Archivio: ULTIM’ORA

24/3/19
PRO SESTO RIMONTATA DAL LEGNAGO (2-3)

SECONDO SUCCESSO ESTERNO DEL LEGNAGO A SESTO S.GIOVANNI CHE E' ORA A DUE PUNTI DALLA SALVEZZA DIRETTA. DOMENICA A LEGNAGO ARRIVA IL CARAVAGGIO. IN FESTA LA JUNIORES NAZIONALE CHE HA VINTO IL CAMPIONATO

Fine settimana di gloria per due squadre legnaghesi: sabato la formazione Juniores Nazionale di mister Nicola Corestini e Andrea Faccioli (secondo) ha pareggiato (2 a 2) a Porto con il Montebelluna e ha conquistato la vittoria matematica del girone D. A Porto, all’entrata del campo, delle giovani tifose dipingevano le guance degli spettatori con un pennarello biancazzurro. A fine gara i giocatori con la maglietta celebrativa e fumogeni davanti al gruppo dei tifosi in festa. Poi festa anche allo stadio "Sandrini" di Legnago dove era presente anche il capitano Mattia Pennacchio recentemente operato al malleolo.

Ieri a Sesto San Giovanni il Legnago ha vinto in rimonta (3 a 2) contro la squadra di casa vogliosa di riprendersi il terzo posto in classifica perso a Mantova con la sconfitta. I gol del Legnago sono firmati da una doppietta di Diego Vita e da una rete di Alessandro Bruni. La classifica del Legnago è migliorata e adesso la zona salvezza è a soli due punti. A fine gara grande grappolo dei giocatori e di mister Pagan e del direttore generale Pretto a centrocampo per festeggiare l’importante risultato ottenuto. Al “Breda” il Legnago si è presentato con molte novità rispetto alla formazione schierata inizialmente contro il Rezzato. Subito fra i titolari Dabo, De Gregorio che aveva scontato il turno di squalifica, Orchi, Kouame e l’uruguaiano Peinado. In panchina accanto a Pagan c’erano Mario Pretto con Colella, Gaba, Porcaro, Di Dionisio, Sandrini, Mantovani, Darraji, Cocuzza ed Ibe. La Pro Sesto non ha potuto schierare ieri le punte Bertani (12 gol) e Scapuzzi (5 gol) squalificate per un turno. Prima della gara viene innaffiato il campo. Pro Sesto in maglia gialla.

Subito Filippo Guccione, ex Cerea e Vigasio, 15 gol finora, fa il diavolo a quattro e crossa in area per Duguet che non inzucca. Al 13’ Peinado, ieri spesso rifinitore, innesca Vita, la difesa locale rimedia. Al 19’ Pro Sesto in vantaggio: Marzeglia cerca di incornare il pallone, Bugno sorprende la difesa e realizza di testa. Dopo un tentativo di Peinado, Kouame al 24’ si avvicina al pareggio con un gran tiro che Tamma para. Capitan Parrino per un fallo di Marzeggia è ammonito e diffidato sarà squalificato poi al 35’, sugli sviluppi di un corner battuto da Gulinatti, Bruni sbuccia la palla. Al 38’ gran tiro da 35 metri di Omayer che sorprende Cuoco ed è 2 a 0. Prima del riposo al 41’ Vita accorcia le distanze con un bel colpo di testa su angolo di Marin.

Nella ripresa Gualdi impegna Cuoco che al 13’ devia in angolo un tiro di Marzeglia. Al 20’ il 2 a 2 ospite con lancio di Mantovani e sponda di Vita per il giovane Bruni che realizza. Un minuto dopo bagarre in area del Legnago, Cuoco para a terra. Il Legnago che ha preso il dominio del centrocampo insiste e al 41’ gran sprint in verticale di Vita con tiro rasoterra. Il gol della vittoria arriva al 43’: Cocuzza centra in area, il pallone rimpalla su Vita che tira deciso e il pallone inganna il portiere. Poi 4’ di recupero e la fine fra abbracci e gioia. Domenica a Legnago arriva il Caravaggio, battuto nell’andata per 3 a 1. Il Legnago visto a Sesto San Giovanni non si è mai spaventato, nemmeno quando era in svantaggio di due gol, giocando disinvolto convinto di poter creare occasioni per un risultato di prestigio. La Pro Sesto obbligata al pareggio anche in riva al Bussè (1 a 1) è calata alla distanza soprattutto a centrocampo quando il Legnago con l’inserimento di Mantovani ha migliorato la costruzione del gioco con lanci che hanno disorientato la difesa sestese che nel secondo tempo aveva perso dopo nove minuti per infortunio il difensore  Bugno, figlio del cic

    a Gianni. I risultati della giornata nella bassa classifica sono sorprendenti, soprattutto il successo del Ciserano vittorioso in casa della Caronnese. Il Legnago nelle restanti sei partite per la salvezza diretta dovrebbe ottenere 12 punti, poiché quota 39 è giudicata sufficiente per raggiungere l’importante obiettivo.

    Negli spogliatoi è contento mister Andrea Pagan: “Dopo quattro k.o. consecutivi e il 2 a 0 fino al gol di Vita altre squadre sarebbero morte, invece noi abbiamo trovato lo sprint giusto sfiorando il gol con Bruni e Kouame. Poi il 2 a 1 e nell’intervallo, negli spogliatoi, ho detto ai ragazzi che bisogna credere di poter recuperare e abbiamo conquistato tre punti meritati. Chi è entrato ha fatto bene. E’ stata una vittoria meritata frutto del lavoro. Bravi tutti.” Mario Pretto, direttore generale del Legnago, dice: ”Sul 2 a 0 si andava incontro ad un’altra sconfitta ma abbiamo giocato alla pari. Dopo il gol di Vita, il pareggio di Bruni e il 3 a 2 della vittoria arrivato dopo una gran parata di Cuoco per evitare il gol del 3 a 1 per la Pro Sesto. Bravi i ragazzi a crederci fino alla fine.” In casa della Pro Sesto parla Filippo Guccione. “In vantaggio di due gol ci siamo fatti rimontare. La voglia del Legnago di salvarsi ha prevalso sulla nostra voglia di recuperare il terzo posto dopo la sconfitta di Mantova.”

    Pro Sesto (4-3-3): Tamma, Viganò, Baggi, Croce, Bugno (9’st Mazzotti), Di Maio, Duguet, Gualdi, Marzeglia, Guccione, Omayer (42’st Sanserevino). All.Parravicini
    Legnago Salus (4-3-3): Cuoco, Dabo, De Gregorio, Marin, Orchi, Parrino, Kouame (46’st Ibe), Gulinatti 15’st Mantovani), Peinado (24’st Cocuzza), Vita (46’st Di Dionisio), Bruni (32’st Darraji). All. Pagan
    Arbitro: Rispoli di Locri 
    Reti: 19’pt Bugno, 38’pt Omayer, 41’pt Vita; 20’st Bruni, 43’st Vita
    Note: Spettatori 450 circa. Ammoniti: Duguet, Gualdi, Parrino, Gulinatti,Bruni. Angoli  5-4 Recuperi 1’ e 4

    Aldo Navarro per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:424