Archivio: ULTIM’ORA

28/3/19
FILIPPO DAMINI (SAN MARTINO SPEME): "NON MOLLIAMO FINO ALLA FINE"

E’ al suo secondo anno al San Martino Speme il grintoso allenatore classe 1982 Filippo Damini. Anche quest’anno è vicinissimo all’obiettivo chiesto dalla società del presidente Alessandro Sabaini. E' un allenatore, Damini, tra i più quotati dei nostri dilettanti veronesi. Una carriera da mister iniziata molto presto, a 24 anni, nelle giovanili dell’Hellas Verona. Dal 2016 siede sull’ambiziosa panchina del San Martino, prima aveva guidato formazioni di tutto rispetto come Lugagnano, Aurora Cavalponica e Somma dove aveva finito nella stagione 2007-08 la sua carriera da giocatore. Tutti ricordano le sue sgroppate in avanti da punta di valore.

Oggi guarda fiducioso al proseguo di campionato. Mancano ancora cinque sfide alla fine del torneo di Eccellenza e la compagine di Damini vuole dire la sua con ardore, dice il tecnico: "Ci mancano pochi punti alla salvezza matematica ma siamo una squadra che non si accontenta mai, vogliamo da qui alla fine dei giochi portare a casa più vittorie possibili. E’ un fatto di coerenza prima di tutto, per noi come squadra e nei confronti di un campionato che è molto avvincente".

Si parte dalla trasferta di Garda per finire nell’ultima giornata di ritorno in casa di fronte al pubblico amico contro l'Arcella. "Garda, Vigasio, Abano, Belfiorese e Arcella, saranno per noi gare molto importanti dove dobbiamo confermare il nostro impianto di gioco. Siamo una buona squadra che può dare ancora molto. Dobbiamo però mantenere lucidità ed attenzione in campo perchè a volte sbandiamo, ma ci sta nel gioco del calcio".

Predica intensità e valori umani fuori e dentro il calcio. Damini conosce a fondo i suoi giocatori e da loro si aspetta sempre molto. "La domenica pomeriggio scendono in campo gli undici che hanno lavorato meglio in settimana e che mi hanno fatto vedere bravura e massimo impegno. Non mi interessa la loro età, se sono giovani o veterani. Chi merita gioca, non ci sono scusanti".

Filippo Damini dell’alta classifica ci dice: "Si deciderà la vittoria del campionato nelle ultime giornate. Vigasio e Caldiero hanno dimostrato di essere più forti delle rivali. Staremo a vedere chi sarà più bravo. Hanno diverse caratteristiche tecniche ma sono due compagini di tutto rispetto".

Guarda gara dopo gara cercando di cogliere i punti deboli altrui. Domenica prossima si va a Garda e non certo per fare una gita sul lago. "Il Garda è una bella realtà calcistica. Al primo anno da debuttante in Eccellenza ha fatto bene. Corre come noi per la salvezza e scenderà sul terreno di gioco per conquistare i tre punti... Che vinca il migliore!"

Nella classifica cannonieri Mariano Mangieri del Pozzonovo è in testa con 16 gol, seguito da Edoardo Cappella del Borgorico con 15, al terzo posto il veronese Lorenzo Zerbato del Caldiero con 13 reti. Pietro Filippini è il miglior marcatore del San Martino Speme con 8 reti. "La nostra manovra offensiva è frutto di trame di gioco corali quindi possono andare in gol tutti quanti. Ci aspetta un finale tortuoso, ma la mia squadra è prontissima e piena di energia".

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:903