Archivio: ULTIM’ORA

18/4/19
LUCA BARONI SEGNA 4 GOL MA L'ALPO LEPANTO PERDE LO STESSO

Una domenica da protagonista, per la punta dell'Alpo Lepanto Luca Baroni, culminata però con una sconfitta rocambolesca dopo una gara piena di ritmo ed occasioni. Cinque a quattro il risultato finale per i "viola" di casa del BorgoPrimoMaggio contro la formazione gialloverde di Perinon e soci. Ma Luca, ha modo suo, ha disputato una prestazione davvero da incorniciare segnando tutti e quattro le reti della sua squadra. Un magico poker che poteva mettere a sedere la squadra avversaria ma purtroppo per Baroni e compagni non è bastato: "Sono dispiaciuto che i miei 4 gol non siano bastati all'Alpo Lepanto per portare a casa i tre punti. Abbiamo pagato tanta sfortuna ma abbiamo giocato una bella gara, piena di grinta e di temperamento. Ma i nostri avversari del Borgoprimomaggio sono stati più incisivi di noi sotto rete".

Un campionato, quello del Lepanto, disputato alla ricerca di una tranquilla salvezza che si è consolidata sopratutto nel girone d'andata. Sono 42 i punti in classifica ad un turno dalla conclusione del girone B del campionato di Seconda categoria, un buon settimo posto che, neanchè farlo a posta, divide proprio con il "Borgo", l'avversario incontrato domenica scorsa. Le 13 vittorie e i 3 pareggi (13 le sconfitte) hanno messo al riparo l'Alpo da dispiaceri e testimoniano la buona sostanza della squadra gialloverde. "Siamo partiti a buon ritmo ma poi siamo calati alla distanza - dice Baroni -. La squadra è formata da un gruppo di ragazzi giovani, a volte acerbi, rafforzati dalla tempra di giocatori più esperti, tra i quali ci siamo io e Pippo Perinon. Tutto sommato, per come si è svolto il nostro campionato, non potevamo chiedere di più alla classifica che seconso me è veritiera".

A tal proposito fa un plauso alla Polisportiva Caselle promossa in Prima categoria con un paio di giornate di anticipo. "Una squadra, quella gialloblu, ben strutturata e con un mister, Giuseppe Bozzini, che voleva riassaporare la Prima Categoria. Ci sono riusciti con merito ed hanno staccato tutti arrivando sul traguardo a mani alzate. Una squadra che ha la miglior difesa, 29 gol subiti, e il miglior attacco, 68 gol fatti, e capace di vincere 20 volte su 29 partite giocate".

Luca Baroni vive all'Alpo con la moglie e due figli, ed è coccolato dalla sua famiglia che lo segue sempre con grande affetto. Con gli occhi lucidi ci confessa che domenica scorsa, prima di andare al campo di gioco del Borgoprimomaggio, la moglie gli ha sussurato all'orecchio che avrebbe fatto quattro gol, e così è stato. Come se un maga gli avesse letto il futuro nella sfera di cristallo. "Non avevo mai segnato 4 gol in un solo colpo. Sono entrato in campo contro il "Borgo" come un leone. Ho fatto quattro ruggiti (e ride divertito) che hanno spaventato il portiere avversario costretto a raccogliere il pallone nella propria rete per ben quattro volte. Una domenica che non dimeticherò facilmente".

Luca coglie l'occasione per augurare alla nostra redazione, ed a tutti coloro che amano il calcio dilettantistico, una serena Pasqua. Dopo la sosta pasquale si tornerà in campo domenica 28 aprile per l'ultima di campionato che vedrà i gialloverdi impegnati contro il Cadore davanti al pubblico amico. "Una gara che sarà, sia per noi che per loro, da fine campionato tranquillo. Tutte e due le squadre sono già salve quindi ci sarà da divertirsi. Il mio Alpo Lepanto vuole conquistare la 14^ vittoria di questa stagione e noi faremo di tutto per ottenerla".

Davvero complimenti alla società giallo-verde che ha rischiato qualche anno fa di sparire, come ci conferma il bomber e vice presidente Pippo Perinon: "4 anni fa ci si prospettava di dover chiudere per problemi finanziari così ho lasciato il Caselle e sono tornato a casa per salvare la società. Ho cominciato a coinvolgere Andrea Pozzerle (presidente e sponsor) ed abbiamo cercato di ricostruire il settore giovanile ripartendo con una squadra Juniores, una di Pulcini 2004-05 mista e una 2006-07, per un totale di circa 50 iscritti, oltre alla Prima squadra di Terza categoria. Pian piano ci siamo consolidati arrivando lo scorso anno a vincere la Coppa Verona e quest'anno a raggiungere la salvezza in Seconda già a febbraio. Anche il numero di tesserati è lievitato fino a 210 iscritti".

Chi bisogna ringraziare per questa grande rinascita?
"Oltre al sottoscritto e al presidente Andrea Pozzerle, grande il lavoro del diesse Alessandro Melchiori che si è occupato della Juniores, degli Allievi e dei Giovanissimi. Poi Diego Venturi, responsabile del settore giovanile, i dirigenti storici, da Luciano Bonizzato al "cuoco" Gino Vendramin fino a tutti i dirigenti che si sono occupati di seguire le varie annate. Ringrazio inoltre mister Adelchi Malaman che era supportato negli allenamenti da me e Marco Mengalli. Il prossimo anno la panchina andrà ad Umberto Bittante, mentre io, che sono neo patentato, probabilmente andrò a farmi le ossa su un'altra panchina ma resterò sempre nel direttivo gialloverde".

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1072