Archivio: ULTIM’ORA

17/4/19
GIOVANNI GUCCIONE (CALDIERO TERME) PENSA GIA' ALLA FINALE

L’ANNO PROSSIMO, CON L’APPRODO AL CAMPIONATO DI SERIE D, POTREBBE INCONTRARE IL FRATELLO FILIPPO, CAPOCANNONIERE DEL GIRONE B CON LA MAGLIA DELLA PRO SESTO

Dopo la vittoria entusiasmante per 1 a 0 nel ritorno della semifinale di Coppa Italia Nazionale (sul difficile campo della Bagnolese, compagine emiliana vicino a Reggio Emilia. L'andata era finita 3 a 1 per i termali del Caldiero), con rete dell'attaccante classe 1989 Giovanni Guccione, ora il Caldiero ha già la testa alla finalissima prevista per mercoledì 8 maggio allo stadio “Buozzi” di Firenze, abituale sede casalinga della Primavera della Fiorentina. I gialloverdi veronesi se la vedrà contro i salentini del Casarano che hanno battuto il Team Nuova Florida (Roma) per 1 a 0 sia all'andata che nel ritorno.

Comunque andrà a finire la finalissima, il Caldiero del presidente Filippo Berti giocherà l’anno prossimo nel campionato di serie D, un traguardo storico, mai toccato prima, per capitan Lorenzo Zerbato e compagni. Non sta nella pelle la punta Giovanni Guccione che ha segnato il gol della sicurezza dell’approdo alla serie D nazionale. "Se ci penso ancora, cosa abbiamo fatto a Bagnolo, non ci credo. Siamo in serie D, è veramente fantastico. Devo dire, in tutta franchezza, che ce lo siamo meritati per la grande stagione sportiva che stiamo disputando. Siamo un gruppo di giocatori grandi amici fuori e dentro il rettangolo verde. Con alle spalle una società ed una dirigenza al top, dove non manca nulla per spiccare il volo".

Compie quest’anno 85 anni di vita il Calcio Caldiero Terme, l’approdo l’’anno prossimo in serie D è il giusto coronamento per i tanti anni di sacrifici fatti dal presidente Filippo Berti, spesso in giro per il mondo per lavoro, ma sempre vicinissimo alla sua squadra. Un plauso a mister Cristian Soave, allenatore preparatissimo che cura con professionalità ogni dettaglio e che sa caricare al meglio i suoi ragazzi. Gli danno una mano i vice allenatori Giampaolo Bazzoni e Silvano Bendinelli, il preparatore dei portieri Paolo Riccardi, il preparatore atletico Fabio Gaspari ed il team manager Ivan Miraglia. Completano i quadri dirigenziali il direttore sportivo Gian Luca Benini, il direttore generale Fabio Brutti, la segretaria Nadia De Bernardi ed il vice presidente Augusto Fanini.

Guccione ringrazia i suoi genitori Ettore ed Antonella e l’amata fidanzata Anna che lo seguono sempre con affetto e trepidazione nella sua carriera calcistica. Ma non perde di vista il proseguo della sua squadra in campionato. Il Caldiero, dopo 30 gare, è secondo con 65 punti in campionato dietro di un soli 2 punti alla capo

    a Vigasio guidata da mister Mario Colantoni che affronterà in trasferta proprio nel prossimo turno del 25 aprile. "Vogliamo vincere tutte le partite che ci separano da qui alla fine del campionato di Eccellenza. E' molto dispendioso correre per due obiettivi diversi, Coppa e Campionato, ma abbiamo tutti i mezzi per regalare grosse soddisfazioni ai nostri tifosi che ci seguono sempre con calore".

    Nella sua testa la vittoria finale in campionato, si consumerà nel duello tra il Vigasio ed il suo Caldiero. "Il Vigasio è una squadra molto tosta, non lo nego, ma noi non siamo da meno. Due squadre diverse per caratteristiche ma uniti dalla stessa grinta e voglia di coronare un sogno. Se guardo la nostra rosa è tanta roba. Abbiamo giocatori di indubbie capacità tecniche e che sanno deliziare, con le loro giocate, gli amanti del bel calcio dilettantistico. Lo stesso vale per il Vigasio". Gli sportivi veronesi si augurano di vedere il prossimo anno entrambe le squadre calcare il massimo  panorama dilettantistico veronesi.

    Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1066