugura il cosidetto anno-zero. Perchè? Perché ogni anno subentrano nuove forze a chi, giustamente, vuole cambiare casacca, e, quindi, per noi si rinnova ogni anno una sorta di sfida molto adrenalinica. Infatti, a parte i 4-5 "veci", il resto del gruppo deve pagare i tagliandi del rodaggio ed entrare nella forma mentis di mister Flavio Marai. E, tu ben sai che qui da noi si gioca solo per la passione e basta!"

E, tra poco, al termine della stagione sportiva, ci sarà il riassetto societario previsto: "Siamo alla ricerca di collaboratori e di persone dotate di un grande spirito di collaborazione al fine di coadiuvare le varie componenti sportive che innervano il Parona sia a livello Prima squadra che a livello giovanile. Oggi, ma credo che questo sia un problema che accumuni molte altre società dilettantistiche: manca il ricambio, linfa nuova a livello di volontariato: non abbiamo i 40enni disposti a garantire la continuità del sodalizio. E' giunto oramai il tempo che il modello organizzativo societario vada rivisto in questa direzione".

E, tuffiacomici ora nel campionato: una stagione un pò sotto le aspettative la vostra, o no? "Noi cercheremo di fare di tutto per raggiungere la salvezza; poi, il campionato emetterà il suo verdetto, pronuncerà la sua verità. Toccandoci gli attributi, non faremo certo drammi, perché salire o scendere di categoria, per noi, è solo, credimi, una questione di prestigio".

Deciso oramai lo scudetto, chi prevedi nei play off?
"Innazitiutto, bisogna vedere i 7 punti di distacco dalla capo

    a sulle immediate inseguitrici: e la capo
      a PescantinaSettimo ne ha già messo di fieno in cascina! Comunque, vedo bene il PGS Concordia B.M., la Pol. Quaderni e il rilanciatosi A.C. Lugagnano".

      Da chi ti aspettavi qualcosina di più?
      "Beh, in primis, dalle neo-retrocesse (Croz Zai e Montebaldina), poi, dall'A.C. San Zeno Vr, dal Valpolicella ed anche dal Pedemonte. Oltre, ben s'intende, che dai miei ragazzi".

      Per le sabbiemobili, invece?
      "Siamo 7 avversarie raccolte in uno spazio di 6 punti: impossibile fare previsioni! E, per il rispetto delle altre nostre concorrenti alla salvezza e per scaramanzia nei confronti del mio Parona".

      Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1110
- Adv -
- Adv -
- Adv -