Archivio: ULTIM’ORA

11/4/19
ALEXSANDAR PESIC: "SONO PRONTISSIMO A RIPARTIRE"

DISPIACIUTO PER COME SONO ANDATE LE COSE AL SANGUINETTO VENERA, ORA IL BOMBER VUOLE VOLTARE PAGINA E TROVARE UNA NUOVA SQUADRA PER L’ANNO PROSSIMO

E’ dispiaciuto per come sono andate le cose quest'anno il bomber classe 1983 Aleksandar Pesic, che era in forza al Sanguinetto Venera nel girone B di Prima categoria. La sua compagine è stata radiata dal campionato dopo che per la quarta volta non si era presentata in campo. La Figc del Veneto ha deciso di cancellarla dal mondo del calcio dilettantistico veronese. Da fonti certe, si dice che dei nuovi dirigenti di Sanguinetto vogliono ripartire con una nuova società dalla Terza categoria. A loro auguriamo un nuovo cammino denso di risultati sportivi importanti.

Pesic ha segnato tanti gol in carriera, ma ora vuole gettarsi tutto alle spalle, smanioso l’anno prossimo di mettere una nuova divisa per gonfiare ancora le reti delle porte avversarie: "Ci sono rimasto davvero male per come le cose sono andate a Sanguinetto quest’anno, non doveva proprio andare in questa maniera. Ma noi giocatori ce l’abbiamo messa tutta, assieme al mister Matteo Branchini, per rimanere sulla barca nonostante il mare molto agitato. Ma il finale forse era già scritto e sapete poi come è andata. Mettiamoci una pietra sopra e pensiamo al futuro".

Pesic amava il calcio fin da piccolino, quando, dopo la scuola, andava a giocare a pallone con gli amichetti. Con il passare degli anni ha finalizzato, grazie al sapiente aiuto di validi allenatori, la tecnica di base. Ama la sua famiglia ed i suoi adorati figli e grazie alla moglie, che lo supporta quando la domenica pomeriggio scende in campo, il talentuoso attaccante in campo si trasforma. Corre all’impazzata per finalizzare le trame di gioco che i compagni di reparto gli offrono quasi su un piatto d’argento. "Bene o male mi sono sempre trovato benissimo, con gli allenatori che ho avuto e con i compagni di squadra. Quando c’era da lottare per un obiettivo comune, non mi sono mai tirato indietro, in tanti anni di militanza. E’ la cosa continua tuttora".

Pesic quest’anno, prima che il Sanguinetto Venera uscisse di scena, ha segnato 17 gol. Se non avesse perso diverse gare, e poi escluso dal campionato, sarebbe stato un valido rivale di Turozzi del Valtramigna Cazzano e Marcolini del Montorio che guidano la classifica cannonieri del girone con 23 centri. "Onore e merito a Turozzi e Marcolini, due attaccanti di valore, ma io, per motivi non miei, non ho più potuto concorrere per un bel traguardo, provare a vincere la classifica dei cannonieri del girone B. Ma l’anno prossimo ci riproverò sperando di trovare l'ambiente ideale per poterlo fare".

Team Santa Lucia, Alpo Lepanto, Povegliano, Scaligera, Nogara, Alba Borgo Roma e Pastrengo, sono le sue ex squadre, prima di approdare al Sanguinetto Venera, che gli hanno regalato una selva di emozioni. "Ogni squadra in cui ho militato mi ha fatto crescere come giocatore e come uomo. Ho conosciuto molte persone e mi sono divertito moltissimo. I valori che si respirano nei dilettanti sono unici ed io li porto sempre dentro". Una cosa è certa, le sirene di mercato, finiti i campionati, si faranno sentire. Alexsander Pesic è pronto a nuove avventure e visto il suo talento da attaccante d’area di rigore le proposte non tarderanno ad arrivargli.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1186