Archivio: ULTIM’ORA

5/4/19
IL MISTER PESCANTINESE MARCO GABURRO PORTA IL LECCO IN SERIE C

Marco Gaburro, il mister di Pescantina, ha fatto centro ancora. L'allenatore quest’anno del Calcio Lecco, compagine lombarda che milita nel girone A di Serie D, grazie alla vittoria per 2 a 0 di domenica scorsa sul manto erboso di Borgaro Torinese, ha portato, dopo sette lunghi anni di sofferenza e con cinque turni d’anticipo, la compagine bluceleste del presidente pugliese Paolo Di Nunno e del suo braccio destro Mauro Brambilla, in serie C. Nella serie D delle grandi decadute (Avellino, Bari, Cesena, Modena e Reggiana) è stata proprio l’armata bluceleste di provincia, il primo club a riconquistare quest’anno la serie C. Il Lecco ha trionfato dominando il proprio girone: 63 reti realizzate e appena 20 subite in 29 giornate che hanno fruttato la bellezza di 74 punti e la possibilità (per quanto impegnativa) di superare il record del Montichiari che nel Campionato Nazionale Dilettanti del 1998-99 arrivò a quota 87 punti in 34 giornate.

Mister Gaburro, che ha portato a casa la seconda promozione consecutiva, la terza in totale, dai dilettanti ai professionisti con tre formazioni diverse: Poggese, Gozzano e Lecco, con la pacatezza e l’umiltà che lo contraddistingue afferma: "Abbiamo vinto anche grazie a chi ha giocato poco e a chi è andato via. Questo è stato un gruppo fantastico e solido, sopratutto nelle poche volte in cui era necessario esserlo, risolvendo i piccoli problemi che sarebbero potuti poi diventare grandi".

Una domenica, quella scorsa, da protagonista. Il telefonino di Marco Gaburro è suonato a lungo, ricevendo i complimenti di chi gli vuole bene. "Lecco è una città molto bella - confessa il tecnico veronese -. A Verona abbiamo l’Adige mentre a Lecco c’è il lago. Qui si respira l’aria di dove è stato ambientato il celebre romanzo del Manzoni “I Promessi Sposi”. A Lecco ho trovato una squadra ambiziosa, lo staff dirigenziale mi ha messo a disposizione giocatori forti che ho chiesto io. Ora mi godo il salto di categoria fino in fondo".

Marco Gaburro è nato a Verona il 23 giugno 1973 ed è cresciuto a Pescantina, dove è partita la sua carriera allenando i ragazzi delle giovanili rossoblu. Poi, fare l’allenatore, diventerà la sua professione. Si è fatto strada con le sue forze, senza procuratori. Allenerà in seguito la Poggese nel mantovano, successivamente siede sulle panchine di Mezzocorona, Portogruaro, Trento, AlbinoLeffe (Under 19), Aurora Seriate, Pontisola, Caronnese e Gozzano. Proprio alla guida della formazione vicina a Novara (il Gozzano) la porterà in serie C per la prima volta dopo 94 anni. A livello individuale vanta il record di essere stato il più giovane allenatore ad aver esordito su una panchina di C2, a soli 28 anni.

Il futuro di Gaburro? E’ presto a dirsi, si deciderà a fine campionato.
"Spero di allenare anche in serie C il prossimo anno, rimanere a Lecco sarebbe davvero bello, vedremo!". Questa è la speranza di mister Marco Gaburro. In bocca al lupo mister, la tua carriera da brillante allenatore, in ogni caso continuerà!

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:747